Home page Indietro Contatti Cerca nel sito RSS
Processo per la strage di Via dei Georgofili
I verbali del 1° dibattimento
collaboratori
consulenti
deleghe_in_corso_di_dibattimento
esame_imputati
esposizione_introduttiva
fascicolo_dibattimento
intercettazioni
lista_testi
polizia_giudiziaria
preparazione_esami_dibattimento
requisitoria
requisitoria_generale
richiesta_di_prove
sentenza_661998
sommario
udienze
vicenda_bellini
97_03_21.txt
97_07_04.txt
97_07_18.txt
98_01_16.txt
atto_di_impugnazione.txt
risc_fe.txt
riscont.txt
riscontr.txt

Note
Versione stampabile   
DIBATTIMENTO-1: preparazione_esami_dibattimento/collabor/sinacori/sinacor2.txt



|idem |SCARANO |Ne fu fatto il nome nella prima riunione, quella a Castelvetrano. | |
| | |Per l'esattezza (precisazione in sede di verbale), nella riunione | |
| | |di Castelvetrano MESSINA DENARO Matteo disse che a Roma potevano | |
| | |contare su un calabrese, indicato come persona di assoluta fiducia | |
| | |che, secondo Matteo, aveva anche commesso un omicidio. | |
| | |Si trattava di persona conosciuta da MESSINA DENARO Matteo. RIINA | |
| | |era al corrente dell'esistenza di SCARANO e che si trattava di | |
| | |persona affidabile. SINACORI Vincenzo sa che a SCARANO era stato | |
| | |fatto fare un omicidio: era MESSINA DENARO Matteo che aveva | |
| | |raccontato a SINACORI Vincenzo che SCARANO aveva fatto, da solo, a | |
| | |Roma, un omicidio. | |
| | |SCARANO era stato amico di "CANNATA" di Partanna, vale a dire di | |
| | |ACCARDO, Stefano e fors'anche Francesco. | |
| | |SINACORI Vincenzo non aveva mai visto prima SCARANO. E lo vede | |
| | |anche solo in occasione di questa trasferta a Roma; successivamete | |
| | |MESSINA DENARO Matteo gli dirà che SCARANO, che veniva a farsi | |
| | |l'estate in una sua casa o a Triscina o a Tre Fontane, capitando lì| |
| | |aveva visto SINACORI Vincenzo e lo aveva riferito a MESSINA DENARO | |
| | |Matteo, che poi lo racconterà a SINACORI Vincenzo. Questi però non | |
| | |aveva visto SCARANO. | |
| | |Era solo MESSINA DENARO Matteo che conosceva SCARANO, prima di | |
| | |questa trasferta romana e solo MESSINA DENARO Matteo garantiva per | |
| | |lui. | |


24.6.1997 |su iniziative per affittare su Roma altri appartamenti, con interessamento di SCARANO. E con interessamente di GERACI Francesco. |Non è al corrente di iniziative in tal senso di MESSINA DENARO Matteo, dopo che il Pubblico Ministero gli ha chiesto se sa di una somma di 20 milioni data da MESSINA DENARO Matteo a SCARANO, nella gioielleria di GERACI Francesco, per concludere un affitto su Roma.
Sa invece che MESSINA DENARO Matteo intendeva chiedere a GERACI Francesco di affittare un appartamento in centro (piazza di Spagna, piazza Navona), a Roma, per non avere bisogno di nessuno al quale chiedere appoggio "su piazza". Così si poteva "mettere da parte lo SCARANO" ... e ... "chiunque. Eravamo noi a gestirci tutto".
GERACI Francesco, dato che era un incensurato, era la persona più indicata a questo proposito.
Ignora che GERACI Francesco avesse poi affittato effetivamente un appartamento, questo però fuori Roma. | | |
|24.6.1997 |su un traffico di |E' a conoscenza di una partita di hashish, gestita da MESSINA | |
| |hashish che aveva |DENARO Matteo, da BAGARELLA Leoluca e da GRAVIANO Giuseppe, nel | |
| |interessato anche |traffico della quale aveva avuto parte anche SCARANO. Non sa se | |
| |SCARANO. |SCARANO per gestire questo hashish scese giù in Sicilia a prenderlo| |
| | |personalmente. | |
| | |In ogni caso si trattava di un'operazione cospicua, tanto che lo | |
| | |stesso SINACORI Vincenzo avrebbe dovuto avere 50 milioni dal la | |
| | |somma ricavata dall'immissione sul mercato dello stupefacente. Di | |
| | |questi 50 milioni, 20 dovevano andare a GANCITANO Andrea . | |
| | |BIONDINO Salvatore, quando fu arrestato, aveva la disponibilità di | |
| | |questa somma che SINACORI Vincenzo avrebbe dovuto ricevre. | |
| | | | |
| | | |Su qyesta |
| | | |circostan-za |
| | | |pos-siamo |
| | | |chiedere |
| | | |riscontri al |
| | | |ROS. |
|idem |noleggio auto. |Utilizzando una carta di credito, quando SINACORI Vincenzo e GERACI| |
| |Uso auto |Francesco giunsero a Roma noleggiarono una Y10, alla stazione | |
| | |A seconda delle necessità utilizzavano la Y10 per girare per Roma, | |
| | |ovvero la posteggiavano e prendevano il taxi. | |
| | |Per andare ai Parioli utilizzavano la Y10. | |
|idem |l'incontro a Piazza di |Il luogo in cui vi fu il primo incontro non fu Piazza di Spagna, | |
| |Trevi |bensì Fontana di Trevi. | |
|idem |sistemazione delle armi |Il tutto fu messo "sotto la scala dell'abitazione dello SCARANO. | |
| |e dell'esplosivo |... Lì c'era sua moglie, i suoi figli là". | |
| |Consistenza |L'esplosivo poteva essre sui 50 o 100 chili, e comunque sufficiente| |
| |dell'esplosivo |per eseguire un attentato con l'autobomba. | |
|idem |L'attività di |Nei primi giorni l'inchiesta si polarizzò sul Ministero (Via | |
| |"inchiesta" svolta sugli|Arenula, come dice SINACORI Vincenzo). Vengono studiati gli | |
| |obbiettivi oggetto del |obbiettivi FALCONE e MARTELLI. | |
| |programma. |Si sono messi anche in giro per ristoranti, ma senza risultato | |
| | |alcuno. | |
| | | | |
| | |Si stabilisce quindi di studiare l'obbiettivo Maurizio COSTANZO, a | |
| | |partire dal teatro Parioli. | |
| | | | |
| | |Stabilito che l'obbiettivo è praticabile, con MESSINA DENARO Matteo| |
| | |viene deciso di eseguire l'azione con le armi da fuoco. In questa | |
| | |prospettiva viene deciso di utilizzare i "napoletani. SINACORI | |
| | |Vincenzo va a Napoli e va a parlare con Ciro NUVOLETTA, "Maurizio" | |
| | |e "Armando" | |
| | |I napoletani prendono atto che c'è bisogno di loro e Ciro NUVOLETTA| |
| | |e "Armando" salgono a Roma in auto. | |
| | |Nel frattempo prosegue l'inchiesta su Costanzo: l'inchiesta veniva | |
| | |eseguita "a tratti", a partire dai Parioli. | |
| | |L'inchiesta su Maurizio COSTANZO va avanti e si stabilisce che | |
| | |Maurizio COSTANZO abitava nella zona della Cassazione. Lo avevano | |
| | |stabilito perché lo avevano seguito ripetutamente fino a lì e si | |
| | |erano convinti che quella fosse la sua abitazione. Ha un vago | |
| | |ricordo che Maurizio COSTANZO utilizzasse una Alfa "164" | |
| | |Per la strada fu osservata la presenza di personale di "polizia"; | |
| | |pensando che Maurizio COSTANZO potesse essere quindi su un'auto | |
| | |blindata, fu deciso di compiere l'azione "ca' bumba" e quindi | |
| | |MESSINA DENARO Matteo incarica SINACORI Vincenzo di andare da RIINA| |
| | |a prospettargli la situazione. | |
| | |Per fare l'attentato con l'esplosivo era stato scelto un tratto | |
| | |della strada che Maurizio COSTANZO percorreva venendo via dai | |
| | |Parioli: uscendo dal teatro "c'è una stradina a sinistra .... poi | |
| | |in fondo c'era una strada larga, una strada principale .... prima | |
| | |di arrivare nella strada grande, all'incrocio c'erano delle... là | |
| | |si potevano posteggiare delle macchine, c'erano cose di spazzatura,| |
| | |cose di spazzatura, cioé si poteva..." | |
| | |L'attentato si poteva fare con un telecomando.me quelli che erano a| |
| | |Roma non avevano la preparazione per fare questa azione. | |
| | |SINACORI Vincenzo prende l'aereo e va a Palermo, in taxi a Mazara e| |
| | |con la propria macchina va a contattare BIONDINO Salvatore che gli | |
| | |dà appuntamento, con RIINA, per le cinque dello stesso giorno in un| |
| | |punto (o o casa di BIONDINO Salvatore o al bar di fronte al | |
| | |SIGROS); da lì vanno in una casa di quel GIGLIELMINI che è stato | |
| | |chiamato in correità da GANCI Calogero. | |
| | |Presenti, in casa, vi sono GANCI Raffaele, CANCEMI Salvatore, lo | |
| | |stesso Guglielmini. RIINA era al piano di sopra e dal piano di | |
| | |sopra SINACORI Vincenzo vede scendere BRUSCA Giovanni. SINACORI | |
| | |Vincenzo parla da solo con RIINA; gli spiega che hanno studiato | |
| | |senza esito gli obbiettivi FALCONE e MARTELLI e che si poteva | |
| | |realizzare solo l'attentato a Maurizio COSTANZO. | |
| | |RIINA dispone che SINACORI Vincenzo dica aghli altri di "scendere",| |
| | |"perchè qui abbiamo, abbiamo trovato cose più grosse" SINACORI | |
| | |Vincenzo non fa domande. Torma a Roma e dice agli altri che | |
| | |l'operazione non si fa più. Tutti tornano in Sicilia. | |
| | |Siamo arivati a marzo 1992. | |
|24.6.1997 |su MAZZEI Santo e su |SINACORI Vincenzo conosce MAZZEI Santo, in primis, come "'u | |
| |FACELLA Salvatore |carcagnusu". | |
| | |Sa che si tratta di "uomo d'onore", combinato nell'aprile-maggio | |
| | |1992 , e in ogni caso dopo l'omicidio di Rimini e, con maggior | |
| | |esattezza, quando AGATE Mariano era già stato arrestato. | |
| | | | |
| | |MAZZEI Santo è stato combinato in primo luogo perché era amico di | |
| | |BAGARELLA Leoluca. E poi fu messo "a disposizione un po' di tutti" | |
| | |I MAZZEI avevano avuto guerre con i SANTAPAOLA, con la conseguenza | |
| | |che i catanesi mai avrebbero fatto "uomo d'onore" MAZZEI Santo. E | |
| | |poi MAZZEI Santo aveva avuto un nipote, dell'età di quindici anni, | |
| | |che era stato arrestato e si era messo a collaborare. Il ragazzo | |
| | |era stato arrestato a Torino, oppure era stato arrestato per una | |
| | |storia di omicidi che riguardava Torino. Il ragazzo "è scomparso" | |
| | |La vicenda risale a quando SICA era "Alto Commissario" | |
| | | |Questa storia |
| | | |del nipote di |
| | |Ma BAGARELLA Leoluca era stato detenuto assieme a MAZZEI Santo, e |MAZZEI Santo la |
| | |ne aveva conosciuto anche il fratello Matteo. |potremmo |
| | |Quanto ai mazaresi, BASTONE Giovanni conosceva a sua volta MAZZEI |riscontrare. |
| | |Santo, essendo stati detenuti assieme. Mazaresi e MAZZEI Santo | |
| | |avevano fatto, all'insaputa della famiglia di SANTAPAOLA, degli | |
| | |omicidi. | |
| | |Sono stati BAGARELLA Leoluca e BRUSCA Giovanni ad andare a Catania | |
| | |e a combinare MAZZEI Santo, alla presenza di SANTAPAOLA. MAZZEI | |
| | |Santo fu combinato nella famiglia catanese di "cosa nostra" | |
| | |SINACORI Vincenzo non è stato messo al corrente di incarichi | |
| | |speciali conferiti a MAZZEI Santo. | |
| | |Non sa dell'episodio di Boboli, ma afferma che è impensabile che | |
| | |MAZZEI Santo, i primi tempi da quando era stato fatto "uomo | |
| | |d'onore", potesse prendere iniziative da solo. | |
| | | | |
| | |Quanto a FACELLA Salvatore, SINACORI Vincenzo conosce benissimo | |
| | |anche lui. | |
| | |SINACORI Vincenzo, apprendendo che l'episodio di Boboli è stato | |
| | |eseguito da MAZZEI Santo e da FACELLA, afferma che anche questo | |
| | |conferma che i due hanno agito per disposizione che veniva da un | |
| | |livello superiore, perché FACELLA "non faceva niente se non parlava| |
| | |con Luchino". | |


24.6.1997 |idem |Quando, successivamente alla riunione del 1° aprile, apprende dell'attentato a Maurizio COSTANZO non ha alcuna difficoltà a ricollegarlo a "cosa nostra" in virtù dell'antefatto dell'anno prima.
Quando poi sente dell'attentato agli Uffizi, anche se non era al corrente di antefatti, effettua con altrettanta sicurezza il collegamento perché "Matteo già me l'aveva detto perché mi aveva fatto vedere pure le fotografie". | | |
|idem |sulla colloca-zione di |Sollecitato da altre domande sulla posizione di BRUSCA Giovanni, a | |
| |BRUSCA |partire dalla data del 1°.4.1993 (la riunione matrice della | |
| | |campagna stragista continentale), SINACORI Vincenzo afferma che poi| |
| | |BRUSCA Giovanni cambia idea perché Leoluca BAGARELLA lo chiamò e | |
| | |gli ha fatto la paternale dicendo che era un miserabile. | |
| | |A SINACORI Vincenzo questo risulta perchè durante l'ultimo periodo | |
| | |della sua latitanza (quando già c'era stato l'arresto di BAGARELLA | |
| | |Leoluca), quando stava con MESSINA DENARO Matteo, vi fu un | |
| | |incontro con lo stesso BRUSCA Giovanni il quale diceva che si era | |
| | |incontrato con PROVENZANO Bernardo e gli aveva detto che "loro" non| |
| | |si dovevano comportare come preti: "non dovevamo essere buoni". | |
| | |BRUSCA Giovanni aveva, asseritamente, detto a PROVENZANO Bernardo | |
| | |che "s'avia a continuare": si doveva continuare a cercare i | |
| | |pentiti, i parenti dei pentiti, anche se non si dovevano più fare | |
| | |le stragi. | |
| | |In questo ontesto si parlava anche di eliminare guardie carcerarie | |
| | |e "sbirri" | |
| | |SINACORI Vincenzo di questo nuovo atteggiamento di BRUSCA Giovanni | |
| | |era stato già informato dallo stesso MESSINA DENARO Matteo. | |
| | | | |
| | |Subito dopo l'arresto di BAGARELLA Leoluca, BRUSCA Giovanni ha un | |
| | |incontro con MESSINA DENARO Matteo, lo stesso SINACORI Vincenzo, | |
| | |presente anche DI TRAPANI Nicola. | |
| | |BRUSCA Giovanni considerava che era contento che c'erano tutti | |
| | |questi pentiti a Brancaccio (diceva che si erano affidati a persone| |
| | |inutili) e diceva anche che lui aveva condiviso la linea strategica| |
| | |degli attentati, dopo la "paternale" ricevuta da BAGARELLA Leoluca,| |
| | |ma che poi era stato "emarginato" per le stragi di Firenze e di | |
| | |Milano, e che non gli avevano detto più niente e lo avevano messo | |
| | |da parte (riferendosi a BAGARELLA Leoluca) | |
| | |BRUSCA Giovanni fece "un casino" in questa occasione, tanto che | |
| | |MESSINA DENARO Matteo se ne uscì poi con l'affermazione che la | |
| | |successiva volta in cui avesse visto BRUSCA Giovanni lo avrebbe | |
| | |ammazzato. BRUSCA Giovanni, tra l'altro, aveva quasi manifestato | |
| | |compiacimento per l'arresto di BAGARELLA Leoluca. | |
| | |Anche i GRAVIANO volevano sparare a BRUSCA Giovanni, "perché | |
| | |Giovanni BRUSCA pazzo era, non è che era una persona sana". | |