Home page Indietro Contatti Cerca nel sito RSS
Legge 512 - Protesta
Disattesa la legge sul risarcimento delle vittime
Archiviazione indagini 08.04.2008
Il testo della Conferenza Stampa del 10 aprile 2008
Locandina della conferenza stampa del 10/04/2008
comunicati del 05/04/2008
COMUNICATI del 01/04/2008
31/03/2008 - Notizia Ansa del 31/03/2008
30/03/2008
Comunicati del 28/03/2008
COMUNICATI del 27/03/2008
COMUNICATI del 21/03/2008
19/03/2008 - Lettera del 19/03/2008 a 'IL FIRENZE'
18/03/2008 - Comunicato lettera a Riina
15/03/2008 - Comunicato del 15/03/2008
04/03/2008 - Lettera aperta a Romano Prodi
I testi della conferenza stampa
23/02/2008 - Comunicato annuncio conferenza stampa del 27/02/2008
21/02/2008 - Lettera a A.Mariuccia Comm.Straor.Gov. per la gestione dei beni
21/02/2008 - Ansa del 21/02/2008
15/02/2008 - Comunicato del 15/02/2008
15/02/2008 - Ansa del 15/02/2008
05/02/2008 - Ansa del 05/02/2008
571
NOTIZIA ANSA del 15/03/2008

(ANSA) - BARI, 15 MAR - Nel giorno della Memoria e dell'Impegno contro le mafie, 'i Familiari delle Vittime della Strage di via dei Georgofili' rammentano che "il Fondo 512, Legge dello Stato del 22 Dicembre 1999, a sostegno di chi Ŕ capitato e spesso Ŕ stato messo nelle mani della criminalitÓ organizzata, Ŕ privo di fondi necessari a far fronte agli impegni stessi dello Stato".

Sono gli impegni - spiega l'associazione - "che la legge impone verso coloro che hanno fatto causa civile a 'Cosa nostra' per la strage di Firenze del 27 maggio 199.

Impegno e memoria vengono cosý calpestati, lÓ dove si intravede un cattivo uso dei beni confiscati alla mafia".

Per i parenti delle vittime della strage di via dei Georgofili "non basta far sorgere una scuola o una cooperativa lÓ dove prima la mafia aveva i suoi illeciti possedimenti, i patrimoni mafiosi requisiti dallo Stato devono servire soprattutto a ridare fiducia e speranza di vita a chi per mano di mafia ha pagato i prezzi pi¨ alti in questo Paese".

"Altrimenti - si conclude nella nota - saranno solo retorica e demagogia, che paiono convergere in un unico obiettivo, nascondere dietro ad un elenco di morti ammazzati, scomode e tragiche veritÓ". (ANSA).

15-MAR-08 10:47 NNNN