Home page Indietro Contatti Cerca nel sito RSS
Processo per la strage di Via dei Georgofili
I verbali del 1° dibattimento
collaboratori
consulenti
deleghe_in_corso_di_dibattimento
esame_imputati
esposizione_introduttiva
fascicolo_dibattimento
intercettazioni
lista_testi
polizia_giudiziaria
preparazione_esami_dibattimento
requisitoria
requisitoria_generale
richiesta_di_prove
sentenza_661998
sommario
udienze
vicenda_bellini
97_03_21.txt
97_07_04.txt
97_07_18.txt
98_01_16.txt
atto_di_impugnazione.txt
risc_fe.txt
riscont.txt
riscontr.txt

Note
Versione stampabile   
DIBATTIMENTO-1: preparazione_esami_dibattimento/pol_giud/giuttari/giutcapp.txt


[1]Ulteriore schema, parziale, per esame di GIUTTARI e CAPPOTTELLA, tenuto conto che si inizia con CAPPOTTELLA

---------------------------



ANTEFATTO (GIUTTARI):

A seguito dell'annotazione del 28.2.1994, che evidenzia i primi dati sul circuito SPATUZZA-AUTOTRASPORTI SABATO, il Pubblico Ministero in data 2.3.1994 dispone per l'acquisizione di una serie di tabulati, tra i quali quelli relativi a
- cellulare intestato a SPATUZZA Gaspare,
- cellulare intestato a AUTOTRASPORTI SABATO
- utenza "fissa" intestata a MAZZOLA TAORMINA,
- utenza "fissa" intestata a SABATO Pietro,
utenza "fissa" intestata a SABATO Gioacchina.
I tabulati vengono acquisiti in data 7.3.1994.


10.3.1994
DIA Firenze (GIUTTARI)
Con l'ann.ne in questione si riferisce circa l'acquisizione avvenuta il 7.3.1994 dei tabulati (oggetto del decreto del Pubblico Ministero del 2.3.1994 e si rappresenta la richiesta di acquisire il tabulato relativo al cellulare intestato a LO NIGRO Cosimo, dato che vi sono ricorrenze sul cellulare di SPATUZZA Gaspare.
(non vi è analoga richiesta nei confronti delle utenze riferibili a GIACALONE Luigi, in quanto il cellulare di SPATUZZA Gaspare è in contatto con l'utenza intestata alla AUTO G. & G., al momento non direttamente riferibile a GIACALONE Luigi.)

Si rappresentano, con la stessa ann.ne anche i primi accertamenti su VASILE e noleggi auto.
Emerge (documentazione acquisita presso l'EUROPCAR di Roma) il noleggio dell'ASTRA decorrente dal 10.8.1993 e, precedentemente, il noleggio il 1°.7.1993, di una Y10. Questo secondo noleggio è sato effettuato in Viareggio ed il mezzo è stato restituito, sempre a Viareggio, il 7.7.1993.


14.3.1994
DIA Firenze (CAPPOTTELLA)

Questa ann.ne rappresenta alcuni primi risultati dall'analisi dei tabulati acquisiti con i provvedimenti del 2.3.1994.

Viene proposto di assoggettare ad intercettazione alcune utenze, tra le quali:
- utenza "fissa" di VASILE Giuseppe, via Federico De Maria,
- utenza "fissa" di SABATO Gioacchina (ab),
- utenza "fissa" di SABATO Pietro,
- 2 utenze "fisse" di CARRA Antonino
- utenza "fissa" di LA BUA Liliana (che viene disposta in data 16.3.1994 e che viene attivata in data 18.3.1994),
- utenza "fissa" di MESSANA Antonino (che viene disposta in data 16.3.1994 e che viene attivata in data 17.3.1994).

Si richiedono provvedimenti per l'acquisizione di tabulati relativi, tra l'altro, alle utenze:
- cellulare di DI PAOLA Agostino,
- cellulare SABITAL,
- cellulari di CARRA Antonino e CARRA Michele,
- cellulare di TRIGILI Giovanni,
- cellulare di TUSA Silvia,
- cellulare di LA BUA Liliana.

- utenza "fissa" di VASILE Giuseppe,
- utenza "fissa" di CARRA Antonino,
- utenza "fissa" di LA BUA Liliana,
- utenza "fissa" di TRIGILI Giovanni,
- utenza "fissa" di MESSANA Antonino,
- utenza "fissa" di CORRERA Saverio,
- utenza "fissa" di SABITAL.

Le richieste nascono dal rilievo che l'utenza cellulare intestato a AUTOTRASPORTI SABATO Gioacchina risulta aver fatto spostamenti: il 10-12.2.1993, il 20/21.4.1993, l'11/12.5.1993, il 25/27.5.1993 (del tabulato si rimette una prima elaborazione al Pubblico Ministero).
Nel corso di tali spostamenti è entrata in contatto con le utenze oggetto dele varie richieste, escluse quelle riferibili a VASILE (e RICCOBONO).
Con particolare riferimento allo spostamento del cellulare "AUTOTRASPORTI Sabato Gioacchina" del 10.2.1993, si rileva la presenza di un passeggero imbarcato con un biglietto a nome "CARRA" su un volo (nr. BM 1123) Palermo/Pisa delle 14,35, con arrivo alle 15,55. Sullo stesso volo, con chek-in effettuato allo stesso orario del passeggero a nome CARRA, ha viaggiato un passeggero a nome DI PAOLA.
Si propone l'individuazione di "CARRA" in CARRA Pietro, sposato con LA BUA Liliana, in relazione anche al fatto che il 20.3.1993 presso la Squadra Mobile di Palermo sono stati effettuati atti giudiziari che collegano lo stesso CARRA Pietro alla persona di SABATO Gioacchina, in relazione alla ditta individuale e poi alla srl COPRORA. Vengono evidenziate le correlazioni di indirizzo tra le due ditte e l'abitazione della SABATO e del padre Pietro.
Vengono sviluppati accenni sulle vicende anche della COPRORA.

Si propone anche l'identificazione del passeggero che ha viaggiato con il biglietto a nome "DI PAOLA".
Vengono forniti elementi sul conto della ditta SABITAL.

Si rappresenta, nello stesso contesto e per i dati illustrati, che si svolgono quindi accertamenti per ricostruire i rapporti intercorrenti tra le seguenti persone:
- VASILE Giuseppe,
- SPATUZZA Gaspare,
- MAZZOLA Rosalia,
- LO NIGRO Cosimo,
- CARRA Pietro,
- CARRA Antonino,
- LA BUA Liliana,
- SABATO Gioacchina e SABATO Pietro,
- DI PAOLA Agostino.


16.3.1994
DIA FIRENZE (CAPPOTTELLA)

Si rappresentano ulteriori emergenze dallo sviluppo dei tabulati reltaivi ai cellulari intestati a AUTOTRASPORTI SABATO e a LO NIGRO Cosimo:

- GIACALONE Luigi, identificato come il titolare dell'AUTO G. & G. di Corso dei Mille, 1319 di Palermo
(CORRERA Saverio e MAIORANA Michele, entrambi soci della TRANS SERVICE con sede a Marina di Carrara)

(si segnala l'opportunità di rileggere gli atti dell'indagine a carico di VACCARO Antonino, alla luce dei rapporti intercorrenti tra lo stesso e GIACALONE Luigi da un lato, e CORRERA/MAIORANA dall'altro).



23.3.1994
DIA Firenze
Segnalazione circa sviluppi su intercettazione telefono fisso abitazione di CARRA Pietro, al fine di attivare intercettazione su cellulare intestato a LA BUA Liliana (0330/697041). Si è evidenziata la telefonata delle 16,26 del 23.3.1994, intercettata sull'utenza di abitazione di CARRA-LA BUA, con la quale CARRA Pietro, da fuori, comunica alla moglie che si deve assentare per circa "tre giorni", senza però ragguagliare la moglie su dov si deve recare e a fare cosa.

Dalle intercettazioni è risultato che CARRA Pietro faceva uso del cellulare intestato alla moglie.

Di fatto, l'intercettazione sul cellulare intestato a LA BUA Liliana, ordinata in data 24.3.1994, avrà inizio l'8.4.1994.
Questa intercettazione verrà sospesa (pre provvedimento del Pubblico Ministero del 14.4.1994) il 16.4.1994, con contestuale attivazione dell'intercettazione sul cellulare 0337/892735 intestato a MAZZOLA Rosalia.


28.3.1994
DIA Firenze (CAPPOTTELLA)

Rappresenta accertamenti fatti c/o l'anagrafe di Palermo e archivi locali organismi di pg, dal 4 all'11.3.1994.
L'esposizione deve mirare a stabilire, anche, che non hanno riferimenti parentali in territorio toscano, i nuclei familiari di VASILE Giuseppe, CARRA Pietro, SPATUZZA Gaspare, LO NIGRO Cosimo.
Che gli stessi, ad eccezione di CARRA Pietro, non hanno riferimenti analoghi in territorio lombardo-milanese; che gli stessi non hanno riferimenti in territorio laziale-romano.

Mi preme far risultare le circostanze di tempo e luogo dell'arresto di VASILE Giuseppe (si raccorderà con dichiarazioni di BRUSCA Giovanni): arresto eseguito in data 3.10.1993 alle 22,30, dalla Squadra Mobile della Questura di Palermo: il VASILE il 3.10.1993 era stato, all'atto del suo arrivo all'aeroporto di Palermo, a mezzo dell'ultimo volo proveniente da Napoli, accompagnato in Questura per essere esaminato come persona informata sui fatti. Era stato quindi arrestato, nella flagranza di reato in relazione al delitto di procurata inosservanza di pena (beneficiari i GRAVIANO), aggravato dalla finalità di mafia, a seguito di sospensione dell'atto di assunzione di informazioni.

Sul nucleo familiare dei VASILE specificare gli indirizzi delle varie abitazione e, in particolare, che l'indirizzo di Corso Tukory 8 è pertinente il contesto familiare dei VASILE.

Elaborare composizione anagrafica famiglia SPATUZZA, per stabilire i collegamenti di SPATUZZA Gaspare e la famiglia di origine della moglie (sono di riscontro all'analisi del traffico cellulare)

Indicazioni, tratte anche dalle resultanze anagrafiche, circa la riferibilità ai GRAVIANO della Reno' Service e della Palermitana Blocchetti. Citare data arresto di GRAVIANO Benedetto.


7.4.1994
DIA Firenze (GIUTTARI)
Identificazione di MANGANO Antonino, sulla base della delega sulle dichiarazioni di LA BARBERA Gioacchino.
Da evidenziare che MANGANO Antonino ha una condanna definitiva, pronunciata il 28.9.1989 dalla Corte di Appello di Palermo, per falso documentale continuato , commesso per favorire la latitanza di GRECO Michele, fatto per il quale MANGANO Antonino era stato tratto in arresto il 2.4.1986 dai CC. del Gruppo Palermo 2°.
Il fatto risaliva a quando MANGANO Antonino era stato presidente della delegazione comunale di SETTECANNOLI ed in tale veste aveva rilasciato il documento falso di identità.
Risultavano anche rapporti tra MANGANO Giovanni e QUARTARARO Filippo (quello poi ucciso il 26.6.1991).


18.4.1994
DIA Firenze (GIUTTARI)
Esito intercettazione CARRA Antonino (e RICCOBONO Giovanbattista)
Si segnalano, tra le utenze in contatto, quella intestata a CORRERA Saverio, via Zaccagna di Carrara, MAIORANA Michele Autotrasporti, NUOVA SUD FERRO, EUROSERVICE srl. Si tratta di ditte che sono state contattate anche dal cellulare "AUTOTRASPORTI Sabato Gioacchina".
Si formula quindi un giudizio di certezza (evidentemente per la coincidenza del circuito lavorativo dei due fratelli CARRA) sul fatto che il cellulare "AUTOTRASPORTI Sabato" è stato nella materiale disponibilità di CARRA Pietro, segnatamente nel maggio 1993.


19.4.1994
DIA Firenze. (GIUTTARI)
L'annotazione riferisce su vari punti oggetto di una delega data dal Pubblico Ministero il 2.3.1994 (unitamente quindi ai primi provvedimenti di acquisizione di tabulati).

Da evidenziare:
- il nucleo familiare dei fratelli GRAVIANO Giuseppe, GRAVIANO Filippo e GRAVIANO Benedetto, per riferire sul fatto che il padre Michele è stato vittima di omicidio e per isolare la figura di QUARTARARO Vincenza e di QUARTARARO Andrea, in relazione alla riferibilità ai GRAVIANO della Palermitana Blocchetti e della Reno' Service.

- la composizione della famiglia di SPATUZZA Gaspare, per isolare la figura del fratello Salvatore, irreperibile da anni.

- elementi tratti da atti acquisiti presso la Squadra Mobile di PA, dai quali emerge la identificazione di SPATUZZA Gaspare e di TUTINO Vittorio.[2]
Si tratta della identificazione avvenuta allorché gli stessi, il 6.11.1991, si trovavano a bordo di una Renault Clio tg. PA/A.80803 (condotta dal TUTINO Vittorio) che era stata venduta dalla RENO' SERVICE.

- Ulteriore elaborazione degli elementi che danno risalto investigativo alla persona di SPATUZZA Gaspare (a partire dall'OCC dell1.2.1994)

- Elaborazione sull'attivazione del cellulare-SABATO
- Elaborazione sui noleggi riferibili a VASILE Giuseppe. Importante far notare che risulta che VASILE il 1°.7.1993 effettuò il noleggio di una Y10 all'Europcar di Viareggio, con riconsegna del mezzo il 7.7.1993. E che poi effettuò il secondo noleggio, uesta volta di un'Astra, il 9.8.1993, a Torino, con riconsegna del mezzo il successivo 20.8 a Palermo.
Da ann.ne DIA Palermo 27.8.1993 emerge che VASILE per i suoi noleggi di auto indicava il proprio recapito in Corso Tukory, 8.


21.4.1994
DIA Firenze (GIUTTARI)
Riferisce su esito, negativo (per mancanza di conversazioni), dell'intercettazione sul cellulare n. 0337/892735 intestato a MAZZOLA Rosalia, moglie di SPATUZZA Gaspare. Risulta che l'utenza è inattiva dal 29.1.1994 al 4.3.1994 e si richiama che nei confronti di SPATUZZA Gaspare in data 1.2.1994 è stata emessa OCCC.
Vi sono stati, dopo la ripresa, alcuni "riutilizzi".

(Non è importante parlare a questo punto della parte che segue e che è riportata in corsivo, in quanto le singole situazioni verranno esposte illustrando il traffico telefonico sulle singole utenze.
Si segnala che vi sono contatti, sia per il marzo 1994 sia per il 1992, tra i cellulari di SPATUZZA Gaspare (quello attuale ed il precedente 0337/960208) e due cellulari: uno intestato a CIARAMITARO Giuseppa (chiamato per tre volte il 13.3.1994); uno intestato a CIARAMITARO Giovanni (13 volte nel corso del 1992). Il cellulare intestato a CIARAMITARO Giuseppa è stato chiamato anche dal cellulare (0337/899302) intestato a "Auto G. & G. di GIACALONE Luigi", in data 18.2.1994 .
Il cellulare "attuale" di SPATUZZA Gaspare riceve chiamate esclusivamente dal cellulare "di GIACALONE Luigi" e dal cellulare (0337/898975) intestato a LO NIGRO Cosimo.
Si afferma quindi l'esistenza di un "circuito" di rapporto ristretto tra GIACALONE Luigi, SPATUZZA Gaspare, CARRA Pietro e LO NIGRO Cosimo.)


22.4.1994
DIA Firenze (GIUTTARI)
Riferisce sulla sospensione (eseguita il 22.4.1994) dell'intercettazione sul cell.re intestato a MAZZOLA Rosalia. E sulla attivazione dell'intercettazione (eseguita anch'essa in data 22.4.1994) sul cellulare intestato ad AUTO G. & G.



22.4.1994
DIA Firenze (non mi pare rilevante)
Riferisce su intercettazione:

Int.ne VASILE Giuseppe iniziata 18.3.1994
Int.ne SABATO Pietro iniziata 18.3.1994


28.4.1996
DIA Firenze (GIUTTARI)
Riferisce su intercettazione cellulare di GIACALONE Luigi, precisando che le operazioni sono iniziate il 21.4.1994. Si evidenza l'attualità di rapporto, in Sicilia, tra SCARANO Antonio, GIACALONE Luigi ed altri.


10.5.1994
DIA Firenze (GIUTTARI)

(Emerge, per la prima volta, la figura di PIZZO Giorgio. Risulta che ha una condanna definitiva per rapina. Se non la abbiamo acquisita, bisognerà acquisirla.)

N.B. - La parte in corsivo, e tra parentesi, è assorbita dall'illustrazione dei tabulati e sarà quindi trattata da Cappottella.

Approfondimento collegamenti tra SPATUZZA Gaspare e i GRAVIANO alla luce del fatto che i GRAVIANO al momento dell'arresto avevano la disponibilità del cellulare di TAORMINA Costantino, cugino della moglie di SPATUZZA Gaspare.
Con l'occasione, chiarire quale era la condizione giuridica dei GRAVIANO, all'epoca dell'arresto (latitanti sia a condanne definitive, sia a misure cautelari)

(Approfondimento cellulare SPATUZZA, con particolare riferimento al contatto del 26.5 con cellulare CARRA e poi alle successive telefonate che dimostrano che SPATUZZA Gaspare era il materiale detentore del cellulare, visto che si registrano telefonate a casa della madre e della suocera.
Da porre in evidenza che il cellulare di SPATUZZA Gaspare non riceve telefonate dal 27.1.1993 e non le riceverà fino al 12.6.
Da porre in evidenza che, stando ai tabulati, non risultano altre presenze del cellulare sotto lo "055", nè in epoca antecedente nè in epoca successiva.
Da porre in evidenza le presenze del cellulare, a giugno e luglio, sotto lo "06" e sotto lo "02" e, anche a questo proposito, che gli intestatari delle utenze chiamate sono riconducibili nell'ambito familiare di SPATUZZA Gaspare. Ovvero, SPATUZZA Gaspare usa il cellulare per chiamare LO NIGRO Cosimo, in particolare durante lo spostamento del 22-28.7.1993.
Il traffico sul cellulare di SPATUZZA Gaspare durante questo spostamento va illustrato dettagliatamente, come quello sul cellulare LO NIGRO Cosimo.
Porre in evidenza i contatti, nello stesso periodo, tra il cellulare di SPATUZZA Gaspare e quello di LO NIGRO Cosimo.
Porre in evidenza che è dal solo cell.re di LO NIGRO Cosimo che SPATUZZA Gaspare riceve telefonate (17.7.1993, 31.7.1993 ed altre da specificare)
Porre in evidenza il successivo spostamento del cellulare di SPATUZZA Gaspare, il 20.8.1993, sotto il p.r. "06"
Ed ancora spostamento dei giorni 21-22.8.1993, e successivi, con particolare riferimento alle successive presenze "romane", compresa quella del 18.1.1994-21.1.1994 denunciata dalla presenza a Roma del "nuovo" cellulare di SPATUZZA Gaspare, quello intestato alla moglie.
Ed ancora: intensificazione dei rapporti "tra cellulari" anche tra SPATUZZA Gaspare e GIACALONE Luigi. Evidenziazione che, stando al traffico telefonico, risulta una sorta di circuito privilegiato tra LO NIGRO Cosimo, SPATUZZA Gaspare e GIACALONE Luigi.
Porre in evidenza che tra cell.re di CARRA e quello di SPATUZZA Gaspare figura il solo contatto del 26.5.1993, sotto lo "055".
Porre in evidenza, sotto il profilo in considerazione, l'intensità dei rapporti tra cellulari di SPATUZZA Gaspare (primo e secondo) e cellulare di LO NIGRO Cosimo (attivato l'11.6.1993), con particolare attenzione all'esistenza di queste ricorrenze anche in occasione degli spostamenti di entrambi i cellulari nel periodo e nei luoghi degli attentati.
Segnalare concomitanza della presenza dei due cellulari la sera del 28.7.1993 sotto lo "081")

Porre in evidenza la identificazione di SPATUZZA Gaspare, LO NIGRO Cosimo e GIACALONE Luigi il 24.9.1993 in via Conte Federico, alle 19,40, a bordo di un'auto.
Iniziare a porre in evidenza la figura di GIACALONE Luigi, anche con riferimento alla persona di QUARTARARO Filippo.
Porre in evidenza identificazione 19.11.1992 di GIACALONE Luigi e di GRIGOLI Salvatore.

Iniziare a porre in evidenza quanto risulta sul conto di LO NIGRO Cosimo, con riferimento all'attività nel settore della pesca.
Porre in luce i primi elementi raccolti sul conto di PIZZO Giorgio, a cominciare dalla qualità di condannato, con pena definitiva, a 7 anni di reclusione per rapina ed altro. Sarà solo "citato" il dato, emergente dall'analisi dei tabulati, che consente di individuare un primo collegamento con la persona di PIZZO Giorgio.

(Porre in evidenza il protrarsi di contatti, preferenziali, tra queste tre persono anche nel corso del 1994, mettendo in luce sia quanto emerge dalle intercettazioni telefoniche sia quanto emerge dai tabulati, con particolare riferimento alla presenza, sotto lo "06", del cellulare di LO NIGRO Cosimo (il 14.4.1994) e di quello di GIACALONE Luigi (dal 2.4 in avanti.

Approfondimento dell'uso del cellulare AUTOTRASPORTI SABATO, con riferimento agli spostamenti fuori Palermo e con riferimento ancora più specifico agli spostamenti:
- 10-12.2.1993: su Firenze;
- 19-20-21.4.1993: su Roma. Contatti con utenze-SCARANO, e, soprattutto, con utenza BRUGONI del 20.4.1993 alle 14,04.
- 10-12.5.12993, su 0961, 06, 055: con contatti con utenze SABITAL e MAIORANA Michele (anche per collegamenti tra questi e CORRERA Saverio)
- 24-27.5.1993: importante evidenziare i contatti con utenza di casa MESSANA e con cellulare SPATUZZA Gaspare. Sono dai da contestualizzare con gli accertamenti fatti sul traghetto "Freccia Rossa", con specifico riguardo al mezzo che CARRA (cioè a nome COPRORA) risulta imbarcato.

Approfondimenti sui contatti GIACALONE Luigi - SCARANO a livello di tabulati e di intercettazioni telefoniche. Vedi la conversazione intercettata il 23.4.1994 mentre anche SCARANO è in Sicilia e prende appuntamento con GIACALONE Luigi.
Di riflesso, evidenziazione delle frequenti presenze del cellulare di GIACALONE Luigi su Roma a partire dal gennaio 1994.

Ulteriori elementi:
- contatti a livello di cellulari tra CARRA e CASELLA Stefano (dire di chi si tratta) il 16.4.1993, e poi tra CASELLA e LO NIGRO Cosimo.
- contatti a livello di cellulari tra utenza LO NIGRO Cosimo e utenza BENIGNO Salvatore (il 10.8 ed il 6.9.1993).
- Contatti tra cellulare di BENIGNO Salvatore e quello di LA LIA Giovanni, quest'ultimo contattato sia da cellulare di SPATUZZA Gaspare, sia da cell.re PIZZO Giorgio, sia da cell.re di TAORMINA Costantino.)



30.6.1994
DIA Firenze. (GIUTTARI)

N.B. - La parte in corsivo, e tra parentesi, è assorbita dall'illustrazione dei tabulati e sarà quindi trattata da Cappottella.


Illustrare circostanze dell'arresto dei GRAVIANO (più di tutti gli altri) a Milano il 27.1.1994.

Illustrare la inattività del cellulare di SPATUZZA tra il 30.3.1993 ed il 25.5.1993, compresi.
E che la telefonata ricevuta dal cellulare di CARRA Pietro alle 1,04 del 26.5.1993 è la prima che proviene dal cellulare di SPATUZZA Gaspare dalla data del 30.3.1993.

Torna in rilievo la circostanza della identificazione a Palermo il 24.9.1993 di SPATUZZA Gaspare, LO NIGRO Cosimo e GIACALONE Luigi.

Tornano in rilievo i contatti, su cellulare, tra SPATUZZA Gaspare e LO NIGRO Cosimo, durante gli spostamenti del cellulare dell'uno e dell'altro, fuori Sicilia. Importante la compresenza dei due cellulari sotto lo 081 la sera del 28.7.1993.
Viene messo in evidenza che il cellulare di SPATUZZA Gaspare opera sotto lo "06" il 22.7; che è sotto lo "02" il giorno 23 (giorno del furto della UNO di Via Palestro); che ritorna sotto lo "06" il 27.7.1993
Viene messa ancora in evidenza la circostanza che in tutti i periodi precedenti il maggio 1993 (anni precedenti compresi) dal cellulare di SPATUZZA Gaspare non emergeva alcun spostamento fuori dalla Sicilia.
Vengono messi in evidenza gli spostamenti, fuori dalla Sicilia, del cellulare di SPATUZZA Gaspare successivamente al 27.7.1993.
Viene messa ancora in evidenza la circostanza che il cellulare di SPATUZZA Gaspare non riceve telefonate da alcuno durante gli spostamenti maggio-luglio 1993, a parte la chiamata che riceve dal cellulare di LO NIGRO Cosimo il 31.7.1993.
Viene messo in evidenza che dal cellulare di SPATUZZA Gaspare, quello "nuovo", emerge una presenza a Roma anche all'inizio del 1994 (18 e 19.1.1994, 21.1.1994).
Viene ancora messo in evidenza che uno solo è il contatto tra il cellulare di SPATUZZA Gaspare e quello di CARRA Pietro, mentre sono numerosi i contatti tra il primo e quelli di GIACALONE Luigi e di LO NIGRO Cosimo.
Il cellulare di LO NIGRO Cosimo, attivato l'11.6.1993, dal giorno 13 presenta ingressi sul cellulare di SPATUZZA Gaspare. A questa chiamata fanno seguito, fino al 6.10.1993, altre 63 chiamate; in direzione inversa si registrano 92 chiamate.
Quanto ai contatti tra cellulare di SPATUZZA Gaspare e quello di GIACALONE Luigi si rileva che essi sono iniziati il 24.8.1993.

Evidenziare contatti, risalenti al 1992, tra utenza (cellulare?) di CANNELLA "Fifetto" e SPATUZZA Gaspare.


Emerge un contatto dal cellulare di SCARANO al cellulare intestato a BENIGNO Salvatore, il giorno 13.5.1993 (il cellulare di SCARANO lavora sullo 06) Richiamare a questo punto le circostanze relative all'attivazione ed alla gestione del cellulare BENIGNO Salvatore, con particolare riferimento alla circostanza che il cellulare BENIGNO Salvatore il 12.5.1993 opera sotto lo "06" e contatta l'utenza di abitazione di BENIGNO Pietro.
Il successivo giorno 15.5 il cellulare BENIGNO Salvatore opera nuovamente sotto lo 091 (importante per correlazione con le dichiarazioni di SCARANO a proposito della immedita partenza degli attentatori).
Emergono anche contatti tra il cellulare BENIGNO Salvatore e quello di LO NIGRO Cosimo. Andranno dettagliati.

Viene ripresa la cronistoria dello spostamento di CARRA Pietro del 25-27.5.1993, e viene anche illustrao il contatto CARRA Pietro - utenza di MESSANA Antonino.


Vi è un'apertura sul conto di FERRO Giuseppe del quale è illustrato il curriculum criminale. Questa annotazione non è completa per quanto riguarda i periodi di detenzione/libertà di FERRO Giuseppe. Si menziona il solo arresto del 25.3.1994.
Si menziona, ed è importante, la scarcerazione dalla Casa circ.le di Messina del 29.4.1993.

Emerge la identificazione di GIACALONE Luigi e di GRIGOLI Salvatore il 19.11.1992 a Palermo.

Si dà atto dei contatti individuati tra GIACALONE Luigi e CARRA Pietro, anche a livello di conversazioni intercettate.
Sull'argomento non c'è da approfondire molto, anche perché non mi pare che si tratti di intercettazioni di cui abbiamo fatto fare la trascrizione al dibattimento.
Viene evidenziato, a proposito di CARRA Pietro, lo spostamento effettuato dal 23 al 28.3.1994 (mi pare che si possa parlare delle telefonate con l'occasione intercettate sull'utenza di casa di CARRA Pietro, dato che ne abbiamo fatto fare le trascrizioni).
Resta, comunque, che lo spostamento del cellulare di CARRA Pietro dimostra che egli si è recato in territorio 06.

Da porre in rilievo, per riscontro alla dichiarazioni di CARRA Pietro e di SCARANO circa l'auto che andarono a ritirare a Milano, con GIACALONE Luigi, lo spostamento del cellulare di CARRA Pietro lo stesso 24.3, con "presenza notturna" del cellulare di CARRA Pietro sotto lo 051 (00,34 del 25.3.1994)

Da segnalare che dal cellulare di CARRA Pietro alle 16,49 del 25.3 parte una chiamata diretta all'abitazione di GIACALONE Luigi.
Idem quanto alle telefonate del 26.3, nel corso della quale dal cellulare di CARRA Pietro partono telefonate dirette a utenze riferibili sicuramente a SCARANO: BRACALE, Casa di Cura Sant'Alessandro
Viene poi in evidenza che nella giornata del 29.3 sul cellulare di CARRA Pietro pervengono tre chiamate, tutte dal cellulare di GIACALONE Luigi che al momento opera sotto lo 06.

Porre in evidenza che il cellulare di CARRA Pietro è nuovamente presente sotto lo 06 il 2.4.1994, il che è confermato da quanto accertato presso la Compagnia di Navigazione Tirrena. CARRA Pietro, nell'occasione, entra in contatto con il cellulare di LO NIGRO Cosimo.
CARRA Pietro si trattiene "su Roma" fino almeno alle 11,22 del 3.4.
Dal cellulare risulta che vi fa ritorno il 13.4, mentre il 14.4, alle 09,04, il cellulare opera sotto lo 010 (il che vuo, dire che si è trattato di una presenza "veloce" su Roma, con prosecuzione del viaggio verso Genova.

A proposito del cellulare di GIACALONE Luigi, si segnala che opera sotto lo 06 dal 24.3 al 17.4, con un rientro sotto lo 091 il 31.3 ed una presenza in territorio abruzzese il 2.4. E' da sottolineare piuttosto la presenza, sporadica, sotto lo 091 il 31.3.
Più specificamente, dal cellulare di GIACALONE Luigi emerge:
- permanenza a Roma dalle 9,34 del 24.3 alle 17,22 del 30.3;
- spostamento su 091 il 31.3
- rientro sotto 06 il 1°.4, con telefonata delle 9,45 a cellulare di SCARANO.
- permanenza del cellulare di GIACALONE Luigi sotto 06, ininterrottamente dal 2.4 al 17.4 1994.
- alle 15,14 del 14.4.1994 il cellulare di GIACALONE Luigi opera sotto lo 06, SRB di "Formello"
Anche dal cellulare di GIACALONE Luigi emerge una chiamata al nominativo BRACALE, a dimostrazione della continuità di rapporti, in quel contesto, tra CARRA Pietro, GIACALONE Luigi, SCARANO.

L'8.4.1994 alle ore 9,15 ed il 14.4 alle 13,45, dal cellulare di GIACALONE Luigi partono telefonate dirette all'utenza di abitazione di FIORDISPINA Giuseppa, che è la moglie di GRIGOLI Salvatore.
Il 12.4.1994, alle ore 8,47 e 19,23, dal cellulare di GIACALONE Luigi partono due telefonate per l'utenza intestata a LI SACCHI Gaetano (vale a dire per l'utenza dell'autolavaggio di TROMBETTA Agostino)
Il 16.4 partono due telefonate dirette alla Casa di cura Sant'Alessandro.
Lo stesso 16.4, e poi il 17.4, telefonate dirette all'utenza di SANTAMARIA Giuseppe.
Il 17.4 due telefonate dirette all'ALITALIA.

Una volta rientrato a Palermo, dal cellulare di GIACALONE Luigi il 22.4.1994 parte una chiamata diretta al cellulare di SPATUZZA Gaspare (quello intestato alla moglie MAZZOLA Rosalia). Mi pare che si tratti di telefonata intercettata, quindi si può entrare nel contenuto. Di fatto GIACALONE Luigi chiede alla donna di passargli "il ragazzo". Poi vi è una seconda telefonata, sempre tra GIACALONE Luigi e la MAZZOLA.
Il cellulare "SPATUZZA Gaspare" nel contesto contatta anche il cellulare di LO NIGRO Cosimo.
Quella stessa sera, alle 22,12, GIACALONE Luigi cerca di contattare SCARANO.
E' intercettata una telefonata delle 22,17 del giorno 23.4 con la quale GIACALONE Luigi dice a SCARANO di raggiungerlo in Piazza a Tre Fontane per portare lo stesso SCARANO e la moglie a incotrarsi con "un amico" che voleva vedere SCARANO.
Evidenziare che è stato identificato l'immobile di GIACALONE Luigi a Tre Fontane di Campobello di Mazara, via Milano n. 51.

Sia il cellulare di CARRA Pietro sia quello di GIACALONE Luigi presentano chiamate dirette a PERGAMO Francesco (su due utenze, fisse, diverse). Da porre qui in correlazione con l'acquisto della Fiat UNO presso l'autosalone di PERGAMO.

A proposito, ancora, del cellulare di LO NIGRO Cosimo (sul conto del quale si evidenzia il legame affettivo con la fglia di GIACALONE Luigi) , si evidenzia che anche questo apparato lavora sotto lo 06 dal 2.4 al 14.4.
Il 5.4 e poi l'8.4.1994 il cellulare di LO NIGRO Cosimo effettua ripetute chiamate all'utenza di abitazione di GRIGOLI Salvatore ed anche all'utenza della FIORDISPINA.
Il 14.4 il cellulare di LO NIGRO Cosimo, alle ore 00,01 e alle ore 7,08, opera sotto la SRB di Formello, in entrambe le occasioni chiamando il cellulare di GIACALONE Luigi.
Il successivo giorno 15.4 il cellulare di LO NIGRO Cosimo opera sotto lo 091.

Anche il cellulare di SCARANO il 14.4 opera sotto la stessa SRB di Formello (RM3)

Viene poi messa in evidenza un'altra serie di circostanze: incidente del 10.5.1993 di GIACALONE Luigi sulla Salerno-Reggio Calabria (non è circostanza sulla quale però ci si debba soffermare. E nemmeno sul punto dei contatti - REDONDI etc.- che GIACALONE Luigi intratteneva a Milano per i suoi traffici di auto)

Vi è poi da illustrare la vicenda, antefatto compreso, dell'arresto di GIACALONE Luigi e di SCARANO a Palermo il 3.6.1994 e spiegare come l'arresto nasca da indagine sulle stragi.
Con l'occasione illustrare la circostanza che GIACALONE Luigi, nell'autosalone, era coadiuvato da AIELLO Matteo.
Bisogna a questo punto introdurre le attività di PG (che saranno, come successione di atti, riferite dai CC.) che hanno portato alle varie operazioni di perquisizione e sequestro eseguite nei confronti di SCARANO e di GIACALONE Luigi.

Bisogna illustrare a questo punto anche i documenti rinvenuti a GIACALONE Luigi:
- il registro delle auto, per evidenziare l'auto venduta a MESSINA DENARO Matteo, quella venduta a GRIGOLI Francesco, quelle che venivano da Roma (Pergamo, "Fiori", le altre auto della SIV Auto portate a Palermo da FIONDA);
- i numeri telefonici che aveva GIACALONE Luigi, compresi i due riferibili a ALEI Giuseppe, quello della villetta di Capena. Rilevanti quelli (utenza fissa e cellulare) intestati a MORONI Bruno, a PERGAMO Francesco, a LIBERATI Giuseppe, a casa di SCARANO a Triscina;
- la documentazione cartacea trovata a GIACALONE Luigi, compreso il famoso biglietto con l'elenco degli invitati al fidanzamento, che da una telefonata intercettata a casa GIACALONE Luigi il 1°.6.1994 risulta era fissato per il 26 giugno, della figlia di GIACALONE Luigi con LO NIGRO Cosimo. (non so però se la DIA è in grado di riferire in merito, dato che ne ha parlato il solo DI FILIPPO Pasquale).

Ed inoltre, i numeri telefonici rinvenuti a SCARANO, all'atto dell'arresto.
Da segnalare che le uniche utenze palermitane che risultano sono quelle di GIACALONE Luigi.


Potrebbe essere utile (ma non so se la telefonata sia stata trascritta) far riferire sulla telefonata del 21.6.1994 intercorsa tra LO NIGRO Cosimo ed il cognato CARUSO Giuseppe, nel corso della quale LO NIGRO Cosimo dice che si trova a Roma.



15.9.1994
DIA Firenze (GIUTTARI)

N.B. - La parte in corsivo, e tra parentesi, è assorbita dall'illustrazione dei tabulati e sarà quindi trattata da Cappottella.


Accertato che il cancello di ferro dell'ingresso al cortile di SICLARI Pietro era stato riparato dal fabbro BERTO Giuseppe. Riparazione (secondo le dich.ni raccolte dalla DIA) effettuata nel 1993.

Non è da soffermarsi sugli altri riscontri che riguardano i racconti di DI NATALE Emanuele sul fatto che tutto l'esplosivo era, a suo dire, partito dal suo cortile (per Firenze, etc.)


(La parte sottolineata e in grassetto è importante per CAPPOTTELLA, che dovrà farvi riferimento allorché illustrerà il tabulato TUSA/1
Approfondimento spostamento SCARANO 18-20.4.1993.
Alle 19,12 e 21,26 SCARANO telefona alla moglie dallo 081.
Se ne deduce che si trova a Napoli. Emerge riscontro (per nominativo e per auto) da accertamento fatto sulla società di navigazione TIRRENIA, da illustrare nel dettaglio.

Dall'indomani mattina chiama dallo 091. Si tratta di chiamate riferibili a lui: LIBERATI, la moglie, CANDALESE etc.
Non è da soffermarsi sulle telefonate a LOMBARDO Michele, salvo che non arrivino domande della difesa.
Vengono in evidenza chiamate subito dopo la mezzanotte del 19/20.4 con chiamate fatte dallo 0961 al cellulare di CARRA Pietro (cellulare Sabato).
L'indomani mattina il cellulare di SCARANO riceve quattro telefonate dal cellulare di CARRA Pietro, che opera sotto lo 06.
Dal cellulare di CARRA Pietro lo stesso giorno del 20.4.1993 parte anche una telefonata diretta all'utenza di BRUGONI Nazareno, chiamata anche, lo stesso giorno, dal cellulare di SCARANO.
Il cellulare di CARRA Pietro la stessa sera del 20.4 opera sotto lo 081, dove si trattiene fino all'indomani mattina, dopo di che via terra (vd chiamate fatte sotto lo 0961) rientra sotto lo 091 (tel. delle 16,30).

Non interessa menzionare il viaggio del 5.5.1993 di SCARANO verso il "nord".

Ancora per le ricorrenze significative del cellulare di SCARANO nel 1993,
- le tre chiamate delle 20,28, 21,41, 21,44 del 13.5 sul cellulare di BENIGNO Salvatore; direi che sono chiamate importanti, anche pe farci sopra qualche considerazione, visto che si tratta dell'orario "a cavallo" del primo fallito attentato a COSTANZO.
Viene messo in rilievo che il cellulare BENIGNO Salvatore il 12.5 si trova sotto lo 06 da dove viene effettuata una chiamata all'utenza fissa intestata a BENIGNO Pietro.
Importante: viene messa in correlazione -questa chiamata- con quella che viene fatta dal cellulare di GIACALONE Luigi l'8.4.1994, alle 13,17, dallo 06/RM3, per 43 secondi alla stessa utenza fissa.
Viene anche messo in rilievo che il cellulare di BENIGNO Salvatore è stato chiamato da quello di LO NIGRO Cosimo il 10.8 ed il 6.9.1993.

Vengono messe in evidenza altre chiamate dal cellulare di SCARANO, anche in occasione di suoi spostamenti:
- dal 5 al 7.7.1993 il cellulare di SCARANO opera sotto lo 091. Ma questa affermazione (contenuta nell'annotazione 15.9.1994 è sbagliata. Il cellulare, in effetti, non si sposta dallo "06".

La parte sottolineata e in grassetto è importante per CAPPOTTELLA, che dovrà farvi riferimento quando illustra i tabulati di SPATUZZA Gaspare e di LO NIGRO Cosimo:
Quanto al mese di luglio, viene messo in evidenza, a questo punto, che il 28.7.1993 vi è il noto scambio di telefonate (le abbiamo trascritte al dibattimento) tra SCARANO e FRABETTI Aldo che menzionano anche Napoli. Occorre che siano illustrate dettagliatamente, ponendole in correlazione con il dato che la stessa sera del 28.7 operano sotto lo 081 sia il cellulare di SPATUZZA Gaspare (ore 20,19) sia quello di LO NIGRO Cosimo (20,01, diretta allo stesso cellulare di SPATUZZA Gaspare). Il dato è importante in quanto dai racconti di SCARANO e di SANTAMARIA si trae che i quattro attentatori andarono a Napoli su due macchine diverse, e da qui la possibilità che LO NIGRO Cosimo e SPATUZZA Gaspare si siano dovuti sentire per telefono, prima di imbarcarsi sulla stessa nave per Palermo.
Risulta che quella sera del 28.7.1993 partì da Napoli, con direzione Palermo, la M/n "Capo Spartivento", che iniziò il viaggio non alle 20,00 bensì alle 20,25.
E' rilevante che, dai tabulati, risulta che i cellulari di SPATUZZA Gaspare e di LO NIGRO Cosimo l'indomani mattina operano sotto lo 091 e, in più, che il cellulare di SPATUZZA Gaspare alle ore 7,16 chiama proprio quello di LO NIGRO Cosimo. Il cellulare di LO NIGRO Cosimo alle 6,38 chiama l'utenza fissa del cognato CARUSO Giuseppe.)

Non interessano le intercettazioni su SANTAMARIA e SCARANO, fatte ne corso della ns. indagine, dal momento che non le abbiamo fatte trascrivere.

Non interessano tutte le altre stupidaggini di DI NATALE.



10.10.1994
DIA Firenze.[3] (GIUTTARI)
Tratta l'analisi della documentazione sequestrata a GIACALONE Luigi e a SCARANO a seguito dell'arresto.

L'annotazione segnala:
- nominativi, indirizzi e numero telefono LIBERATI-CANTALE su agende di GIACALONE Luigi.
- nominativo Agenzia Assicurazioni Capena (viene stabilito il collegamento tra l'agenzia di assicurazioni e la Fiat Regata tg. Salerno di SCARANO;
- numero di cellulare di SANTAMARIA Giuseppe (indicato come "Pino Roma");
- le emergenze dal registro di carico dell'autosalone di GIACALONE Luigi delle auto portate da Fionda, compresa la Fiat UNO con la targa dell'auto della Fiori;
- biglietto da visita di MORONI Bruno (soccorso stradale) che si trova anche tra i documenti di SCARANO;
- recapiti telefonici di "Roberto Capena" (si tratta di PETRUCCI Roberto)


21.11.1994
DIA Firenze e Roma (GIUTTARI)
Sono i riscontri sulla vicenda delle riparazione della Volvo.



30.1.1995
DIA Firenze (GIUTTARI)
Illustrare l'attività investigativa che porterà a sviluppare tutti i contatti più significativi di SCARANO (alcuni comuni anche a GIACALONE Luigi), ricostruiti con le ultime indagini della DIA:

- LIBERATI - CANTALE;
- BRUGONI,
- BIZZONI , sul conto del quale si dovranno precisare i dati dai quali risulta l'attualità di rapporti tra lui e SCARANO riferita al periodo delle stragi.
Non si possono citare i contenuti delle intercettazioni in quanto non le abbiamo fatte trascrivere: basterà rifarsi ai dati di tabulato.
- MORONI, sul conto del quale si segnala anche che dispone di un autocarro (non so se sia quello usato come carro-attrezzi).
- SANTAMARIA,
- PETRUCCI - Capena Affari 2000.
A questo proposito PANCRAZI ha già riferito che, facendo gli accertamenti sul PETRUCCI, si è appurato che SCARANO aveva fatto assicurare una FIAT Regata targata Salerno presso l'agenzia Assicurazioni CAPENA, con contratto 22.2-22.6.1994.

Vi è, di rilevante, anche lo sviluppo dell'accertamento circa il contratto di acquisto che aveva fatto SCARANO per Fiano Romano.

Non è da soffermarsi, salve domande dei difensori, sugli altri, a partire da BALDUCCI.



6.2.1995
DIA Firenze (GIUTTARI)
Resoconto su atti di indagine delegati, specificamente importanti per le posizioni di LIBERATI, CANTALE, GRECO Rosalba, PAGNOZZI, MORONI.

Occorre che siano essenzialmente illustrate le attività di indagine che hanno portato alla identificazione dei vari appartamenti (Dire Daua etc.). Illustrare quanto è emerso sulla gestione dei vari appartamenti (proprietari, locatari, epoche, etc.):

Inoltre dettagliare:
- detenzione di LIBERATI dal 13.5.1993 al 21.7.1993, seguita da arresti domiciliari e, poi, da concessione di permesso per andare a lavorare. L'individuazione della circostanza in questione si è resa necessaria in quanto ad essa aveva fatto riferimento CANTALE Simonetta per indicare l'epoca di iniziale conoscenza, a Roma, di "Luigi", amico di SCARANO, commerciante di auto a Palermo, che si era presentato assieme a "Gaspare";

Solo da citare:
- identificazione di PAGNOZZI e BENDIA quali donne che avevano accompagnato la CANTALE a fare le pulizie;
- indicazioni, provenienti anch'esse da CANTALE Simonetta, circa certo "Peppe" (sul momento non identificabile) che, verso la Pasqua del 1994, era stato a casa della medesima assieme a SCARANO e a Luigi (GIACALONE Luigi);
- indicazioni analoghe, provenienti sempre da CANTALE Simonetta, di altre persone che in quel periodo erano a Roma e, tra l'altro, andarono una volta a pranzo con SCARANO e la medesima CANTALE: "Luigi", "Peppe" già menzionato, e "Cosimo".
- più esatta definizione dell'utilizzo della villetta di Capena (vd. soprattutto per dich.ni della Pagnozzi, che ricorda di aver trovato i letti disfatti). Conferma da parte della stessa Pagnozzi della presenza di "Luigi" -che la Pagnozzi conosce personalmente ricordando di essere stata invitata da "Luigi" in Sicilia- e di altre persone che le fu detto erano amici di SCARANO.




7.2.1995
DIA Firenze (GIUTTARI)
Sempre su individuazione appartamenti (vd. punto che precede). Emerge la figura di BIZZONI, al momento solo in relazione a Via Dire Daua.


9.2.1995[4]
DIA Firenze (GIUTTARI)

IMPORTANTE
Data della perquisizione (9.2.1995) che è stata effettuata, per la prima volta, alla villetta di Capena.
Questa prima perquisizione è negativa.
GiUTTARI dovrà riferire sulle varie operazioni effettuate in occasione di questa prima perquisizione.
Poichè gli spadini e gli sbozzi delle chiavi sono stati rinvenuti solo in occasione di un ulteriore accesso alla villetta, e PANCRAZI e SILVESTRINI hanno spiegato che gli oggetti si trovavano sotto un cestino, di coccio, nel quale si trovavano delle nocciole, GIUTTARI dovrà precisare se ricorda di aver notato cestino e nocciole.
GIUTTARI dovrà anche leggersi le dichiarazioni rese sul punto al dibattimento da PANCRAZI e in particolare da SILVESTRINI, in quanto è emerso: che in occasione del primo accesso a Capena (per identificare Alei e per farsi indicare la villetta affittata a SCARANO Antonio) non fu fatta alcuna perquisizione; che per fare, successivamente, la perquisizione è stato fatto intervenire ALEI che disponeva delle chiavi; che, eseguita la perquisizione, la chiave fu restituita ad Alei.

Cronistoria dell'acquisto del trattore Volvo ad Asti, da parte della CO.PRO.RA.


Se ha mai fatto colloqui investigativi
Se ha mai compiuto atti con l'intervento di persone sottoposte ad indagini (ed in assenza del Pubblico Ministero).
Se si è mai occupato, nella presente indagine, dellla generica.
Quale è stata la sua precedente attività professionale; e se ha mai avuto da occuparsi di autobombe.


Estremi atti di perquisizione compiuti, a Napoli, nei confronti di LO NIGRO Cosimo e famiglia allorché rietravano da Milano a Palermo il 23 (?).4.1995.


Scheda aggiornata di FERRO Giuseppe.

-----------------------
[1]
[2]- La documentazione di questi noleggi è stata prodotta da noi ?

[3] Dovrà stabilirsi su quali cose riferiscono i CC. di Palermo e su quali la DIA

[4] (in fasc. dib.to vol. 5)