Home page Indietro Contatti Cerca nel sito RSS
Cerca nel sito

Inserisci
una o più parole da ricercare
Cerca:
fra le notizie del periodo:


nei file del sito  
negli atti ufficiali
ma solo nella directory

Combina
le parole chiave con
"E"
"OPPURE"


Versione stampabile   

26 Maggio ore 16 - S.Apollonia
Intervento - Papello



Ringraziamenti

Le presenze del Presidente della Regione Toscana, del Presidente della Provincia di Firenze dell'Assessore di Giorgi in rappresentanza del Sindaco della città, sono per noi veramente qualcosa che viviamo come una speranza, una grande speranza per il futuro.
I tanti ragazzi che oggi sono qui con un compito di pungolo sulle istituzioni attraverso le loro domande, sui Magistrati che ancora una volta sono presenti al nostro fianco rappresentano, significano che noi abbiamo lavorato tanto, li abbiamo raggiunti e ci hanno ascoltato, oggi sono qui a sostenerci e a dare forza alle Istituzioni stesse schierate al nostro fianco.
Saranno con noi questa sera in via dei Georgofili all'1,04 mentre ancora una volta piangeremo i nostri morti, i nostri feriti, ma con qualcosa in più con la consapevolezza che la Consulta studentesca provinciale fiorentina che rappresenta tanti studenti e tanti altri studenti di vari licei come Il Marco Polo per il Turismo e il Leonardo Da Vinci, saranno con noi perchè in futuro vogliono capirne di più su quello che ci è successo.
Sentiranno suonare la martinella insieme a noi all'1,04, si commuoveranno, ma non sarà solo una emozione legata al solo fatto che Firenze non dimentica, ma fortemente legata al fatto che in cuor loro i giovani vogliono la verità e saranno li sul luogo della strage con noi per questo, a stringersi intorno a noi, per capire ripeto insieme a noi.
Il ringraziamento va a tantissime altre scuole che nel corso di questo 2011 ci hanno aperto le porte e che oggi hanno qui le loro rappresentanze.

Dopo le doverose parole di grandi ringraziamento ancora per tutti.

Il nostro sarà questo anno un intervento speciale, sintetico ma perentorio.
Del resto c'è aria di destabilizzazione in giro atta a stabilizzare uno status quo per quanti sono stati gli attori sulla scena della ricerca della verità per la strage di Via dei Georgofili.
Tutti gli attori nessuno fatto salvo.

La mafia fu in una situazione come questa attuale che noi stiamo vivendo, che nel 1993 mise a segno l'attentato terroristico di via dei Georgofili, la mafia destabilizzata al suo interno con norme volute da Falcone come il 41 bis, con processi messi a segno giusto da uomini come Falcone e Borsellino nel maxi processo, impaurita da minacce che vertevano ad arrivare alla confisca dei beni che aveva guadagnato illecitamente, spaventata da norme come quella che agevolava il pentimento dei suoi uomini migliori, nel tentativo almeno di tramutare il pentimento la collaborazione di giustizia, in quella pietosa cosa che è la dissociazione, per mezzo della quale il prezzo pagato dai mafiosi per essere lasciati in pace è praticamente nullo, ebbene la mafia ha imbastito una trattativa con lo Stato, lo Stato si è fatto sotto e in quel clima destabilizzato per la mafia i nostri figli sono morti .

Sono passati 18 anni e la situazione si è ribaltata, la mafia forse a causa di quella trattativa, usiamo il forse non perché non abbiamo certezze, ma perché vogliamo illuderci,ebbene la mafia si è stabilizzata e ad essere destabilizzati siamo noi però.

E allora ecco cosa facciamo in questo 18 anniversario: presentiamo senza tanti giro di parole, (e così lasciamo più tempo agli studenti per fare tante domande) il nostro "papello".

Lo presentiamo allo Stato qui questa mattina ad un tavolo di persone per bene, di persone che ci sono sempre state vicine e che contiamo siano il nostro veicolo verso le massime istituzioni quelle che per ora sono sorde perché hanno troppo in gioco da difendere:
"Papello"
presentato allo Stato dai familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili:


1) I collaboratori di giustizia devono avere più di 180 giorni per dire tutto quello che sanno

2) I mafiosi rei di strage devono restare a 41 bis per tutta la durata della pena e sempre anche in isolamento diurno .

3) Nessuna strada potrà essere percorsa dai mafiosi rei di strage per aggirare la pena dell'ergastolo ovvero fine pena mai a meno che non si pentano.
Non sarà ammessa mai la dissociazione solo la collaborazione con la giustizia a tutti gli effetti. Ovvero i mafiosi devono diventare poveri.

4) Siano dati alle forze dell'ordine tutti i mezzi e le tecnologie necessarie per l'arresto di Matteo Messina Denaro, nessuno intralci le operazioni dall'interno del Parlamento e dei gangli degli appari dello Stato questa operazione di stop latitanza, per un terrorista la cui libertà in giro per l'Italia rappresenta la vergogna di questo Paese.

5) Attraverso i beni confiscati alla mafia va annualmente remunerato il fondo 512 legge del 1999 di modo che quando le vittime di mafia devono acceder al fondo trovino immediatamente le risorse a cui hanno diritto.

6) Vanno erogate immediatamente le pensioni a quanti resi invalidi all'80% nelle stragi, sia bambini che ragazzi che non lavoravano, come stabilito dalla legge 206 del 2004

7) Sia preso il massimo impegno da parte della Magistratura per l'accertamento della verità senza se e senza ma, senza guardare in faccia a nessuno, nei fatti e non nelle parole.

8) Si richiede il mantenimento del massimo dell'autonomia dal potere politico per la Magistratura, nello specifico quella che indaga sulle stragi del 1993 vista la grande paura che ha di queste indagini la politica tutta.

9) Si richiede agli Editori delle testate giornalistiche il non condizionamento per tutti quei giornalisti, che del loro mestiere fanno una cosa seria e mai si lascerebbero iscrivere a libro paga dei partiti.

10) Sia istituita un norma secondo la quale chiunque sia in odore di mafia, debba uscire dal Parlamento così che la politica non sia costretta a scappare davanti alle proprie responsabilità di verità e giustizia per le stragi del 1993.

A differenza dei mafiosi, noi non siamo avidi. La nostra spinta non deriva dall'avidità, dalla sete di potere, dalla bramosia di denaro. La nostra spinta ci viene dai nostri morti e dai nostri feriti, la nostra spinta deriva dalla necessità quasi fisica di conoscere la verità e di urlarla a piena gola, fino a quando avremo voce per farlo, e quando noi saremo senza voce ci saranno altri a farlo insieme a noi, come dimostrano i ragazzi che si sono avvicinati a noi in questi anni.

Noi non siamo avidi come i mafiosi. Il papello di Riina conteneva 12 punti, noi ci accontentiamo di due di meno.
Noi ci accontentiamo di questi 10 punti, un decalogo, quelli che compongono il PAPELLO DELLE VITTIME.
Il "papello" di Riina, secondo quello che ci hanno raccontato per anni, si componeva di pochi punti. Ed è questo ciò che abbiamo creduto, fino al momento in cui non è stato prodotto di fatto e a sorpresa in quel papello di Riina abbiamo trovato ben 12 punti, fra i quali la vergognosa dissociazione.

Noi siamo meno pretenziosi dei mafiosi, noi siamo meno avidi di loro.
E poi noi, a differenza loro, per far "eseguire" le nostre richieste non abbiamo tritolo da mettere sotto casa di nessuno. Nessuno ce lo fornirebbe mai, nessun ente militare ci darebbe mai gli inneschi e i detonatori.
Il tritolo l'hanno già messo loro. Loro sul piatto della "trattativa" hanno messo gli omicidi dei nostri figli, noi mettiamo le nostre vittime.
La nostra trattativa quindi è aperta vediamo chi si farà sotto o se l'anno prossimo dovrò dirvi che non si è fatto vivo nessuno, per gli ovvii motivi, noi non abbiamo nulla da dare in cambio, ma nessuno però scordi che siamo stati buoni quale carne da macello in sede di una vergognosa trattativa mafiosa, (così continuiamo a chiamarla per comodità), fra Mafia e Stato.

Chiudiamo motivando il nostro papello e la nostra trattativa aperta :
noi crediamo fortemente che la mafia abbia voluto con forza e prepotenza le stragi del 93 come è scritto nei buoni processi di Firenze, così come siamo fermamente convinti che la mafia non fosse sola in via dei Georgofili e niente, diciamo niente e nessuno ci potrà fare cambiare idea sull'esistenza dei mandanti esterni a cosa nostra per le stragi del 1993.
Dovessero pure riscrivere la "divina commedia" negando l'esistenza dell'inferno, del paradiso e del purgatorio.

Vi invito tutti questa sera a Pizza Signoria ad assistere all'opera lirica la Traviata di Giuseppe Verdi, che vogliamo dedicare con l'aiuto economico della Regione Toscana a quanti credono che un riscatto ci sarà sempre basta liberarsi della mafia .
Ci saranno i nostri interventi, quello del procuratore Grasso, che non avendo potuto oggi rispondere alle domande degli studenti lo farà questa sera a Piazza Signoria dove Chiara Muccigrosso la Presidente della Consulta Provinciale studentesca farà il suo intervento a nome di tutti gli studenti che hanno fatto un percorso insieme a noi, e chiederà al proc. Grasso quello che a questi ragazzi di 15 16 17 18 anni sta a cuore lumi sul loro futuro proprio attraverso l'accertamento della verità sulla strage di via dei Georgofili.


Giovanna Maggiani Chelli