Home page Indietro Contatti Cerca nel sito RSS
Oggi in evidenza
    NEW!           NEW!  

17/11/2017 COMUNICATO: È MORTO RIINA

16/11/2017 NOTIZIA ANSA

16/11/2017 COMUNICATO

16/11/2017 COMUNICATO

16/11/2017 COMUNICATO

17/11/2017 NOTIZIA Adnkronos

17/11/2017 COMUNICATO

17/11/2017 COMUNICATO

17/11/2017 NOTIZIA ANSA

17/11/2017 NOTIZIA ANSA

19/11/2017 NOTIZIA ANSA


22/03/2015 Tornano sul sito i verbali dei dibattimenti

2710
NOTIZIA Adnkronos del 17/11/2017

" Lo stragismo mafioso fu concepito allora anche per ricattare lo Stato sul 41 bis"

Firenze, 17 nov. - (AdnKronos) - " Muore Salvatore Riina, capo di Cosa Nostra. Un boia responsabile di enormi delitti. Muore da perdente. Tra i suoi crimini anche l' attentato di via dei Georgofili a Firenze, il 27 Maggio 1993 (5 morti e 48 feriti). Lo stragismo mafioso fu concepito allora anche per ricattare lo Stato in cambio dell' abolizione del carcere duro e del 41 bis, che avrebbe consentito alla mafia di ricostruire la sua trama".
Lo afferma il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, fondatore di Articolo Uno - Mdp.

In un post su Facebook, Rossi riporta anche le parole di Giovanna Maggiani Chelli, portavoce dell' Associazione dei familiari delle vittime di via dei Georgofili, che ha commentato la morte di Riina " con parole lapidarie", che condivide e riporta: " Abbiamo speso 25 anni della nostra vita e non ce l' ha fatta, Salvatore Riina, a fare abolire sulla carta bollata il carcere duro. è morto in regime di detenzione 41 bis, questo è quanto dovevamo ai nostri morti".