Home page Indietro Contatti Cerca nel sito RSS
Cerca nel sito

Inserisci
una o più parole da ricercare
Cerca:
fra le notizie del periodo:


nei file del sito  
negli atti ufficiali
ma solo nella directory

Combina
le parole chiave con
"E"
"OPPURE"


Versione stampabile   


26 maggio 2013 ore 11,00 Regione Toscana - Firenze




Innanzitutto ci scusiamo profondamente fin d’ora chi oggi non si sentisse rappresentato, perché sia a livello personale che a livello di ente non abbiamo dato il nostro riconoscimento.
Già ieri c’erano risentimenti a mezzo stampa, e abbiamo avuto telefonate come Lance CB e pronti soccorsi.
Non abbiamo scordato nessuno a livello simbolico
I rappresentante dell’ordine dei medici c’è
Che rappresenta anche i pronti soccorso.
La protezione civile c’è.
Comunque chiunque crede può scriverci nella posta del nostro sito ed eventualmente ripareremo.
E’ chiaro che in una operazione come questa di consegna targhe a tutti quelli che c’erano è fortemente simbolico.
Abbiamo cercato di fare al meglio ma l’errore ci sta.
L’anno prossimo lo dico già fin d’ora il giorno dell’anniversario della morte di gabriele Chelazzi il 17 aprile 2014 in Tribunale aula Bunker consegneremo quelle targhe che abbiamo dimenticato.
_________________________


Memoria. Oggi, come molte altre volte, ci troviamo a parlare di memoria. Una parola che significa tante cose, una parola che però, alcune volte, è come un contenitore vuoto. Una specie di marchio da tirar fuori dagli scatoloni dei luoghi comuni per le occasioni speciali; da usare per riempirsi un po’ la bocca di retorica, e da riporre, poi, da qualche parte, a pigliar polvere.

Quest’anno, come tutti gli altri anni del resto, abbiamo provato a chiamare i quattro sindaci delle quattro città colpite dalle stragi; abbiamo provato a chiamare il presidente della repubblica; abbiamo provato a chiamare il presidente della camera. Le risposte, come al solito, sono equivalse ad un ennesimo, umiliante nulla di fatto. Eccola qui, la Memoria di cui si sente blaterare.

Molte volte, nonostante tutto, quello che ci succede è che uniamo la parola “speranza” alla parola “memoria”.

Sono 20 anni che speriamo. Prima di tutto, speriamo in una giustizia completa. Una speranza che tarda ad arrivare, ingoiata dalla maledetta sensazione che quella maledetta strage, per qualcuno, è come non ci sia mai stata.