Home page Indietro Contatti Cerca nel sito RSS
Processo per la strage di Via dei Georgofili
I verbali del 1° dibattimento
collaboratori
consulenti
deleghe_in_corso_di_dibattimento
esame_imputati
esposizione_introduttiva
fascicolo_dibattimento
intercettazioni
lista_testi
polizia_giudiziaria
preparazione_esami_dibattimento
requisitoria
requisitoria_generale
richiesta_di_prove
sentenza_661998
sommario
udienze
vicenda_bellini
97_03_21.txt
97_07_04.txt
97_07_18.txt
98_01_16.txt
atto_di_impugnazione.txt
risc_fe.txt
riscont.txt
riscontr.txt

Note
Versione stampabile   
DIBATTIMENTO-1: preparazione_esami_dibattimento/collabor/drago.txt


|25.1.1993 a P.M. |La collaborazione |Vuole combattere "cosa nostra" | |
|CL | |Chiedere di specificare le ragioni della sua collaborazione. | |
|8.2.1994 a P.M. |La detenzione |Era stato arrestato LUGLIO'8.3.1990. E' stato | |
|FI | |ininterrottamente detenuto fino ad espiazione della pena. | |
| | |Era stato arrestato e processato come appartnente a "cosa | |
| | |nostra" in virtù delle dichiarazioni di Francesco MARINO | |
| | |MANNOIA. | |
| | |Chiedergli se si tratti del fratello di Agostino, dato che ne | |
| | |ha parlato in aula Emanuele DI FILIPPO | |
|8.2.1994 a P.M. |idem |Era statato già condannato per associazione mafiosa. | |
|FI | |Chiedere dove era stato detenuto. | |
| | |Iniziato a collaborare alla fine del 1992. | |
| | |Chiedere quando divenne ufficiale la sua collaborazione, con | |
| | |riferimento al processo in cui comparve a Palermo agli inizi | |
| | |del gennaio1993. | |
|idem |Appartenenza |E' stato uomo d'onore della famiglia di Brancaccio. | |
| | |Fargli spiegare quando era divenuto uomo d'onore e fargli dare| |
| | |qualche cenno sulla cerimonia di affiliazione. | |
| | |Fargli spiegare, prima che si entri nel vivo dell'argomento, | |
| | |come avviene che un uomo d'onore faccia la "conoscenza" di | |
| | |un'altro uomo d'onore | |
| | |Fargli illustrare il suo curriciulum criminale nell'ambito di | |
| | |"cosa nostra". | |
| | |La famiglia di Brancaccio, assieme a quelle di Roccella, di | |
| | |Ciaculli e di Corso dei Mille, dava luogo al mandamento di | |
| | |Ciaculli (questo fino ad una certa data). | |
| | |Fargli spiegare, anche con riferimento alle cd. regole | |
| | |generali, come mai poi si chiamerà mandamento di Brancaccio. | |
| | |La realtà mafiosa che conosce meglio è quella della famiglia | |
| | |di Brancaccio. | |
|idem |la struttura della famiglia |Il capo famiglia (fargli spiegare con riferimento a quale | |
| |di Brancaccio |epoca) un tempo era Giuseppe SAVOCA. | |
| | |Successivamente, come capo-famiglia,, subentrò GRAVIANO | |
| | |Giuseppe. Giuseppe GRAVIANO ha mantenuto, per quanto ne sa, il| |
| | |primato nella famiglia fino alla data del suo arresto | |
| | |(27.1.1994) | |
|idem |rapporto con il mandamento di|Dopo l'eliminazione di Piero OCELLO, il nuovo capo-mandamento,| |
| |Misilmeri |Piero LO BIANCO, doveva in un certo senso fare riferimento a | |
| | |GRAVIANO Giuseppe. | |
|idem |la struttura della famiglia |Dopo varie vicissitudini interne, capo-famiglia divenne il dr.| |
| |di Roccella |Giuseppe GUTTADAURO. Ne ha parlato anche DI FILIPPO Emanuele. | |
|8.4.1994 a P.M. |idem |MANGANO Antonino: riferisce di averne parlato ai magistrati di| |
|Firenze | |Palermo, anche se dice che era rimasto incerto se il cognome | |
| | |di questo fosse Mangano o Nangano. In ogni caso lo ha | |
| | |riconosciuto con sicurezza nella foto mostratagli dal Pubblico| |
| | |Ministero di Firenze. | |
| | |Gli risulta essere uomo d'onore della famiglia di Roccella. Lo| |
| | |ha visto più volte inoccasione di incontri che si facevano con| |
| | |Giuseppe LUCCHESE e, in genere, con il "gruppo". | |
| | |Sa che si occupava di assicurazioni, anche se aveva un'altra | |
| | |attività (forse) nel settore della frutta. | |
| | |Fargli circostanziare i termini della sua conoscenza di | |
| | |MANGANO. | |
| | |Vedi anche infra sotto la voce GUTTADAURO. | |
|idem |la struttura della famiglia |Gli risulta che il capo era Gaetano TINNIRELLO (del quale ha | |
| |di Corso dei Mille |parlato anche DI FILIPPO Emanuele). | |
|8.4.1994 a P.M. |idem |In un primo tempo il capo-famiglia era Francesco TAGLIAVIA |ROMEO sul punto |
|Firenze | |(del quale ha parlato anche DI FILIPPO Emanuele). Quando |della vicenda |
| | |questi fu arrestato come reggente fu designato Gaetano |TAGLIAVIA (?) |
| | |TINNIRELLO (del quale ha parlato anche DI FILIPPO Emanuele) | |
| | | |[1] |
|idem |la struttura del mandamento |Capo-mandamento era stato, fino al suo arresto, LUCCHESE | |
| | |Giuseppe, del quale ha parlato anche DI FILIPPO Emanuele, (che| |
| | |aveva preso il posto di PUCCIO Vincenzo che era stato uccisio | |
| | |in carcere). | |
| | |Fargli spiegare come questo avvenimento incida sul | |
| | |trasferimento della sede del mandamento da Ciaculli a | |
| | |Brancaccio. | |
| | |Dopo l'arresto di LUCCHESE Giuseppe, capo-mandamento è | |
| | |divenuto GRAVIANO Giuseppe. | |
| | |Vedere se sia a questo punto da porgli la domanda su GRAVIANO | |
| | |Filippo. | |
|idem |rapporti personali di DRAGO |Conosce anche le "donne" dei GRAVIANO: Galdi Rosalia, donna di| |
| |con i GRAVIANO ed il loro |Giuseppe; Buttitta Francesca donna di Filippo, Giusy Ferrante | |
| |entourage |donna di Benedetto. | |
| | |La Galdi ha una zia che sta a Viareggio. Il padre della Galdi | |
| | |è un pensionato della Guardia di Finanza. | |
|idem |persone affiliate alla |GRAVIANO Filippo: detto 'u barone, per il modo inappuntabile | per |
| |famiglia dei GRAVIANO |di fare. "Il cervello più fine dei tre". | |
| | |GRAVIANO Giuseppe: altrettanto intelligente; energico. | |
| | |GRAVIANO Benedetto: un uomo d'azione. | |
| | |Fargli riferire se abbia commesso reati, direttamente con | |
| | |queste persone. Rifarsi all'ordinanza ABBATE + 67. | |
| | | | |
| | |Sa che i fratelli GRAVIANO erano legati in particolare a | |
| | |BAGARELLA Leoluca e benvoluti da RIINA Salvatore: fargli | |
| | |circostanziare questa affermazione. | |
| | |Non gli risulta che ci fossero "privilegiati", diretti, tra i | |
| | |GRAVIANO e Giovanni BRUSCA. | |
| | | | |
| | |CANNELLA: sa che si chiama Cristofaro. E' detto "Fifetto". | |
| | |Dice di aver saputo che dopo il suo arresto (fargli spiegare e| |
| | |circostanziare l'affermazione) è divenuto uomo d'onore nella | |
| | |famiglia di Brancaccio. | |
| | |Era molto legato ai GRAVIANO (fargli circostanziare questa | |
| | |affermazione) | |
| | |Sa che ha un negozio di abbigliamento nella zona di via Oreto | |
| | |e che si occupava anche di stupefacenti. | |
| | |vd anche la scheda "omicidi", con particolare riferimento | |
| | |all'omicidio - Sichera. | |
| | |Ha avuto parte nei tentativi estorsivi in danno della FERRO | |
| | |CEMENTI, ai quali fece seguito l'omicidio BOSCIA. | |
| | | | |
| | |TUTINO Vittorio: nel nostro interrogatorio c'è sato un | |
| | |equivoco sui nomi., in quanto emerge il nome di Marcello, per | |
| | |dire che si tratta di un affiliato. Sa che ha un fratello che | |
| | |ha lavorato nelle PP.TT. a Milano. Dice che si tratta di | |
| | |persona assolutamente affidabile. | |
| | |Fargli correggere l'errore di nomi. | |
| | |In int.rio 11.11.1993, DRAGO definisce TUTINO Vittorio "un | |
| | |affiliato, nel senso che si tratta di persona stabilmente a | |
| | |disposizione della famiglia" | |
| | |(Da ord.za ABBATE Luigi + 75 - pag. 425) emerge che è stato | |
| | |TUTINO Vittorio a stipulare il contratto ENEL per la casa dove| |
| | |DRAGO era latitante. TUTINO Vittorio era anche l'intestatario | |
| | |della "127" usata da DRAGO prima del suo arresto. TUTINO era | |
| | |stato anche ricompensato per la sua disponibilità, tanto che | |
| | |la famiglia gli aveva procurato un posto di lavoro in un | |
| | |deposito di collettame e gli pagò il ricevimento nuziale. | |
| | |TUTINO è stato anche utilizzato per compiere danneggiamenti a | |
| | |commercianti che non erano in regola con i pagamenti, come il | |
| | |Calzaturificio SIMA, la ditta SACCONE, incendi di alcune auto.| |
| | | | |
| | | | |
| | |DI FILIPPO Emanuele ha parlato di TUTINO Vittorio. | |
| | | | |
| | |Anche il fratello di TUTINO Vittorio, quello che lavorava alle| |
| | |PP.TT., era assolutamente affidabile, tanto che si era | |
| | |prestato a prendere in affitto un appartamento (che in | |
| | |definitiva e nella sostanza era di proprietà di GRAVIANO | |
| | |Giuseppe) | |
|8.4.1994 a P.M. |idem |SPATUZZA: Ne riconosce con sicurezza la foto (fargli ripetere |[3] |
|FiFirenze | |il riconoscimento fotografico al dibattimento). | |
| | |E' persona assolutamente a disposizione dei GRAVIANO. | |
| | |Impiegato in azioni di sangue (Fargli esemplificare a questo | |
| | |riguardo). | |
| | |Abitava nello stesso stabile dove abitavano i GRAVIANO in via | |
| | |Conte Federico. Un fratello di Gaspare SPATUZZA era sparito da| |
| | |anni e si diceva che fosse morto strangolato. | |
| | |SPATUZZA in particolare si occupava di "dare la battuta" in | |
| | |occasione dei vari fatti di sangue (informazioni e attiramento| |
| | |delle vittime. Fargi illustrare bene questo punto). SPATUZZA, | |
| | |per quanto non partecipasse conoscitivamente di tutte le | |
| | |notizie, era tenuto "in gran considerazione" per la | |
| | |affidabilità che dimostrava in tutto quello che faceva. Gli | |
| | |venivano affidati anche incarichi importanti. | |
| | |Faceva solo quello che gli chiedevano i GRAVIANO, Giuseppe in | |
| | |particolare. | |
| | | | |
| | |VASILE Leonardo: si tratta di uomo d'onore della famiglia di | |
| | |Brancaccio. Sa che ha dei figli, uno dei quali si chiama | |
| | |Giuseppe, ma non conosce personalmente i figli di Leonardo | |
| | |VASILE. | |
| | |I VASILE sono una famiglia "ben conosciuta dai fratelli | |
| | |GRAVIANO"). | |
| | |Considerare se sia o non il caso di fargli domande sui VASILE,| |
| | |in relazione all'indagine del 3197/96-21 Pubblico Ministero | |
| | | | |
| | |PIZZO Giorgio: a sentirne il nome, in sede di interrogatorio,| |
| | |ricorda che questa persona si era avvicinata ai GRAVIANO un | |
| | |po' prima che egli DRAGO venisse arrestato. | |
| | |Ricorda che questo era stato detenuto per rapina. E che | |
| | |abitava anch'egli in via Conte Federico. [2] | |
|8.4.1994 a P.M. |sui CARRA |Non li conosce personalmente. | |
|Firenze | |E' una famiglia di autotrasportatori. Avevano gli uffici nello| |
| | |stesso stabile dove abitavano Francesco e Agostino MARINO | |
| | |MANNOIA. | |
| | |Da Francesco TAGLIAVIA (fargli precisare chi sia questa | |
| | |persona nell'ambito di "cosa nostra") aveva appreso che si | |
| | |trattava di persone "a disposizione", in primo luogo proprio | |
| | |dello stesso TAGLIAVIA. | |
|19.12.94 al P.M. |LO NIGRO |LO NIGRO Cosimo: Non conosce questa persona. | |
|Firenze | |Considerare se siano da passare in rassegna, con lui, gli | |
| | |altri nominativi delle persone che da noi rispindono come | |
| | |esecutori delle stragi, per far risaltare che furono impiegate| |
| | |persone che egli non conosceva, e ciò in relazione alle | |
| | |cautele adottate a valle della conoscenza della sua | |
| | |collaborazione. | |
|idem |le stragi |Non ha conoscenza diretta di alcuna circostanza. | |
| | |Non ha mai saputo di strategie stragistepraticate da "cosa | |
| | |nostra" durante la sua appartenenza all'organizzazione. | |
| | | | |
| | |Su determinati aspetti operativi della strage di via | |
| | |de'Georgofili, dice che le diversità operative (Fiorino; furto| |
| | |poche ore prima) tra l'attentato di Firenze e gli altri | |
| | |possono ben risalire a ragioni contingenti. E' | |
| | |l'organizzazione del fatto che si piegano alla decisione, e | |
| | |non vicerversa. | |
|19.12.94 a P.M. |sulle cautele e tecniche |Come regola generale c'è quella della sicurezza. | |
|Firenze |operative per le azioni da |Quindi bisogna acquisire la conoscenza del territorio. | |
| |compiere "fuori territorio" |Se bisogna servirsi a questo scopo di qualcuno che ha | |
| | |dimestichezza con i luoghi in cui si deve operare, | |
| | |necessariamente la persona deve essere integrata nell'azione | |
| | |criminosa. | |
| | |Se si può provvedere da soli ad acquisire la conoscenza del | |
| | |territorio, allora il referente locale viene richiesto solodi | |
| | |mettere a disposizione quanto serva per eseguire l'azione | |
| | |(appartamento, un locale, etc.) | |
| | | | |
| | |Sulle cautele personali: se taluno può correre il rischio di | |
| | |non passare inosservato, allora è opportuno che si procuri una| |
| | |qualche copertura, nel senso che deve organizzare una qualche | |
| | |situazione che dia una patente esterna di ragionevolezza e di | |
| | |ostensibilità alle ragioni della prsenza di quella certa | |
| | |persona in quel certo luogo: ad esempio, andare in albergo con| |
| | |i propri documenti. | |
|Ord.za ABBATE |OMICIDI |Omicidio di | |
|Luigi + 75 | | | |
| |SARANNO richiamati non |- SCHIAVO Carlo (p. 217). Riferito da DRAGO il 4.3.1993. | |
| |analiticamente, ma solo per |Commesso in concorso, tra gli altri, con LUCCHESE Giuseppe e | |
| |collocare determinate |GRAVIANO Giuseppe. Convolti anche GIULIANO Giuseppe, detto | |
| |persone, delle quali hanno |"Folonari", TINNIRELLO Lorenzo, SALERNO Pietro | |
| |parlato anche altri | | |
| |collaboratori, in seno a |- GRECO Pietro: (p. 221). Riferito da DRAGO il 2.7.1993. | |
| |"cosa nostra" e più |Commesso in concorso, tra gli altri, con SPATUZZA Gaspare, | |
| |esattamente nel "gruppo di |GRAVIANO Giuseppe, TINNIRELLO "Renzino" , TAGLIAVIA Francesco,| |
| |fuoco". |SALERNO Pietro, GIULIANO Giuseppe "Folonari", MARINO MANNOIA | |
| |Si tratta in particolare di |Agostino. | |
| |GRAVIANO Giuseppe, GIULIANO | | |
| |Giuseppe detto "Folonari", |- CONIGLIARO Giacomo (p. 248). Riferito da DRAGO il 17.2.1993.| |
| |TAGLIAVIA Francesco, |La vittima era uomo d'onore della famiglia di Roccella. | |
| |TINNIRELLO "Renzino", |Uccisio lo stesso giorno dell'omicidio di CASELLA Antonio, | |
| |LUCCHESE Giuseppe, MARINO |uomo d'onore della famiglia di Brancaccio. Nel racconto | |
| |MANNOIA Agostino, SALERNO |menziona la persona di TUTINO Vittorio, che definisce "persona| |
| |Pietro. Ed anche per dare |vicina alla nostra famiglia". | |
| |collocazione a CANNELLA | | |
| |"Fifetto" e a SPATUZZA |- fratelli MANDALA' (p. 225): riferito da DRAGO nell'int.rio | |
| |Gaspare. |30.6.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, TINNIRELLO "Renzino", | |
| | |GIULIANO Giuseppe detto "Folonari" | |
| | | | |
| | |- LOMBARDO Sebastiano (p. 229): riferito in int.rio 30.6.1993.| |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con SPATUZZA Gaspare, | |
| | |GIULIANO Giuseppe detto "Folonari", LUCCHESE Giuseppe, MARINO | |
| | |MANNOIA Agostino, GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco. | |
| | | | |
| | |- D'AGOSTINO e TAORMINA (p. 233): riferito in int.rio | |
| | |2.7.1993. Commesso in concorso, tra gli altri, con GRAVIANO | |
| | |Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, LUCCHESE Giuseppe, GIULIANO | |
| | |Giuseppe detto "Folonari", TINNIRELLO "Renzino", SPATUZZA | |
| | |Gaspare. | |
| | | | |
| | |- DI MARCO Francesco (p. 236): riferito in int.rio 30.6.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |GRAVIANO Giuseppe, TINNIRELLO "Renzino", TAGLIAVIA Francesco, | |
| | |GIULIANO Giuseppe detto "Folonari". | |
| | | | |
| | |- D'ONUFRIO Antonino (p. 240): riferito in int.rio 10.3.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |MARINO MANNOIA Agostino, GRAVIANO Giuseppe, TINNIRELLO | |
| | |"Renzino", TAGLIAVIA Francesco, SALERNO Pietro, GIULIANO | |
| | |Giuseppe detto "Folonari". | |
| | | | |
| | |- FRICANO e LOMBARDO Giuseppe (p. 254): riferito in int.rio | |
| | |18.2.1993. Commesso in concorso, tra gli altri, con LUCCHESE | |
| | |Giuseppe. | |
| | | | |
| | |- GIRO Pietro (p. 271): riferito in int.rio 2.7.1993. Commesso| |
| | |in concorco, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, GRAVIANO | |
| | |Giuseppe, GIULIANO Giuseppe detto "Folonari", SALERNO Pietro. | |
| | | | |
| | | | |
| | |- MARINO MANNOIA Agostino (p. 274): riferito in int.rio | |
| | |22.12.1992. Importante per la "causale": vicinanza della | |
| | |vittima a PUCCIO Vincenzo. | |
| | | | |
| | |- ABBATE Giuseppe (p. 277): riferito in int.rio 18..1993. La | |
| | |vittima era il rappresentante della famiglia di Roccella. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |GIULIANO Giuseppe detto "Folonari", GRAVIANO Giuseppe. SALERNO| |
| | |Pietro, TAGLIAVIA Francesco, TINNIRELLO "Renzino", | |
| | | | |
| | |- MARINO Francesco (p. 284): riferito in int.rio 20.1.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: GRAVIANO Giuseppe, | |
| | |TAGLIAVIA Francesco, SALERNO Pietro, TINNIRELLO "Renzino", | |
| | |MARINO MANNOIA Agostino, LUCCHESE Giuseppe, GIULIANO Giuseppe | |
| | |detto "Folonari" ; | |
| | | | |
| | |- CASELLA Antonio (p. 289): riferito in int.rio 17.2.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, SALERNO Pietro, MARINO| |
| | |MANNOIA Agostino. | |
| | | | |
| | |- MICELI Girolama (p. 303): riferito in int.rio 10.2.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |GRAVIANO Giuseppe, MARINO MANNOIA Agostino, SALERNO Pietro, | |
| | |TAGLIAVIA Francesco, TINNIRELLO "Renzino". | |
| | | | |
| | |- PRESTIFILIPPO Santo (p. 310): riferito in int.rio 18.3.1993.| |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |GRAVIANO Giuseppe, MARINO MANNOIA Agostino, TINNIRELLO | |
| | |"Renzino". | |
| | | | |
| | |OMICIDI ESTERNI: | |
| | |- AMATO Pietro (p. 313): riferito in int.rio 10.2.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |MARINO MANNOIA Agostino, GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA | |
| | |Francesco, GIULIANO Giuseppe detto "Folonari". | |
| | | | |
| | |- BOSCIA Donato (p. 320): riferito in int.rio 10.2.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, TINNIRELLO "Renzino", | |
| | |SALERNO Pietro, MARINO MANNOIA Agostino. | |
| | |L'omicidio fu precedeto da azioni estorsive, accompagate da | |
| | |danneggiamenti alla ditta Ferrocementi di proprietà della | |
| | |vittima, mediante incendio e poi con l'impiego di esplosivo, | |
| | |compiuti in concorso con TAGLIAVIA Francesco, GRAVIANO | |
| | |Giuseppe, CANNELLA "Fifetto". | |
| | | | |
| | | | |
| | |OMICIDI DI ESPONENTI DELLA CRIMINALITA' COMUNE | |
| | |- BRIOLOTTA Sebastiano (p. 325): rif.to in int.rio 19.12 | |
| | |1992. Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE | |
| | |Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, GRAVIANO Giuseppe, TINNIRELLO | |
| | |"Renzino". | |
| | | | |
| | |- FAIA Salvatore (p. 328): riferito in int.rio 22.7.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: SPATUZZA Gaspare, | |
| | |MARINO MANNOIA Agostino, LUCCHESE Giuseppe, GRAVIANO Giuseppe,| |
| | |TAGLIAVIA Francesco, SALERNO Pietro, MARINO MANNOIA Agostino. | |
| | | | |
| | | | |
| | |- TRAINA Michele Antonino (p. 332): riferito in int.rio | |
| | |31.3.1993. Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE | |
| | |Giuseppe, GIULIANO Giuseppe detto "Folonari", SALERNO Pietro, | |
| | |TINNIRELLO "Renzino", MARINO MANNOIA Agostino, TAGLIAVIA | |
| | |Francesco. | |
| | | | |
| | |- fratelli MASUCCI (p. 336): riferito in int.rio 20.1.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: GIULIANO Giuseppe | |
| | |detto "Folonari", TINNIRELLO "Renzino", TAGLIAVIA Francesco, | |
| | |GRAVIANO Giuseppe, SALERNO Pietro, LUCCHESE Giuseppe. | |
| | | | |
| | |- TRE RE Francesco (p. 341): riferito in int.rio 17.2.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: GIULIANO Giuseppe | |
| | |detto "Folonari", LUCCHESE Giuseppe, MARINO MANNOIA Agostino. | |
| | | | |
| | |- TUZZOLINO Ciro (p. 345): riferito in int.rio 18.2.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, SALERNO Pietro, | |
| | |TINNIRELLO "Renzino". | |
| | | | |
| | |- SICHERA Giuseppe (p. 352): riferito in int.rio 4.3.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: GRAVIANO Giuseppe, | |
| | |CANNELLA "Fifetto", LUCCHESE Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, | |
| | |SALERNO Pietro. | |
| | | | |
| | |E' da mettere in evidenza che l'omicidio è avvenuto proprio | |
| | |dentro il negozio di abbigliamento di CANNELLA "Fifetto", in | |
| | |via Oreto n.108, nel quale,come riferito da DRAGO, fu | |
| | |effettivamente accertato che lavorava come commessa una | |
| | |ragazza (indicata da DRAGO con il cognome di CARRUBBA ed | |
| | |identificata dalla PG in CARRUBBA Stefania) | |
| | | | |
| | |- BERTOLINI Francesco (p. 356): riferito in int.rio 18.3.1993.| |
| | |DRAGO non vi ha partecipato (era in lutto per la morte del | |
| | |padre). Commesso, tra gli altri: da GRAVIANO Giuseppe, MARINO | |
| | |MANNOIA Agostino, SALERNO Pietro, TAGLIAVIA Francesco. | |
| | | | |
| | |- D'AMICO Antonino (p. 360): riferito in int.rio 2.7.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |GRAVIANO Giuseppe, MARINO MANNOIA Agostino, TAGLIAVIA | |
| | |Francesco, TINNIRELLO "Renzino". | |
| | | | |
| | |- D'AMICO Cosimo (p. 363): riferito in int.rio 2.7.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: MARINO MANNOIA | |
| | |Agostino, GRAVIANO Giuseppe, LUCCHESE Giuseppe, TAGLIAVIA | |
| | |Francesco, TINNIRELLO "Renzino". | |
| | | | |
| | |- MATRACIA Giovanni (p. 366): riferito in int.rio 22.7.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: GRAVIANO Giuseppe, | |
| | |LUCCHESE Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, TINNIRELLO "Renzino", | |
| | |SALERNO Pietro, MARINO MANNOIA Agostino. | |
| | | | |
| | | | |
| | |ALTRI OMICIDI | |
| | |- AMATO Giovanni e VIRGA MICHELE (p. 371): riferito in int.rio| |
| | |4.3.1993. Commesso in concorso, tra gli altri, con: GIULIANO | |
| | |Giuseppe detto "Folonari", MARINO MANNOIA Agostino, SALERNO | |
| | |Pietro, LUCCHESE Giuseppe, GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA | |
| | |Francesco, TINNIRELLO "Renzino". | |
| | | | |
| | |- MARSALONE Giuseppe (p. 378): riferito in int.rio 4.3.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |GIULIANO Giuseppe detto "Folonari", MARINO MANNOIA Agostino, | |
| | |SALERNO Pietro, TAGLIAVIA Francesco, GRAVIANO Giuseppe, | |
| | |TINNIRELLO "Renzino". | |
| | | | |
| | |- BONO Vincenzo e N'CHO ANON BONI (p. 384): riferito in | |
| | |int.rio 10.3.1993. Commesso in concorso, tra gli altri, con: | |
| | |LUCCHESE Giuseppe, GRAVIANO Giuseppe, SALERNO Pietro, GIULIANO| |
| | |Giuseppe detto "Folonari". | |
| | | | |
| | |- BENIGNO Salvatore (p. 388): riferito in int.rio. 2.7.1993. | |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, | |
| | |TAGLIAVIA Francesco, GRAVIANO Giuseppe, TINNIRELLO "Renzino". | |
| | | | |
|Ord.za ABBATE |reati diversi dagli omicidi |- rapina di quattro autocarri: Commesso in concorso, tra gli | |
|Luigi + 75 | |altri, con: MARINO MANNOIA Agostino, SALERNO Pietro, GIULIANO | |
| | |Giuseppe detto "Folonari". | |
| | | | |
| | |- rapina di un carico di armi in danno di ROMEO Gaetano (p. | |
| | |394): Commessa in concorso, tra gli altri, con: SPATUZZA | |
| | |Gaspare SALERNO Pietro, MARINO MANNOIA Agostino, GIULIANO | |
| | |Giuseppe detto "Folonari", GRAVIANO Giusepp, LUCCHESE | |
| | |Giuseppe. | |
| | |E' significativa per mettere in evidenza il ruolo di SPATUZZA | |
| | |che, nell'occasione, era d'accordo per la sottrazione delle | |
| | |armi dal camion. | |
| | | | |
| | |- Attentati con esplosivo alla Termoblok ed al Comm.to PS di | |
| | |Brancaccio, fatti del 6.5.1983 e del 1°.3.1983 (p. 399): | |
| | |rif.to in int.rio 19.11.1993: DRAGO non vi ha partecipato | |
| | |operativamente. | |
| | |Hanno partecipato SACCO Antonino, GRAVIANO Giuseppe, GRAVIANO | |
| | |Filippo, MARCHESE Antonino. | |
| | |Sono importanti, sia per la posizione di GRAVIANO Filippo (che| |
| | |confezionò l'ordigno per la Termoblok), sia per quella di | |
| | |SACCO Antonino. | |
|Ord.za ABBATE |persone ulteriori |con riferimento alle dichiarazioni rese da DI Filippo | |
|Luigi + 75 | |Emanuele: | |
| | | | |
| | |DI FILIPPO Emanuele: in int.rio 20.1.1993 DRAGO lo indica, con| |
| | |certezza, come uomo d'onore della famiglia di Ciaculli. | |
| | | | |
| | |GIULIANO Giuseppe "Folonari": vd. Omicidi | |
| | | | |
| | |GIULIANO Salvatore "il postino": DRAGO (int.rio 22.7.1993) lo | |
| | |indica come affiliato alla famiglia di Brancaccio. Si occupava| |
| | |di stupefacenti ed era particolarmente vicino a TAGLIAVIA | |
| | |Francesco. | |
| | | | |
| | |GUTTADAURO Giuseppe: DRAGO sa che quando ABBATE Giuseppe, capo| |
| | |della famiglia di Roccella, era detenuto, GUTTADUARO era | |
| | |stato incaricato di reggere la famiglia. | |
| | |Dopo la morte di ABBATE, GUTTADAURO aveva avuto l'incarico di | |
| | |"gestire" la famiglia di Roccella assieme a Antonino MANGANO. | |
| | | | |
| | |MARCHESE Antonino: vd. "Reati diversi" | |
| | | | |
| | |PENNINO Gioacchino: DRAGO ne ha parlato (int.rio 25.2.1993 e | |
| | |30.12.1993) indicandolo quale uomo d'onore della famiglia di | |
| | |BRANCACCIO. Aveva incontri direttamente con GRAVIANO Giuseppe | |
| | |ai quali DRAGO non partecipava, pur essendo lo stesso DRAGO ad| |
| | |accompagnare GRAVIANO Giuseppe agli incontri, che si | |
| | |svolgevano nei laboratori di analisi di PENNINO. GRAVIANO | |
| | |Giuseppe andava anche a casa di PENNINO, accompagnato da | |
| | |DRAGO. | |
| | | | |
| | |SACCO Antonino: vd. "Reati diversi" per episodio della | |
| | |Termoblok.. | |
| | |Inoltre: è stato vicino a DRAGO, che quindi ne conosce bene la| |
| | |collocazione criminale. Episodio della patente "Buglisi" che | |
| | |SACCO buttò via, quando fu fermato in occasione dell'arresto | |
| | |di DRAGO. SACCO era anche nel possesso di una ricevuta | |
| | |relativa ad un'auto intestata a BUGLISI ma in effetti di | |
| | |proprietà di DRAGO. | |
| | |SACCO (int.rio DRAGO 19.11.1993) è stato prestanome in | |
| | |attività commerciali con soci, occulti, del calibro sdi | |
| | |BAGARELLA; prestanome di MARCHESE Antonino ; | |
| | | | |
| | |SALERNO Pietro: vd. omicidi. | |
| | | | |
| | |TINNIRELLO Lorenzo, detto "Renzino 'u turchiceddu": vedi | |
| | |omicidi | |
| | | | |
| | |TORREGROSSA Giovanni: DRAGO, in int.rio 21.1.1993, ha | |
| | |affermato che trattasi di uomo d'onore della famiglia di | |
| | |Palermo-Centro. | |
| | | | |

|25.1.1993 a P.M. |La collaborazione |Vuole combattere "cosa nostra" |
|CL | |Chiedere di specificare le ragioni della sua collaborazione. |
|8.2.1994 a P.M. |La detenzione |Era stato arrestato LUGLIO'8.3.1990. E' stato |
|FI | |ininterrottamente detenuto fino ad espiazione della pena. |
| | |Era stato arrestato e processato come appartnente a "cosa |
| | |nostra" in virtù delle dichiarazioni di Francesco MARINO |
| | |MANNOIA. |
| | |Chiedergli se si tratti del fratello di Agostino, dato che ne |
| | |ha parlato in aula Emanuele DI FILIPPO |
|8.2.1994 a P.M. |idem |Era statato già condannato per associazione mafiosa. |
|FI | |Chiedere dove era stato detenuto. |
| | |Iniziato a collaborare alla fine del 1992. |
| | |Chiedere quando divenne ufficiale la sua collaborazione, con |
| | |riferimento al processo in cui comparve a Palermo agli inizi |
| | |del gennaio1993. |
|idem |Appartenenza |E' stato uomo d'onore della famiglia di Brancaccio. |
| | |Fargli spiegare quando era divenuto uomo d'onore e fargli dare|
| | |qualche cenno sulla cerimonia di affiliazione. |
| | |Fargli spiegare, prima che si entri nel vivo dell'argomento, |
| | |come avviene che un uomo d'onore faccia la "conoscenza" di |
| | |un'altro uomo d'onore |
| | |Fargli illustrare il suo curriciulum criminale nell'ambito di |
| | |"cosa nostra". |
| | |La famiglia di Brancaccio, assieme a quelle di Roccella, di |
| | |Ciaculli e di Corso dei Mille, dava luogo al mandamento di |
| | |Ciaculli (questo fino ad una certa data). |
| | |Fargli spiegare, anche con riferimento alle cd. regole |
| | |generali, come mai poi si chiamerà mandamento di Brancaccio. |
| | |La realtà mafiosa che conosce meglio è quella della famiglia |
| | |di Brancaccio. |
|idem |la struttura della famiglia |Il capo famiglia (fargli spiegare con riferimento a quale |
| |di Brancaccio |epoca) un tempo era Giuseppe SAVOCA. |
| | |Successivamente, come capo-famiglia,, subentrò GRAVIANO |
| | |Giuseppe. Giuseppe GRAVIANO ha mantenuto, per quanto ne sa, il|
| | |primato nella famiglia fino alla data del suo arresto |
| | |(27.1.1994) |
|idem |rapporto con il mandamento di|Dopo l'eliminazione di Piero OCELLO, il nuovo capo-mandamento,|
| |Misilmeri |Piero LO BIANCO, doveva in un certo senso fare riferimento a |
| | |GRAVIANO Giuseppe. |
|idem |la struttura della famiglia |Dopo varie vicissitudini interne, capo-famiglia divenne il dr.|
| |di Roccella |Giuseppe GUTTADAURO. Ne ha parlato anche DI FILIPPO Emanuele. |
|8.4.1994 a P.M. |idem |MANGANO Antonino: riferisce di averne parlato ai magistrati di|
|Firenze | |Palermo, anche se dice che era rimasto incerto se il cognome |
| | |di questo fosse Mangano o Nangano. In ogni caso lo ha |
| | |riconosciuto con sicurezza nella foto mostratagli dal Pubblico|
| | |Ministero di Firenze. |
| | |Gli risulta essere uomo d'onore della famiglia di Roccella. Lo|
| | |ha visto più volte inoccasione di incontri che si facevano con|
| | |Giuseppe LUCCHESE e, in genere, con il "gruppo". |
| | |Sa che si occupava di assicurazioni, anche se aveva un'altra |
| | |attività (forse) nel settore della frutta. |
| | |Fargli circostanziare i termini della sua conoscenza di |
| | |MANGANO. |
| | |Vedi anche infra sotto la voce GUTTADAURO. |
|idem |la struttura della famiglia |Gli risulta che il capo era Gaetano TINNIRELLO (del quale ha |
| |di Corso dei Mille |parlato anche DI FILIPPO Emanuele). |
|8.4.1994 a P.M. |idem |In un primo tempo il capo-famiglia era Francesco TAGLIAVIA |
|Firenze | |(del quale ha parlato anche DI FILIPPO Emanuele). Quando |
| | |questi fu arrestato come reggente fu designato Gaetano |
| | |TINNIRELLO (del quale ha parlato anche DI FILIPPO Emanuele) |
|idem |la struttura del mandamento |Capo-mandamento era stato, fino al suo arresto, LUCCHESE |
| | |Giuseppe, del quale ha parlato anche DI FILIPPO Emanuele, (che|
| | |aveva preso il posto di PUCCIO Vincenzo che era stato uccisio |
| | |in carcere). |
| | |Fargli spiegare come questo avvenimento incida sul |
| | |trasferimento della sede del mandamento da Ciaculli a |
| | |Brancaccio. |
| | |Dopo l'arresto di LUCCHESE Giuseppe, capo-mandamento è |
| | |divenuto GRAVIANO Giuseppe. |
| | |Vedere se sia a questo punto da porgli la domanda su GRAVIANO |
| | |Filippo. |
|idem |rapporti personali di DRAGO |Conosce anche le "donne" dei GRAVIANO: Galdi Rosalia, donna di|
| |con i GRAVIANO ed il loro |Giuseppe; Buttitta Francesca donna di Filippo, Giusy Ferrante |
| |entourage |donna di Benedetto. |
| | |La Galdi ha una zia che sta a Viareggio. Il padre della Galdi |
| | |è un pensionato della Guardia di Finanza. |
|idem |persone affiliate alla |GRAVIANO Filippo: detto 'u barone, per il modo inappuntabile |
| |famiglia dei GRAVIANO |di fare. "Il cervello più fine dei tre". |
| | |GRAVIANO Giuseppe: altrettanto intelligente; energico. |
| | |GRAVIANO Benedetto: un uomo d'azione. |
| | |Fargli riferire se abbia commesso reati, direttamente con |
| | |queste persone. Rifarsi all'ordinanza ABBATE + 67. |
| | | |
| | |Sa che i fratelli GRAVIANO erano legati in particolare a |
| | |BAGARELLA Leoluca e benvoluti da RIINA Salvatore: fargli |
| | |circostanziare questa affermazione. |
| | |Non gli risulta che ci fossero "privilegiati", diretti, tra i |
| | |GRAVIANO e Giovanni BRUSCA. |
| | | |
| | |CANNELLA: sa che si chiama Cristofaro. E' detto "Fifetto". |
| | |Dice di aver saputo che dopo il suo arresto (fargli spiegare e|
| | |circostanziare l'affermazione) è divenuto uomo d'onore nella |
| | |famiglia di Brancaccio. |
| | |Era molto legato ai GRAVIANO (fargli circostanziare questa |
| | |affermazione) |
| | |Sa che ha un negozio di abbigliamento nella zona di via Oreto |
| | |e che si occupava anche di stupefacenti. |
| | |vd anche la scheda "omicidi", con particolare riferimento |
| | |all'omicidio - Sichera. |
| | |Ha avuto parte nei tentativi estorsivi in danno della FERRO |
| | |CEMENTI, ai quali fece seguito l'omicidio BOSCIA. |
| | | |
| | |TUTINO Vittorio: nel nostro interrogatorio c'è sato un |
| | |equivoco sui nomi., in quanto emerge il nome di Marcello, per |
| | |dire che si tratta di un affiliato. Sa che ha un fratello che |
| | |ha lavorato nelle PP.TT. a Milano. Dice che si tratta di |
| | |persona assolutamente affidabile. |
| | |Fargli correggere l'errore di nomi. |
| | |In int.rio 11.11.1993, DRAGO definisce TUTINO Vittorio "un |
| | |affiliato, nel senso che si tratta di persona stabilmente a |
| | |disposizione della famiglia" |
| | |(Da ord.za ABBATE Luigi + 75 - pag. 425) emerge che è stato |
| | |TUTINO Vittorio a stipulare il contratto ENEL per la casa dove|
| | |DRAGO era latitante. TUTINO Vittorio era anche l'intestatario |
| | |della "127" usata da DRAGO prima del suo arresto. TUTINO era |
| | |stato anche ricompensato per la sua disponibilità, tanto che |
| | |la famiglia gli aveva procurato un posto di lavoro in un |
| | |deposito di collettame e gli pagò il ricevimento nuziale. |
| | |TUTINO è stato anche utilizzato per compiere danneggiamenti a |
| | |commercianti che non erano in regola con i pagamenti, come il |
| | |Calzaturificio SIMA, la ditta SACCONE, incendi di alcune auto.|
| | | |
| | | |
| | |DI FILIPPO Emanuele ha parlato di TUTINO Vittorio. |
| | | |
| | |Anche il fratello di TUTINO Vittorio, quello che lavorava alle|
| | |PP.TT., era assolutamente affidabile, tanto che si era |
| | |prestato a prendere in affitto un appartamento (che in |
| | |definitiva e nella sostanza era di proprietà di GRAVIANO |
| | |Giuseppe) |
|8.4.1994 a P.M. |idem |SPATUZZA: Ne riconosce con sicurezza la foto (fargli ripetere |
|FiFirenze | |il riconoscimento fotografico al dibattimento). |
| | |E' persona assolutamente a disposizione dei GRAVIANO. |
| | |Impiegato in azioni di sangue (Fargli esemplificare a questo |
| | |riguardo). |
| | |Abitava nello stesso stabile dove abitavano i GRAVIANO in via |
| | |Conte Federico. Un fratello di Gaspare SPATUZZA era sparito da|
| | |anni e si diceva che fosse morto strangolato. |
| | |SPATUZZA in particolare si occupava di "dare la battuta" in |
| | |occasione dei vari fatti di sangue (informazioni e attiramento|
| | |delle vittime. Fargi illustrare bene questo punto). SPATUZZA, |
| | |per quanto non partecipasse conoscitivamente di tutte le |
| | |notizie, era tenuto "in gran considerazione" per la |
| | |affidabilità che dimostrava in tutto quello che faceva. Gli |
| | |venivano affidati anche incarichi importanti. |
| | |Faceva solo quello che gli chiedevano i GRAVIANO, Giuseppe in |
| | |particolare. |
| | | |
| | |VASILE Leonardo: si tratta di uomo d'onore della famiglia di |
| | |Brancaccio. Sa che ha dei figli, uno dei quali si chiama |
| | |Giuseppe, ma non conosce personalmente i figli di Leonardo |
| | |VASILE. |
| | |I VASILE sono una famiglia "ben conosciuta dai fratelli |
| | |GRAVIANO"). |
| | |Considerare se sia o non il caso di fargli domande sui VASILE,|
| | |in relazione all'indagine del 3197/96-21 Pubblico Ministero |
| | | |
| | |PIZZO Giorgio: a sentirne il nome, in sede di interrogatorio,|
| | |ricorda che questa persona si era avvicinata ai GRAVIANO un |
| | |po' prima che egli DRAGO venisse arrestato. |
| | |Ricorda che questo era stato detenuto per rapina. E che |
| | |abitava anch'egli in via Conte Federico. [4] |
|8.4.1994 a P.M. |sui CARRA |Non li conosce personalmente. |
|Firenze | |E' una famiglia di autotrasportatori. Avevano gli uffici nello|
| | |stesso stabile dove abitavano Francesco e Agostino MARINO |
| | |MANNOIA. |
| | |Da Francesco TAGLIAVIA (fargli precisare chi sia questa |
| | |persona nell'ambito di "cosa nostra") aveva appreso che si |
| | |trattava di persone "a disposizione", in primo luogo proprio |
| | |dello stesso TAGLIAVIA. |
|19.12.94 al P.M. |LO NIGRO |LO NIGRO Cosimo: Non conosce questa persona. |
|Firenze | |Considerare se siano da passare in rassegna, con lui, gli |
| | |altri nominativi delle persone che da noi rispindono come |
| | |esecutori delle stragi, per far risaltare che furono impiegate|
| | |persone che egli non conosceva, e ciò in relazione alle |
| | |cautele adottate a valle della conoscenza della sua |
| | |collaborazione. |
|idem |le stragi |Non ha conoscenza diretta di alcuna circostanza. |
| | |Non ha mai saputo di strategie stragistepraticate da "cosa |
| | |nostra" durante la sua appartenenza all'organizzazione. |
| | | |
| | |Su determinati aspetti operativi della strage di via |
| | |de'Georgofili, dice che le diversità operative (Fiorino; furto|
| | |poche ore prima) tra l'attentato di Firenze e gli altri |
| | |possono ben risalire a ragioni contingenti. E' |
| | |l'organizzazione del fatto che si piegano alla decisione, e |
| | |non vicerversa. |
|19.12.94 a P.M. |sulle cautele e tecniche |Come regola generale c'è quella della sicurezza. |
|Firenze |operative per le azioni da |Quindi bisogna acquisire la conoscenza del territorio. |
| |compiere "fuori territorio" |Se bisogna servirsi a questo scopo di qualcuno che ha |
| | |dimestichezza con i luoghi in cui si deve operare, |
| | |necessariamente la persona deve essere integrata nell'azione |
| | |criminosa. |
| | |Se si può provvedere da soli ad acquisire la conoscenza del |
| | |territorio, allora il referente locale viene richiesto solodi |
| | |mettere a disposizione quanto serva per eseguire l'azione |
| | |(appartamento, un locale, etc.) |
| | | |
| | |Sulle cautele personali: se taluno può correre il rischio di |
| | |non passare inosservato, allora è opportuno che si procuri una|
| | |qualche copertura, nel senso che deve organizzare una qualche |
| | |situazione che dia una patente esterna di ragionevolezza e di |
| | |ostensibilità alle ragioni della prsenza di quella certa |
| | |persona in quel certo luogo: ad esempio, andare in albergo con|
| | |i propri documenti. |
|Ord.za ABBATE |OMICIDI |Omicidio di |
|Luigi + 75 | | |
| |SARANNO richiamati non |- SCHIAVO Carlo (p. 217). Riferito da DRAGO il 4.3.1993. |
| |analiticamente, ma solo per |Commesso in concorso, tra gli altri, con LUCCHESE Giuseppe e |
| |collocare determinate |GRAVIANO Giuseppe. Convolti anche GIULIANO Giuseppe, detto |
| |persone, delle quali hanno |"Folonari", TINNIRELLO Lorenzo, SALERNO Pietro |
| |parlato anche altri | |
| |collaboratori, in seno a |- GRECO Pietro: (p. 221). Riferito da DRAGO il 2.7.1993. |
| |"cosa nostra" e più |Commesso in concorso, tra gli altri, con SPATUZZA Gaspare, |
| |esattamente nel "gruppo di |GRAVIANO Giuseppe, TINNIRELLO "Renzino" , TAGLIAVIA Francesco,|
| |fuoco". |SALERNO Pietro, GIULIANO Giuseppe "Folonari", MARINO MANNOIA |
| |Si tratta in particolare di |Agostino. |
| |GRAVIANO Giuseppe, GIULIANO | |
| |Giuseppe detto "Folonari", |- CONIGLIARO Giacomo (p. 248). Riferito da DRAGO il 17.2.1993.|
| |TAGLIAVIA Francesco, |La vittima era uomo d'onore della famiglia di Roccella. |
| |TINNIRELLO "Renzino", |Uccisio lo stesso giorno dell'omicidio di CASELLA Antonio, |
| |LUCCHESE Giuseppe, MARINO |uomo d'onore della famiglia di Brancaccio. Nel racconto |
| |MANNOIA Agostino, SALERNO |menziona la persona di TUTINO Vittorio, che definisce "persona|
| |Pietro. Ed anche per dare |vicina alla nostra famiglia". |
| |collocazione a CANNELLA | |
| |"Fifetto" e a SPATUZZA |- fratelli MANDALA' (p. 225): riferito da DRAGO nell'int.rio |
| |Gaspare. |30.6.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con LUCCHESE Giuseppe, |
| | |GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, TINNIRELLO "Renzino", |
| | |GIULIANO Giuseppe detto "Folonari" |
| | | |
| | |- LOMBARDO Sebastiano (p. 229): riferito in int.rio 30.6.1993.|
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con SPATUZZA Gaspare, |
| | |GIULIANO Giuseppe detto "Folonari", LUCCHESE Giuseppe, MARINO |
| | |MANNOIA Agostino, GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco. |
| | | |
| | |- D'AGOSTINO e TAORMINA (p. 233): riferito in int.rio |
| | |2.7.1993. Commesso in concorso, tra gli altri, con GRAVIANO |
| | |Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, LUCCHESE Giuseppe, GIULIANO |
| | |Giuseppe detto "Folonari", TINNIRELLO "Renzino", SPATUZZA |
| | |Gaspare. |
| | | |
| | |- DI MARCO Francesco (p. 236): riferito in int.rio 30.6.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con LUCCHESE Giuseppe, |
| | |GRAVIANO Giuseppe, TINNIRELLO "Renzino", TAGLIAVIA Francesco, |
| | |GIULIANO Giuseppe detto "Folonari". |
| | | |
| | |- D'ONUFRIO Antonino (p. 240): riferito in int.rio 10.3.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con LUCCHESE Giuseppe, |
| | |MARINO MANNOIA Agostino, GRAVIANO Giuseppe, TINNIRELLO |
| | |"Renzino", TAGLIAVIA Francesco, SALERNO Pietro, GIULIANO |
| | |Giuseppe detto "Folonari". |
| | | |
| | |- FRICANO e LOMBARDO Giuseppe (p. 254): riferito in int.rio |
| | |18.2.1993. Commesso in concorso, tra gli altri, con LUCCHESE |
| | |Giuseppe. |
| | | |
| | |- GIRO Pietro (p. 271): riferito in int.rio 2.7.1993. Commesso|
| | |in concorco, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, GRAVIANO |
| | |Giuseppe, GIULIANO Giuseppe detto "Folonari", SALERNO Pietro. |
| | | |
| | | |
| | |- MARINO MANNOIA Agostino (p. 274): riferito in int.rio |
| | |22.12.1992. Importante per la "causale": vicinanza della |
| | |vittima a PUCCIO Vincenzo. |
| | | |
| | |- ABBATE Giuseppe (p. 277): riferito in int.rio 18..1993. La |
| | |vittima era il rappresentante della famiglia di Roccella. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con LUCCHESE Giuseppe, |
| | |GIULIANO Giuseppe detto "Folonari", GRAVIANO Giuseppe. SALERNO|
| | |Pietro, TAGLIAVIA Francesco, TINNIRELLO "Renzino", |
| | | |
| | |- MARINO Francesco (p. 284): riferito in int.rio 20.1.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: GRAVIANO Giuseppe, |
| | |TAGLIAVIA Francesco, SALERNO Pietro, TINNIRELLO "Renzino", |
| | |MARINO MANNOIA Agostino, LUCCHESE Giuseppe, GIULIANO Giuseppe |
| | |detto "Folonari" ; |
| | | |
| | |- CASELLA Antonio (p. 289): riferito in int.rio 17.2.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, |
| | |GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, SALERNO Pietro, MARINO|
| | |MANNOIA Agostino. |
| | | |
| | |- MICELI Girolama (p. 303): riferito in int.rio 10.2.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, |
| | |GRAVIANO Giuseppe, MARINO MANNOIA Agostino, SALERNO Pietro, |
| | |TAGLIAVIA Francesco, TINNIRELLO "Renzino". |
| | | |
| | |- PRESTIFILIPPO Santo (p. 310): riferito in int.rio 18.3.1993.|
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, |
| | |GRAVIANO Giuseppe, MARINO MANNOIA Agostino, TINNIRELLO |
| | |"Renzino". |
| | | |
| | |OMICIDI ESTERNI: |
| | |- AMATO Pietro (p. 313): riferito in int.rio 10.2.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, |
| | |MARINO MANNOIA Agostino, GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA |
| | |Francesco, GIULIANO Giuseppe detto "Folonari". |
| | | |
| | |- BOSCIA Donato (p. 320): riferito in int.rio 10.2.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, |
| | |GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, TINNIRELLO "Renzino", |
| | |SALERNO Pietro, MARINO MANNOIA Agostino. |
| | |L'omicidio fu precedeto da azioni estorsive, accompagate da |
| | |danneggiamenti alla ditta Ferrocementi di proprietà della |
| | |vittima, mediante incendio e poi con l'impiego di esplosivo, |
| | |compiuti in concorso con TAGLIAVIA Francesco, GRAVIANO |
| | |Giuseppe, CANNELLA "Fifetto". |
| | | |
| | | |
| | |OMICIDI DI ESPONENTI DELLA CRIMINALITA' COMUNE |
| | |- BRIOLOTTA Sebastiano (p. 325): rif.to in int.rio 19.12 |
| | |1992. Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE |
| | |Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, GRAVIANO Giuseppe, TINNIRELLO |
| | |"Renzino". |
| | | |
| | |- FAIA Salvatore (p. 328): riferito in int.rio 22.7.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: SPATUZZA Gaspare, |
| | |MARINO MANNOIA Agostino, LUCCHESE Giuseppe, GRAVIANO Giuseppe,|
| | |TAGLIAVIA Francesco, SALERNO Pietro, MARINO MANNOIA Agostino. |
| | | |
| | | |
| | |- TRAINA Michele Antonino (p. 332): riferito in int.rio |
| | |31.3.1993. Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE |
| | |Giuseppe, GIULIANO Giuseppe detto "Folonari", SALERNO Pietro, |
| | |TINNIRELLO "Renzino", MARINO MANNOIA Agostino, TAGLIAVIA |
| | |Francesco. |
| | | |
| | |- fratelli MASUCCI (p. 336): riferito in int.rio 20.1.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: GIULIANO Giuseppe |
| | |detto "Folonari", TINNIRELLO "Renzino", TAGLIAVIA Francesco, |
| | |GRAVIANO Giuseppe, SALERNO Pietro, LUCCHESE Giuseppe. |
| | | |
| | |- TRE RE Francesco (p. 341): riferito in int.rio 17.2.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: GIULIANO Giuseppe |
| | |detto "Folonari", LUCCHESE Giuseppe, MARINO MANNOIA Agostino. |
| | | |
| | |- TUZZOLINO Ciro (p. 345): riferito in int.rio 18.2.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, |
| | |GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, SALERNO Pietro, |
| | |TINNIRELLO "Renzino". |
| | | |
| | |- SICHERA Giuseppe (p. 352): riferito in int.rio 4.3.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: GRAVIANO Giuseppe, |
| | |CANNELLA "Fifetto", LUCCHESE Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, |
| | |SALERNO Pietro. |
| | | |
| | |E' da mettere in evidenza che l'omicidio è avvenuto proprio |
| | |dentro il negozio di abbigliamento di CANNELLA "Fifetto", in |
| | |via Oreto n.108, nel quale,come riferito da DRAGO, fu |
| | |effettivamente accertato che lavorava come commessa una |
| | |ragazza (indicata da DRAGO con il cognome di CARRUBBA ed |
| | |identificata dalla PG in CARRUBBA Stefania) |
| | | |
| | |- BERTOLINI Francesco (p. 356): riferito in int.rio 18.3.1993.|
| | |DRAGO non vi ha partecipato (era in lutto per la morte del |
| | |padre). Commesso, tra gli altri: da GRAVIANO Giuseppe, MARINO |
| | |MANNOIA Agostino, SALERNO Pietro, TAGLIAVIA Francesco. |
| | | |
| | |- D'AMICO Antonino (p. 360): riferito in int.rio 2.7.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, |
| | |GRAVIANO Giuseppe, MARINO MANNOIA Agostino, TAGLIAVIA |
| | |Francesco, TINNIRELLO "Renzino". |
| | | |
| | |- D'AMICO Cosimo (p. 363): riferito in int.rio 2.7.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: MARINO MANNOIA |
| | |Agostino, GRAVIANO Giuseppe, LUCCHESE Giuseppe, TAGLIAVIA |
| | |Francesco, TINNIRELLO "Renzino". |
| | | |
| | |- MATRACIA Giovanni (p. 366): riferito in int.rio 22.7.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: GRAVIANO Giuseppe, |
| | |LUCCHESE Giuseppe, TAGLIAVIA Francesco, TINNIRELLO "Renzino", |
| | |SALERNO Pietro, MARINO MANNOIA Agostino. |
| | | |
| | | |
| | |ALTRI OMICIDI |
| | |- AMATO Giovanni e VIRGA MICHELE (p. 371): riferito in int.rio|
| | |4.3.1993. Commesso in concorso, tra gli altri, con: GIULIANO |
| | |Giuseppe detto "Folonari", MARINO MANNOIA Agostino, SALERNO |
| | |Pietro, LUCCHESE Giuseppe, GRAVIANO Giuseppe, TAGLIAVIA |
| | |Francesco, TINNIRELLO "Renzino". |
| | | |
| | |- MARSALONE Giuseppe (p. 378): riferito in int.rio 4.3.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, |
| | |GIULIANO Giuseppe detto "Folonari", MARINO MANNOIA Agostino, |
| | |SALERNO Pietro, TAGLIAVIA Francesco, GRAVIANO Giuseppe, |
| | |TINNIRELLO "Renzino". |
| | | |
| | |- BONO Vincenzo e N'CHO ANON BONI (p. 384): riferito in |
| | |int.rio 10.3.1993. Commesso in concorso, tra gli altri, con: |
| | |LUCCHESE Giuseppe, GRAVIANO Giuseppe, SALERNO Pietro, GIULIANO|
| | |Giuseppe detto "Folonari". |
| | | |
| | |- BENIGNO Salvatore (p. 388): riferito in int.rio. 2.7.1993. |
| | |Commesso in concorso, tra gli altri, con: LUCCHESE Giuseppe, |
| | |TAGLIAVIA Francesco, GRAVIANO Giuseppe, TINNIRELLO "Renzino". |
| | | |
|Ord.za ABBATE |reati diversi dagli omicidi |- rapina di quattro autocarri: Commesso in concorso, tra gli |
|Luigi + 75 | |altri, con: MARINO MANNOIA Agostino, SALERNO Pietro, GIULIANO |
| | |Giuseppe detto "Folonari". |
| | | |
| | |- rapina di un carico di armi in danno di ROMEO Gaetano (p. |
| | |394): Commessa in concorso, tra gli altri, con: SPATUZZA |
| | |Gaspare SALERNO Pietro, MARINO MANNOIA Agostino, GIULIANO |
| | |Giuseppe detto "Folonari", GRAVIANO Giusepp, LUCCHESE |
| | |Giuseppe. |
| | |E' significativa per mettere in evidenza il ruolo di SPATUZZA |
| | |che, nell'occasione, era d'accordo per la sottrazione delle |
| | |armi dal camion. |
| | | |
| | |- Attentati con esplosivo alla Termoblok ed al Comm.to PS di |
| | |Brancaccio, fatti del 6.5.1983 e del 1°.3.1983 (p. 399): |
| | |rif.to in int.rio 19.11.1993: DRAGO non vi ha partecipato |
| | |operativamente. |
| | |Hanno partecipato SACCO Antonino, GRAVIANO Giuseppe, GRAVIANO |
| | |Filippo, MARCHESE Antonino. |
| | |Sono importanti, sia per la posizione di GRAVIANO Filippo (che|
| | |confezionò l'ordigno per la Termoblok), sia per quella di |
| | |SACCO Antonino. |
|Ord.za ABBATE Luigi + 75 persone ulteriori| |DI FILIPPO Emanuele: in int.rio 20.1.1993 |
|con riferimento alle dichiarazioni rese da| |DRAGO lo indica, con certezza, come uomo |
|DI Filippo Emanuele: | |d'onore della famiglia di Ciaculli. |
| |GIULIANO Giuseppe "Folonari": vd. Omicidi | |
|GIULIANO Salvatore "il postino": DRAGO | |GUTTADAURO Giuseppe: DRAGO sa che quando |
|(int.rio 22.7.1993) lo indica come | |ABBATE Giuseppe, capo della famiglia di |
|affiliato alla famiglia di Brancaccio. Si | |Roccella, era detenuto, GUTTADUARO era |
|occupava di stupefacenti ed era | |stato incaricato di reggere la famiglia. |
|particolarmente vicino a TAGLIAVIA | | |
|Francesco. | | |
|Dopo la morte di ABBATE, GUTTADAURO aveva | |MARCHESE Antonino: vd. "Reati diversi" |
|avuto l'incarico di "gestire" la famiglia | | |
|di Roccella assieme a Antonino MANGANO. | | |
| |PENNINO Gioacchino: DRAGO ne ha parlato | |
| |(int.rio 25.2.1993 e 30.12.1993) | |
| |indicandolo quale uomo d'onore della | |
| |famiglia di BRANCACCIO. Aveva incontri | |
| |direttamente con GRAVIANO Giuseppe ai | |
| |quali DRAGO non partecipava, pur essendo | |
| |lo stesso DRAGO ad accompagnare GRAVIANO | |
| |Giuseppe agli incontri, che si svolgevano | |
| |nei laboratori di analisi di PENNINO. | |
| |GRAVIANO Giuseppe andava anche a casa di | |
| |PENNINO, accompagnato da DRAGO. | |
|SACCO Antonino: vd. "Reati diversi" per |Inoltre: è stato vicino a DRAGO, che |SACCO (int.rio DRAGO 19.11.1993) è stato |
|episodio della Termoblok.. |quindi ne conosce bene la collocazione |prestanome in attività commerciali con |
| |criminale. Episodio della patente |soci, occulti, del calibro sdi BAGARELLA; |
| |"Buglisi" che SACCO buttò via, quando fu |prestanome di MARCHESE Antonino ; |
| |fermato in occasione dell'arresto di | |
| |DRAGO. SACCO era anche nel possesso di una| |
| |ricevuta relativa ad un'auto intestata a | |
| |BUGLISI ma in effetti di proprietà di | |
| |DRAGO. | |
| |SALERNO Pietro: vd. omicidi. | |
|TINNIRELLO Lorenzo, detto "Renzino 'u | |TORREGROSSA Giovanni: DRAGO, in int.rio |
|turchiceddu": vedi omicidi | |21.1.1993, ha affermato che trattasi di |
| | |uomo d'onore della famiglia di |
| | |Palermo-Centro. |

-----------------------
[1] - la DIA, che deve ancora evadere la richiesta su TAGLIAVIA, dovrà anche prrecisare le date della detenzione del TAGLIAVIA, altrimenti manca il raccordo con le dichiarazioni di ROMEO a proposito della vicenda TAGLIAVIA-MARINO.

[2] - Bisogna controllare che la DIA, che ne dovrà riferire al dibattimento, abbia riscontrato queste circostanze. E' importante che al dibattimento la DIA riferisca che questo nome emergeva dalla elaborazione dei tablati frelativi al cellulare 0337/898975 (dovrebbe trattarsi di quello di SPATUZZA).

[3] - la DIA dovrà riferire (il dato è stato già acquisito nel corso delle indagini) sulla circostanza che un fratello di SPATUZZA, che aveva avuto una condanna a molti anni di carcere, è irreperibile da anni.

[4] - Bisogna controllare che la DIA, che ne dovrà riferire al dibattimento, abbia riscontrato queste circostanze. E' importante che al dibattimento la DIA riferisca che questo nome emergeva dalla elaborazione dei tablati frelativi al cellulare 0337/898975 (dovrebbe trattarsi di quello di SPATUZZA).