Home page Indietro Contatti Cerca nel sito RSS
Processo per la strage di Via dei Georgofili
I verbali del 1° dibattimento
collaboratori
consulenti
deleghe_in_corso_di_dibattimento
esame_imputati
esposizione_introduttiva
fascicolo_dibattimento
intercettazioni
lista_testi
polizia_giudiziaria
preparazione_esami_dibattimento
requisitoria
requisitoria_generale
richiesta_di_prove
sentenza_661998
sommario
udienze
vicenda_bellini
97_03_21.txt
97_07_04.txt
97_07_18.txt
98_01_16.txt
atto_di_impugnazione.txt
risc_fe.txt
riscont.txt
riscontr.txt

Note
Versione stampabile   
DIBATTIMENTO-1: esame_imputati/testimon/preparaz/collabor/p_grig.txt


|da chiedere |DATI PERSONALI |non è stato ritualmente affiliato "Se voi per uomo |
| | |d'onore intendete essere pungiuto, no. Ma io mi sentivo|
| | |all'epoca più che uomo d'onore, anche se non sono mai |
| | |stato "pungiuto". (int. 16.9. pag. 122) |
| | | |
| | |dati di carattere personale: soprannome |
| | |attività svolta |
| | |precedenti giudiziari e penali |
| | |arresto: 19.6.1997 |
| | |collaborazione: 20.6.1997 confessa tutti gli omicidi di|
| | |cui era accusato, tra i quali quello di padre Puglisi e|
| | |il sequestro del figlio di DI MATTEO |
|pm firenze 24.6.97 |L'ATTEGGIAMENTO PROCESSUALE |Al momento dell'interrogatorio riferisce di non avere |
| | |letto le ordinanze di custodia cautelare relative ai |
| | |fatti di strage; |
| | |vuole riferire la verità e tutto quello che sa; |
| | |(pag.2-4 trascr.) |
| | |non ha avuto modo di apprendere la ricostruzione |
| | |indiziaria operata nel corso delle indagini e del |
| | |dibattimento; (pag.58) |
|pm firenze 24.6.1997 |l'attentato allo Stadio Olimpico e |ha partecipato ad entrambi; (p.4) |
| |quello a CONTORNO | |
| |le stragi del 93 |non ha partecipato alle stragi di Firenze, Roma e |
| | |Milano, ma ha appreso notizie sugli esecutori; (p.4) |
|pm firenze 24.6,97 |elementi dai quali comprende qualcosa|già all'epoca in cui era ancora socio di GIACALONE (di|
| |sulle stragi del 1993: autovetture |fatto aveva lasciato: pag. 22) (aveva già aperto il |
| |con targhe del Nord; la Lancia Delta |negozio di articoli sportivi, ma continuava ad essere |
| |tg. VT e la Fiat Uno tg. Roma color |formalmente amministratore: pag.9-10 int.16.9.97) aveva|
| |carta da zucchero |cominciato capire qualcosa allorchè Giuseppe GRAVIANO |
| | |cercava autovetture con targa Roma e comunque del Nord;|
| | |(pag.4) |
| | |in quel periodo vede "strani movimenti": Fifetto |
| | |CANNELLA cercava macchine targate Roma per conto dei |
| | |GRAVIANO; (pag. 19); GIACALONE si era rivolto per |
| | |l'acquisto ad una ditta che vendeva auto che erano |
| | |state utilizzate per noleggio e ne acquista una targata|
| | |Viterbo (pag. 19); |
| | |(le auto erano state acquistate a Capaci ed era |
| | |presente lo stesso GRIGOLI: PAG 10-11 int.16.9). |
| | |(Delta amaranto targata Viterbo poi aquistata da |
| | |SPATUZZA e Fiat Uno carta da zucchero targata Roma) |
| | |(pag. 21) LA UNO viene presa in consegna CANNELLA (pag.|
| | |12 int. 16.9) |
| | |si trattava di autovetture "pulite" per le quali non |
| | |veniva fatto il passaggio di proprietà (pag. 20); le |
| | |vetture servivano per spostarsi in continente (pag. 21)|
| | | |
| | |ogni volta che GIACALONE procurava queste autovetture |
| | |poi avvenivano gli attentati (pag. 20) |
| | |poi "partivano": CANNELLA sicuramente era tra quelli |
| | |che partivano. |
|pm firenze 24.6.1997 |aiuto per macinare l'esplosivo |Nino MANGANO gli chiede di dare una mano a SPATUZZA, LO|
| | |NIGRO e GIULIANO per macinare e fare in "polvere" delle|
| | |"pietre" che capisce essere esplosivo; GRIGOLI stesso |
| | |compie poi le stesse operazioni per l'attentato allo |
| | |Stadio (e poi manipolerà l'esplosivo per l'attentato a |
| | |CONTORNO); |
| | |(pag 6) |
| |acquisto di un radiocomando |insieme a SPATUZZA compra un modellino d'aereo |
| | |radiocomandato in corso dei Mille; |
| |LO NIGRO e GIULIANO gli fanno delle |a seguito della sua implicazione nell'attentato allo |
| |confidenze specifiche: su COSTANZO e |Stadio parlano espressamente (pag. 24); |
| |in generale sulle altre stragi; |la "colpa" che COSTANZO l'aveva fatta franca era di |
| | |Fifetto CANNELLA perchè aveva fatto premura a Salvatore|
| | |BENIGNO; |
| | |(pag.7) ; |
| | |GIULIANO c'era sicuramente: era andato vicino ai |
| | |Parioli per i pedinamenti (pag. 25); |
| |in relazione all'attentato di |a dare ospitalità agli attentatori era stato lo zio di |
| |Firenze: la permanenza presso lo zio |Vincenzo FERRO: questi si lamentava con GRIGOLI |
| |di Vincenzo FERRO |dicendogli ... "hanno pure consumato..mio zio"...; |
| | |(pag. 26-27); |
| | |a Firenze c'erano SPATUZZA e BARRANCA (pag. 27); |
| | |(lo zio non voleva mettersi a disposizione e gli era |
| | |stato imposto, int. 16.9.97 pag. 127) |
| |in relazione a tutti gli attentati |("loro ne parlavano apertamente...chi era stato a |
| |del 1993 |Milano chi a Firenze...." pag.3 int.16.9.97) |
| | |erano stati eseguiti tutti da: BARRANCA, BENIGNO, |
| | |GIULIANO, CANNELLA, SPATUZZA e LO NIGRO; (pag. 27-28); |
| | | |
| | |PIZZO era persona di assoluta fiducia dei GRAVIANO era |
| | |"il ragioniere" teneva la cassa del mandamento di |
| | |Brancaccio "era a conoscenza dei fatti" p. 132-133 int.|
| | |16.9; |
| | |( tutte le stragi eseguite dal gruppo di fuoco di cui |
| | |lo stesso GRIGOLI faceva parte:BENIGNO faceva parte del|
| | |gruppo di fuoco di Misilmeri sotto la direzione di LO |
| | |BIANCO; nonchè da GIACALONE e CARRA, che aveva |
| | |trasportato l'esplosivo pag.2 int. 16.9.97) |
| | |Cosimo LO NIGRO era stato quello che aveva acceso le |
| | |micce "sicuro al cento per cento" (pag.28) |
| | |( ricorda il particolare delle micce accese con le |
| | |sigarette da LO NIGRO e da BENIGNO quando erano stati |
| | |fatti gli attentati in contemporanea p. 128 int. 16.9) |
| | |GIULIANO "si burlava" che dove c'era stato lui c'erano |
| | |stati più morti (pag. 29); |
| | |"GIULIANO è uno di quelli che gli piaceva |
| | |chiaccherare...era un curiosone...era quello che |
| | |memorizzava...ecco perchè Olivetti...tutto il |
| | |resto..quanti omicidi hai fatto...quanti non ne hai |
| | |fatto... e lui si burlava che in un colpo solo..." |
| | |(int. 16.9. pag.129) |
| | |GIULIANO gli aveva anche detto che FRABETTI lo aveva |
| | |accompagnato a rubare una delle Fiat Uno utilizzate per|
| | |le stragi e gli racconta del particolare che FRABETTI |
| | |si sarebbe fermato nei pressi di una caserma; (pag. |
| | |62-63) |
| | |(si era fermato in un posto dove c'era una fiat Uno..p.|
| | |106-107 int.16.9) |
| | |c'erano state lamentele sul comportamento di Fifetto |
| | |CANNELLA in occasione della "prima" strage" e la |
| | |richiesta che fosse SPATUZZA a coordinare le azioni |
| | |(PAG. 66-67); |
| | |a Roma il punto di riferimento era SCARANO e anche |
| | |FRABETTI; appoggio aveva fornito anche un'altra |
| | |persona, che aveva una Volvo, della quale tutti si |
| | |erano lamentati.Nella famiglia di questa persona erano |
| | |tutti cocainomani e qualcuno aveva proposto di |
| | |eliminarla (pag.70-71) |
| | |SCARANO aveva proposto di ucciderlo, perchè quello |
| | |della Volvo sapeva delle stragi e lo ricattava con |
| | |richieste di denaro. |
| | |Ricorda poi che si chiamava DI NATALE, anche perchè, |
| | |uno del gruppo, Salvatore FAIA detto "il gobbo", aveva |
| | |avuto "storie" con lui; (p. 107-110 int. 16.9) |
| |L'ATTENTATO ALLO STADIO: la riunione |Ha un appuntamento ( a Misilmeri: pag. 70) con Giuseppe|
| | |GRAVIANO: presenti SPATUZZA, LO NIGRO, GIACALONE, |
| | |GIULIANO e BENIGNO; |
| | |GRAVIANO li mette al corrente che bisogna fare un |
| | |attentato allo Stadio; |
| | |(pag. 7); |
| | |bisognava uccidere "un sacco di carabinieri" (pag. |
| | |31-32) |
|pm firenze 16.9.1997 |lo spostamento su Roma e il diverbio |GRIGOLI, LO NIGRO e GIULIANO si erano spostati in |
| |con la portiera |treno, GIACALONE con la Thema che doveva esplodere, |
| | |SPATUZZA e BENIGNO erano già a Roma (pag. 15) |
| | |GRIGOLI, GIULIANO eLO NIGRO arrivano a Roma e SCARANO |
| | |li va a prendere alla stazione; li porta in un |
| | |appartamento dove avviene una discussione con la |
| | |portera; |
| | |"voleva sapere che facevamo, che non facevamo.. e si |
| | |andò via di lì perchè non ci piaceva questo |
| | |atteggiamento di questa signora.."(p. 97 int. 16.9) |
| | |nell'appartamento (non ricorda in quale zona di Roma) |
| | |si trattengono solo qualche ora: trovano SPATUZZA e |
| | |BENIGNO, mentre GIACALONE arriva dopo. |
| | |(sembra che disponessero di un altro appartamento a |
| | |Roma, in città: "non stavamo dormendo tutti nella |
| | |stessa camera, quindi forse ci stavamo dividendo."..) |
| | |pag.15-17 |
| | | |
| | |SCARANO chiama con il cellulare uno che era a |
| | |"disposizione" e che era la persona che aveva affittato|
| | |l'appartamento da un avvocato . diceva "gli ho dato i |
| | |soldi per l'affitto" : |
| | |questa persona, di nome Alfredo, era venuto a prenderli|
| | |con una mercedes bianca per poi accompagnarli al |
| | |villino a mare |
| | |Si trattava della stessa persona che aveva avuto |
| | |contatti con GIACALONE per storie di macchine : Alfredo|
| | |aveva debiti con SCARANO e aveva fatto comprare delle |
| | |macchine a GIACALONE: si erano messi d'accordo che |
| | |quando vendeva le macchine GIACALONE avrebbe dato i |
| | |soldi a SCARANO (P. 97-104 ) |
| |STADIO: la permanenza a Roma nel |Si trattava di un villino in una "zona marina" vicina a|
| |"villino" |Roma (Torvajanica, forse): era arrivato in questo |
| | |villino Giuseppe GRAVIANO,che non sa dove alloggiasse, |
| | |accompagnato da Vittorio TUTINO,(che lo aspettava alla |
| | |stazione, come sentì dire allo stesso GRAVIANO mentre |
| | |parlva con SPATUZZA: pag. 18 int.16.9) e parla con |
| | |SCARANO; (TUTINO era parimenti persona di fiducia e |
| | |curava gli affari dei GRAVIANO p.133 int. 16.9) |
| | |GRAVIANO dice che erano in troppi; (pag. 7-8); a |
| | |Palermo fanno rientro lo stesso GRIGOLI e GIULIANO; a |
| | |Roma rimangono BENIGNO, GIACALONE, SPATUZZA e LO NIGRO |
| | |(pag.10); |
| | |GRIGOLI si era trattenuto nel villino pochi giorni |
| | |(pag. 16). Il villino era certamente di un conoscente |
| | |di SCARANO che era il punto di riferimento su ROMA; |
| | |(pag.17) |
| |STADIO: la Thema |per compiere l'attentato viene portata su a Roma da |
| | |GIACALONE una Lancia Thema di colore verde |
| | |metallizzato (o una Croma) alla quale erano stati messi|
| | |degli "spessori" per evitare che si abbassasse quando |
| | |nella bauliera veniva collocato l'esplosivo (pag.8-9); |
| | |lo spostamento avviene via mare e all'autovettura, |
| | |rubata e con i dati identificativi tolti, vengono |
| | |apposte le targhe "pulite" di un'altra Thema che forse |
| | |era nell'autosalone di GIACALONE, ma della quale non |
| | |ricorda la targa (pag. 10-12); |
| | |non sa chi ha rubato la Thema: quelli che rubavano le |
| | |auto erano TROMBETTA - che le ricettava- CIARAMITARO, |
| | |ROMEO, DRAGNA -ucciso dallo stesso GRIGOLI- e ALAIMO, |
| | |anch'egli ucciso: pag. 12-14 int. 16.9) |
| | |era stato utilizzato il portabollo dell'agenzia di Nino|
| | |MANGANO e per questo fatto GIACALONE era stato |
| | |rimproverato (pag, 68); |
| | |aveva visto la Thema a Roma dentro un capannone " di |
| | |bibite" (dove SCARANO aveva una cointeressenza); |
| | |(pag.17-18) |
|pm firenze 16.9.1997 |il luogo dove era custodita a Roma la|lo stesso giorno che insieme a GIULIANO rientra in |
| |Thema |treno in Sicilia, GRIGOLI va al deposito di acque |
| | |minerali: GIACALONE stava ultimando il lavoro degli |
| | |"spessori" alla Thema che si trovava dentro il |
| | |capannone; (pag.21-22) |
| | |BENIGNO faceva delle prove con il telecomando |
| | |utilizzando delle lampadine (pag.23) |
| | |nel piazzale ricorda che c'era un furgone, forse bianco|
| | |(pag.35-36) |
| | |GRIGOLI vede l'esplosivo all'interno della Thema, |
| | |"dietro i sedili posteriori", (pag.37) |
| | |vede tre "balle" per un peso di circa 210 chili, posto |
| | |che ognuna era tra i 60 e i 70 chili (pag.39) |
|pm firenze 16.9.1997 |LA PREPARAZIONE DELL'ESPLOSIVO A |GRIGOLI aveva preparato l'esplosivo a Palermo: |
| |PALERMO: |era "in pietra", veniva macinato, (prima era stato |
| |STADIO E ATTENTATI PRECEDENTI |fatto con delle mazze poi con la molazza,-prestata da |
| | |Giacomo VACCARO, cognato di MANGANO, pag. 42-, quindi |
| | |passato a setaccio, messo nei sacchi della spazzatura, |
| | |pressati in maniera che fuoriuscisse tutta l'aria, |
| | |legati quindi stretti con delle corde, e poi avvolto |
| | |con nastro adesivo da imballaggio; |
| | |ne risultavano delle forme simili a quelle del |
| | |parmigiano (pag.37-39) |
| | | |
| | |Era LO NIGRO che procurava l'esplosivo "in pietra" (non|
| | |aveva svelato la "fonte" e se ne vantava dopo il |
| | |pentimento di ROMEO); lo portava insieme a SPATUZZA |
| | |all'interno di sacchi di juta; "venivano |
| | |bagnati....tipo io pensavo che loro prendessero questo |
| | |esplosivo in mare..." (pag.43-44); |
| | |era LO NIGRO che trasportava l'esplosivo con una moto |
| | |ape verde che custodiva in un garage posto in via |
| | |Salvatore Cappello, che era stato utilizzato anche come|
| | |base per compiere omicidi (pag.48-49) |
| | | |
| | |GRIGOLI ha eseguito le operazioni di macinazione |
| | |dell'esplosivo "in pietra" anche per quello utilizzato |
| | |negli attentati Roma, Firenze e Milano: era stato Nino |
| | |MANGANO a dirgli che "i ragazzi" avevano bisogno di |
| | |una mano, senza dirgli che si trattava di esplosivo, ma|
| | |poi "lì dentro si capì che era esplosivo" (p.44-45): |
| | |aveva compiuto queste operazioni "senza sapere niente" |
| | |: poi aveva chiesto "posso fumare?" e gli avevano |
| | |risposto di stare attento; aveva capito che si trattava|
| | |di esplosivo ma non sapeva a che cosa fosse |
| | |destinato.(P.46) |
| | |Aveva partecipato due volte alla preparazione di |
| | |esplosivo: |
| | |la prima volta vengono preparate 4 o 5 balle di quelle |
| | |grosse (da 60-70 chili) e poi delle confezioni da |
| | |5-10-15 chili ; quattro di queste "piccole" (da 10, da |
| | |5, da 2..) servivano a SCARANO; |
| | |forse questo esplosivo era quello utilizzato per gli |
| | |attentati del 27 luglio; (pag.47) : in questa occasione|
| | |era stata utilizzata la molazza e, poichè si |
| | |lamentavano che in precedenza erano state utilizzate |
| | |delle mazze, ne deduce che altro esplosivo era stato |
| | |utilizzato per altre stragi;(pag.47-48) |
| | |l'epoca è antecedente di un paio di mesi all'incendio |
| | |della jeep del costruttoreGiovanniVENTURA; (p.49) |
| | |In precedenza "loro" avevano macinato l'esplosivo in |
| | |una "casetta" abbandonata in campagna, utilizzata come |
| | |una sorta di magazzino per i contadini, adiacente |
| | |l'abitazione di Nino MANGANO" (a circa trenta metri) |
| | |che era di proprietà di MANGANO ma non intestata a lui;|
| | |questa "casetta" è stata poi ristrutturata intorno al |
| | |94; (pag.50-52) la riconosce nella foto n.5 della |
| | |Scientifica (pag.55) |
| | |da questa casetta GRIGOLI aveva prelevato delle mazze |
| | |utilizzate per l'esplosivo in pietra (pag.55) quando |
| | |personalmente parteciperà alla manipolazione nel |
| | |capannone (ubicato al civico 1419) preso in affitto |
| | |(p.56), nonchè i sacchi di juta contenenti l'esplosivo |
| | |stesso; |
| | |gli stessi SPATUZZA LO NIGRO gli dicono che lì avevano|
| | |"lavorato" l'esplosivo insieme a GIULIANO in occasione |
| | |dei precedenti attentati (P.65); |
|pm firenze 16.9.1997 |I LUOGHI DOVE VENIVA PREPARATO |1) la casetta rustica di MANGANO, poi ristrutturata nel|
| |L'ESPLOSIVO: i pezzettini di ferro |1994;(vedi sopra) |
| | |2) Il magazzino, di proprietà forse di certo MILITELLO,|
| | |che era stato preso in affitto per custodirvi le |
| | |sigarette di contrabbando; (pag.41) individuato da |
| | |GRIGOLI al civico 1419 (p.64) (qui avviene la |
| | |manipolazione dell'esplosivo delle stragi del 27 luglio|
| | |e dell'attentao a CONTORNO) |
| | |entrambi i luoghi si trovano in corso dei Mille - |
| | |Gaurnaschelli (p.68) e distano in linea d'aria 150 |
| | |metri |
| | |3) il deposito della EDILVACCARO di Giacomo VACCARO, |
| | |cognato di MANGANO; (pag.52) |
| | |l'esplosivo utilizzato per lo Stadio viene preparato |
| | |presso la EDILVACCARO e nell'occasione vengono |
| | |preparati dei pezzettini di ferro messi in un |
| | |contenitore da 20 litri da posizionare accanto |
| | |all'esplosivo per aumentare l'effetto dannoso (p.58-59)|
| | | |
| | |(non ricorda se venne portato a Roma) |
| | |vengono utilizzate le attrezzature ivi esistenti, |
| | |compresa la "molazza" la lavorazione avviene nel |
| | |piazzale all'aperto; (p.63) |
| | |durante la lavorazione sentivano la gola secca e poi |
| | |urinavano "rosso" (p.69) |
|pm firenze 24.6.1997 |STADIO: il trasporto dell'esplosivo |l'esplosivo era stato portato prima da CARRA (pag.18) |
|pm firenze 16.9.1997 |i sopralluoghi |SPATUZZA e LO NIGRO, accompagnati da SCARANO, avevano |
| | |scelto il punto nel piazzale dove dovevano passare i |
| | |poliziotti o i carabinieri; |
| | |come punto di riferimento c'era una specie di garitta |
| | |dove c'era un carabiniere (avranno poi dei problemi |
| | |quando vanno a recuperare la Thema e diranno che hanno |
| | |perso le chiavi, come apprende poi a Palermo) pag. |
| | |24-25; |
| |STADIO: il racconto che ha dagli |la settimana prima l'attentato non si era potuto fare |
| |altri sulle cause del fallito |perchè la Roma o la Lazio"avevano giocato di sabato" |
| |attentato |(?): |
| | |la macchina era stata imbottita e portata nel piazzale.|
| | |L'inconveniente era dovuto al telecomando che non aveva|
| | |funzionato (forse non era "entrata" la frequenza: era |
| | |BENIGNO quello che maneggiava il telecomando.(pag. 13).|
| | | |
| | |LO NIGRO aveva piazzato l'autovettura e poi era stato |
| | |preso a bordo di una moto da SPATUZZA. Aveva gettato |
| | |via le chiavi della Thema pensando che non servissero |
| | |più.(pag 13) |
| | |C'era stato quindi il problema del recupero dell'auto: |
| | |avevano cercato invano le chiavi "in mezzo all'erba"; |
| | |un carabiniere si era avvicinato e gli avevano detto |
| | |"abbiamo perso le chiavi"; poi avevano contattato un |
| | |ladro di macchine, quindi l'auto era stata portata via |
| | |con un carro-attrezzi di un conoscente di SCARANO; |
| | |(pag.15); |
|pm firenze 24.6.1997 |STADIO: l'epoca |Giuseppe GRAVIANO era ancora libero (pag.16); era |
| | |certamente inverno perchè scherzavano con l'acqua |
| | |calda; |
| | |si trattenne forse anche tre giorni (pag. 32 int. 16.9)|
|pm firenze 16.9.1997 | |il periodo della sua permanenza a Roma era prossimo al |
| | |derby Roma-Lazio; (aveva pensato che i danni sarebbero |
| | |stati maggiori perchè allo Stadio ci sarebbero andati |
| | |donne e bambini) e non si trattava di partita notturna;|
| | |(pag.25-27) |
| | |passano circa quattro giorni dal momento in cui GRIGOLI|
| | |rientra a Palermo al rientro da Roma degli altri; (ma |
| | |era già fallito ovvero non l'avevano ancora fatto?) |
| | |esclude che si tratti del derby del cuore del |
| | |21.12.1993, giocato in notturna; |
| | |nell'alternativa tra le date del 24.10.1993 e il |
| | |6.3.1994, propende per la prima; (pag.29-31); |
|pm firenze 24.6.97 | |non sa che fine abbia fatto l'esplosivo che comunque |
| | |"non fu più sceso" (pag.40-41); |
| | |non sa per quale motivo non è stato tentato nuovamente;|
| | |(pag. 18) |
| |MOTIVAZIONI |si doveva costringere lo Stato a mettersi in contatto |
| | |con Cosa Nostra per far cessare queste azioni e venire |
| | |a patti; (pag. 32) |
| | |la richiesta primaria era l'abolizione del 41 bis |
| | |(pag.65) |
| |FALANGE ARMATA |Sente dire a GIULIANO che doveva fare delle telefonate|
| | |di rivendicazione a nome della Falange Armata (pag.33);|
| |CONTORNO: l'esplosivo |GRAVIANO si raccomandava che l'esplosivo da utilizzare |
| | |doveva essere diverso da quello usato per le stragi: |
| | |era tipo Dash, bianco a palline, oppure era grigio |
| | |(pag. 34) |
| | |non si voleva fare capire alle forze dell'ordine che |
| | |era tutta la stessa mano(pag. 42 int.16.9) |
| | |L'esplosivo viene manipolato presso il magazzino posto |
| | |al civico 1419G : |
| | |"(non) bisognava essere macinato, però bisognava |
| | |confezionarlo": si trattava del "dash" e di altro |
| | |esplosivo di colore grigiastro scuro, che, a dire di LO|
| | |NIGRO, era pericoloso da maneggiare. Veniva |
| | |confezionato come quello "in pietra" ed erano stati |
| | |preparati tre involucri, intorno ai 200 chili |
| | |complessivamente,- il peso comunque variava- che poi |
| | |verranno fatti saltare dai CC (p.70-72 int. 16.9) |
|pm firenze 24.6.1997 |CONTORNO: IL MOVENTE |CONTORNO era un pentito e poi aveva ucciso il padre dei|
| | |GRAVIANO: si diceva che i GRAVIANO avevano sbagliato a |
| | |mandare loro e che "questa spina" se la dovevano |
| | |togliere da soli (pag. 63) |
|pm firenze16.9.1997 |CONTORNO: lo spostamento su Roma del |GRIGOLI, LO NIGRO e GIULIANO si spostano in treno; in |
| |"gruppo di fuoco" |altro scompartimento BENIGNO; |
| | |GIACALONE forse si sposta in aereo; (p.87-88) |
|pm firenze 24.6.1997 |CONTORNO: la villetta di Capena |dormivano in una villetta vicino a Formello che era |
| | |stata procurata da SCARANO; (PAG. 37) |
| | |(la permanenza a Roma si protrae per oltre 15 giorni - |
| | |p.105-106 int. 16.9) |
|pm firenze 16.9.1997 |la villetta, |descrive la villetta: il cancello, lo spiazzo, la |
| | |disposizione su due piani, la zona notte nella parte |
| | |alta, la sala con il camino, il giardino sul retro con|
| | |il prato inglese, il "casottino per la legna, lo |
| | |stanzino con gli attrezzi e un tavolo da ping-pong; |
|pm firenze 16.9.1997 |la disponibilità di cellulari |durante la permanenza a Capena GIACALONE, LO NIGRO e |
| | |CARRA avevano i cellulari, forse anche BENIGNO; |
| | |GRIGOLI aveva telefonato a casa sua con il cellulare di|
| | |GIACALONE |
| | |(P.104-105) |
|pm firenze 16.9.1997 |la UNO rubata |ricorda che nella villetta c'era una fiat Uno rubata, |
| |la jeep bianca di SCARANO |di colore nero o blu; era stata utilizzata per spostare|
| |gli "spadini" |l'esplosivo, come pure la jeep bianca i SCARANO, che fu|
| | |utilizzata in più di un'occasione; (p. 88-89). |
| | |non sa chi l'aveva rubata: GIULIANO comunque sapeva |
| | |utilizzare gli "spadini" o "chiavini", lame sottili che|
| | |aprivano le Fiat o le Lancia (p.89) |
|pm firenze 24.6.1997 |FRABETTI |vede FRABETTI nella villetta: era arrivato insieme a |
| | |SCARANO e forse li aveva accompagnati da qualche parte;|
| | | |
| | |una volta era venuto a portare da mangiare con un |
| | |camion (p. 111 int. 16.9) |
| |CONTORNO: l'individuazione |CONTORNO trafficava in stupefacenti con un costruttore |
| | |che a sua volta conosceva SCARANO e gli aveva fatto |
| | |delle confidenze; SCARANO poi aveva fatto sapere la |
| | |cosa a Matteo MESSINA DENARO; |
| | |fonte di queste notizie per GRIGOLI è Nino MANGANO |
| | |(pag. 60-61) e poi lo stesso SCARANO; |
| |CONTORNO: primo tentativo fallito |c'era stato un primo tentativo fallito a circa un |
| | |chilometro dalla casa di CONTORNO, dentro una |
| | |canaletta, nei pressi di un cimitero, in un punto dove |
| | |doveva necessariamente rallentare; |
| | |la gelatina "poteva essere avariata" (pag. 34-35-36) e |
| | |l'aveva fornita BRUSCA (PAG. 41); era a forma di |
| | |salsicciotto; era esploso il detonatore; tutti avevano |
| | |sentito il "botto" e quindi pensavano che anche |
| | |CONTORNO aveva sentito; (pag.39) |
| | |presenti in questa occasione: GIACALONE, SPATUZZA, LO |
| | |NIGRO, GIULIANO, BENIGNO; (pag. 38) |
| | |GRIGOLI era presente e nell'occasione CONTORNO aveva |
| | |una Punto colore amaranto; (pag.36) |
| | |la moglie di CONTORNO aveva una Golf e il suocero una |
| | |127 , aveva anche visto dentro casa una Polo (pag.59) |
| | |i compiti: GRIGOLI e GIACALONE dovevano dare la |
| | |"battuta" ; gli altri avrebbero operato; (pag. 37-38) |
|pm firenze 24.6.97 |CONTORNO: lo spostamento |l'esplosivo venne spostato e portato nella villetta di |
| |dell'esplosivo dopo il primo |Capena; (pensavano di essere stati visti da poliziotti |
| |tentativo |in borghese: si era infatti fermata una macchina a |
| | |guardare -pag. 46) |
| | |BENIGNO manda GIULIANO a prendere i detonatori a |
| | |Misilmeri da Giovanno TUBATO, il carnezziere, (persona |
| | |vicina a LO BIANCO e allo stesso BENIGNO) pag.73-74 |
| | |int.16.9 |
| | |GRIGOLI aveva avuto rapporti con TUBATO: era il |
| | |"contatto" di BENIGNO su Misilmeri, allorchè lasciavano|
| | |le armi "per ripulirle" dopo gli omicidi (pag.74 |
| | |int.16.9) |
| | |GIULIANO va a Palermo (pag. 39) GRIGOLI non ricorda |
| | |con quale mezzo scende, forse in nave, int.16.9 pa.75) |
| | |per andare a prendere il detonatore e anche "altro |
| | |materiale": sia Dash che materiale grigio che viene |
| | |nuovamente manipolato nella villetta (pag. 40); (a pag.|
| | |47-48 precisa che questo materiale più scuro, secondo |
| | |LO NIGRO, era pericoloso da maneggiare); (nell'int. del|
| | |16.9 p.76 precisa che era stato CARRA a portare altro |
| | |esplosivo tipo dash in sostituzione della gelatina, |
| | |della quale erano sforniti; avevano deciso di piazzare |
| | |il detonatore nel dash: al riguardo avevano già fatto |
| | |delle prove, con 200 grammi, a Palermo, nella zona |
| | |industriale - p.78) |
| | |GIULIANO era tornato con Pietro ROMEO ed aveva |
| | |utilizzato, su indicazione dello stesso GRIGOLI, la |
| | |macchina del fratello di GRIGOLI, una Fiat Uno di |
| | |colore bianco targata Roma) (PAG. 76) |
| | |ROMEO poi aveva partecipato a qualche sopralluogo |
| | |(pag.76) |
| | |ROMEO poi era ripartito con la Uno "in giornata" perchè|
| | |aveva l'obbligo di firma (int. 16.9 pag. 75); |
| | |l'esplosivo "di prima" rimase nel villino e venne messo|
| | |nel punto dove c'era accatastata della legna; |
| | |(sia l'esplosivo per lo stadio che quello per CONTORNO |
| | |era confezionato nella stessa maniera. Nella villetta |
| | |c'era anche l'esplosivo che non era stato utilizzato |
| | |per l'attentato alla stadio: dice che quello sotterrato|
| | |nella villetta è quello dello stadio "..se è in |
| | |pietra..quello fatto trovare da ROMEO.." p. 79-81 int. |
| | |16.9) è sicuro che è quello dello stadio |
| | |successivamente era stato prelevato da GIULIANO e ROMEO|
| | |(erano andati a scavare); (pag. 40) ma trovano due e |
| | |non tre involucri e pensano uno l'ha preso SCARANO |
| | |(p.82 int. 16.9.1997) |
| | |quando erano andati via dalla villetta era stato |
| | |infatti sotterrato accanto ad un albero che c'era nel |
| | |giardino della villetta; (pag.75) |
| | |il materiale lo avrebbero poi sotterrato vicino alla |
| | |villetta in costruzione di SCARANO, dove c'era un |
| | |ruscello; (pag.77) |
| | |stesso luogo dove aveva visto sotterrate delle armi |
| | |(verbale riassuntivo pag. 8) |
| |CONTORNO: il trasporto dell'esplosivo|era stato CARRA a trasportare l'esplosivo, sicuramente |
| |e delle armi ( CARRA) |quello utilizzato nel secondo tentativo, insieme a |
| | |delle armi; (pag. 47-48) |
| | |per l'esplosivo utilizzato nel primo tentativo sempre |
| | |CARRA, è incerto sul mezzo (dice forse in macchina); |
| | |(CARRA era andato a prelevarlo nel capannone della zona|
| | |industriale: p.86 int.16.9) |
| | |GRIGOLI aveva caricato il camion; erano state caricate |
| | |anche delle armi (Kalasnichov, pistole, etc) e il |
| | |carico era avvenuto nel magazzino dove l'esplosivo era |
| | |stato confezionato) (pag. 72); |
| | |il nascondiglio era ricavato sotto il ribaltabile |
| | |"c'era una specie di fosso" (pag. 73); |
| | |riferisce anche delle discussioni in merito alla |
| | |opportunità di ripetere l'attentato e che si era |
| | |pensato anche di bloccare CONTORNO con il camion; |
| | |conferma che aveva visto CONTORNO, ma che non era vero |
| | |che aveva avuto la possibilità di "sparargli";(pag.48) |
|pm firenze 24.6.1997 |CONTORNO: il secondo tentativo |(nell'int. del 16.9 pag.79 GRIGOLI non ricorda |
| | |esattamente se nel secondo tentativo viene riutilizzato|
| | |in tutto o in parte l'esplosivo del primo tentativo in |
| | |aggiunta a quello che avevano fatto arrivare di nuovo) |
| | |l'esplosivo era stato collocato in un altro posto |
| | |-quello in cui era stato trovato dai CC- perchè non era|
| | |prudente rimetterlo nel posto di prima; |
| | |era il luogo dal quale CONTORNO transitava per |
| | |imboccare l'autostrada; |
| | |come punto di osservazione per la persona che doveva |
| | |operare con il telecomando era stato scelto un posto di|
| | |fronte ad un bar lì vicino e altri stavano "più sopra";|
| | |(pag. 49-50) |
| | |quel giorno GRIGOLI rimane a casa; |
| | |CONTORNO non passa e la sera, quando vanno a riprendere|
| | |l'ordigno trovano la zona piena di poliziotti |
| | |(sembrerebbe che l'esplosivo fosse stato collocato |
| | |addirittura il giorno avanti e che era stato lasciato |
| | |sul posto per operare il giorno in cui poi viene |
| | |trovato) (pag.50-51) |
| | |qualcuno di loro aveva pensato di andare a casa a |
| | |prendere il telecomando per far saltare le forze |
| | |dell'ordine; (pag. 51-52) |
| | |in occasione del secondo tentativo non c'era SPATUZZA: |
| | |riferisce della lettera fatta pervenire a mezzo di |
| | |GIULIANO (quando era sceso per prendere i detonatori) |
| | |con la quale faceva presente di essere con loro con il |
| | |cuore (pag. 67) |
| | |SPATUZZA aveva partecipato al confezionamento |
| | |dell'esplosivo a Palermo(p. 105 int. 16.9) |
| | |non era stata utilizzata un'autovettura come autobomba |
| | |perchè già "erano state fatte queste cose...CONTORNO |
| | |poteva..non lo so...ci potevano essere più controlli.."|
| | |(pag. 52) |
| | |avevano pensato di utilizzare come contenitore un |
| | |carrello di quelli che si agganciano alle auto e |
| | |posteggiarlo; (pag. 53) |
| | |nella preparazione dell'ordigno era stata utilizzata |
| | |una batteria da motocicletta; |
| | |"...poi c'era un altro aggeggino, non so spiegare |
| | |perché io di elettricità non è che ne capisca molto. |
| | |Poi c'era un altro aggeggino che si chiamava |
| | |accumulatore, non lo so, un...che faceva da |
| | |intermediario dal detonatore e, non direttamente alla |
| | |batteria c'era un altro aggeggino, che preparava lui |
| | |con altre batterie piccoline". |
| | |le tre balle erano state poi messe insieme; avevano |
| | |pensato di fare una cassa di ferro dove collocare |
| | |l'ordigno e avevano comprato della lamiera che era |
| | |stata tinta di verde, ma non era stata poi utilizzata; |
| | |l'attentato era stato organizzato direttamente da |
| | |Giuseppe GRAVIANO, come pure i precedenti; (pag. 53-54)|
| | | |
| | |era comunque BAGARELLA quello che comandava : cose del |
| | |genere non le poteva fare GRAVIANO di testa sua; |
| | |GRIGOLI sapeva quali erano i rapporti perchè aveva |
| | |avuto modo "di essere con BAGARELLA"; |
| | |(PAG. 54) |
| |Matteo MESSINA DENARO - GRAVIANO- |GRIGOLI accompagnava Matteo MESSINA DENARO agli |
| |BAGARELLA |appuntamenti con BAGARELLA; Matteo aveva fatto la |
| | |latitanza insieme a GRAVIANO; per puro caso non era |
| | |stato arrestato anche lui a Milano; (p.55) |
| | |Matteo aveva una ragazza austriaca, di Vienna: GRIGOLI |
| | |stesso era stato ad Enna ad imbucare delle lettere |
| | |(insieme a DI FILIPPO?) ; |
| | |sa dei rapporti stretti tra Giuseppe GRAVIANO, MESSINA |
| | |DENARO e BAGARELLA: di specifico sulle stragi sa solo |
| | |di Giuseppe GRAVIANO (pag. 56) |
| |Filippo GRAVIANO |gli risulta che fosse u.o., ma il capo- mandamento era |
| | |giuseppe GRAVIANO; (pag. 57) |
| |Esplosivo a SCARANO |nel magazzino dove era stato manipolato l'esplosivo |
| | |erano state fatte delle confezioni piccole, di un paio |
| | |di chili, che, diceva LO NIGRO, servivano a SCARANO; |
|pm firenze 16.9.1997 |le conoscenze "femmili"; |da GIACALONE aveva appreso che a Roma, tramite SCARANO |
| |la casa di SCARANO a Roma e a |avevano frequentato delle donne; |
| |Triscina |GRIGOLI era stato a casa di SCARANO : al primo piano, |
| |la moglie di SCARANO, |appena si entra c'è il salone, a destra la cucina; |
| |la conoscenza a Palermo di SCARANO |la moglie è una donna robusta, chiara di capelli; |
| | |GRIGOLI aveva incontrato SCARANO a Tre Fontane, nel |
| | |villino di GIACALONE; sapeva che SCARANO aveva un casa |
| | |a Triscina; |
| | |(p.91-93) |
| | |aveva conosciuto SCARANO nell'autosalone di GIACALONE |
| | |"che attendeva lì" e poi era stato prelevato da Fifetto|
| | |CANNELLA (non precisa l'epoca) (p.112) |
| | |Successivamente SCARANO era andato con SPATUZZA nel |
| | |negozio di GRIGOLI; GRIGOLI non si presentava mai e |
| | |forse negli ultimi tempi SCARANO lo conosceva con il |
| | |nome di Totò; (p. 113-114) |
| | |una volta, forse, SCARANO era anche stato a casa di |
| | |GRIGOLI, insieme a Matteo MESSINA DENARO; |
|pm firenze 16.9.1997 |la casa in costruzione di SCARANO e |GRIGOLI era stato nella casa in costruzione di SCARANO |
| |le armi |che si trovava non distante dalla villetta di Capena; |
| | |nei pressi di questo villino in costruzione c'era un |
| | |ruscello con un canneto dove SCARANO aveva sotterrato |
| | |una cassetta in legno (foderata di materiale gommoso p.|
| | |96) contenente armi: un paio di 45, una cal.9 corto, |
| | |una 44, una 45 Astra, un paio di pistole a tamburo; |
| | |le armi erano state consegnata da SCARANO a GRIGOLI per|
| | |portarle a Palermo: erano state quindi portate nel |
| | |villino di Capena e lì la cal. 9 se l'era presa |
| | |GIACALONE, la 45 Astra LO NIGRO.Le altre armi furono |
| | |destinate all'organizzazione. (p.93-95) e consegnate |
| | |per il trasporto a CARRA; a Palermo furono prese in |
| | |consegna da MANGANO, che a sua volta le consegnò a |
| | |BAGARELLA (una pare sia stata destinata al figlio di |
| | |RIINA) (P.95-96) |
| | |c'erano cartucce di 44, 45 e cartucce a palla |
| | |blindata, "cartucce anche contenenti piombo fine, tipo |
| | |cartucce per i fucili che fanno la rosata" (p.96) |
|pm firenze 16.9.1997 |DI FILIPPO Pasquale |entra a far parte del gruppo dopo le stragi ed insieme |
| | |hanno eseguito degli omicidi;(p.115) |
| |DI FILIPPO Pasquale: il periodo |GRIGOLI si era reso irreperibile (da quando?) e stava |
| |trascorso nel villino di Misilmeri |in un villino di Misilmeri insieme a Pasquale DI |
| | |FILIPPO (P. 115) |
| |confidenze sulle stragi |Pasquale DI FILIPPO aveva diverse conoscenze sulle |
| | |stragi: era stato GIULIANO la fonte delle sue |
| | |informazioni; |
| | |comunque GRIGOLI aveva fatto delle confidenze a DI |
| | |FILIPPO in genere sulle stragi; (p.116-117) |
| |il "foglio" delle indagini |con Pasquale DI FILIPPO si incontravano abitualmente al|
| | |distributore: una sera mentre erano insieme arriva |
| | |CARRA sconvolto in quanto era entrato in possesso di un|
| | |documento della DIA dove c'erano parecchi nomi con |
| | |riferimento alle indagini sulle stragi: ricorda |
| | |SPATUZZA e Matteo MESSINA DENARO. CARRA dice che ne era|
| | |venuto in possesso tramite una donna, il cui padre era |
| | |stato interrogato, e per caso le era stato dato; |
| | |GRIGOLI consegna il foglio a Nino MANGANO e questi lo |
| | |porta a Matteo che sosteneva che, essendovi diversi |
| | |nominativi di Trapani e Castelvetrano, sicuramente il |
| | |fatto era da ricondursi alle indagini su SCARANO che |
| | |aveva avuto dei contatti per l'acquisto di un villino a|
| | |Triscina (pag.117-119) |
| |SINACORI |era il capo-mandamento di MAZARA (pag.123) gli è stato |
| | |presentato da Matteo MESSINA DENARO; lo ha conosciuto |
| | |in uno degli appuntamenti che Matteo aveva con i suoi |
| | |paesani, |
| | |(cita Vincenzo VIRGA, Vito MAZZARA, Nino BONACCORSO) o |
| | |a Palermo(dove Matteo era latitante) o nel trapanese; |
| | |GRIGOLI (accompagnava solitamente MESSINA DENARO); P. |
| | |120-121 |
| |FERRO Giuseppe |lo ha conosciuto: FERRO era solito venire nel suo |
| | |negozio per prendere contatti con Nino MANGANO e, |
| | |tramite questi, con BAGARELLA; |
| | |negli ultimi tempi tutti prendevano contatti con |
| | |MANGANO (cita CUCUZZA); |
| | |FERRO era il capo-mandamento di Alcamo, il cui posto |
| | |era stato poi preso da Nino MELODIA; (p. 121-122); |
| |FERRO Vincenzo: |lo ha conosciuto: lo chiamava Enzo, accompagnava il |
| |l'omicidio PIRRONE, la latitanza a |padre nel suo negozio quando FERRO Giuseppe si |
| |Marausa |incontrava con MANGANO; |
| | |l'ha poi rivisto in occasione dell'omicidio PIRRONE; |
| | |(avevano partecipato anche CANNELLA, BARRANCA, |
| | |SPATUZZA, MELODIA, MANGANO, PIZZO P. 131) |
| | |GRIGOLI viene accidentalmente ferito ad un piede |
| | |quindi aveva visto Enzo FERRO allorchè GRIGOLI era |
| | |latitante a Marausa insieme a Michele MERCADANTE, |
| | |Mariano ASARO, Gaspare SPATUZZA (125-126); |
| |gli incontri al vertice |BAGARELLA, MESSINA DENARO, FERRO, MANGANO si |
| | |incontravano settimanalmente; anche Giuseppe GRAVIANO |
| | |partecipava agli incontri. Matteo aveva fatto la |
| | |latitanza con i GRAVIANO (P.123) |
| |l'arresto dei GRAVIANO |quando i GRAVIANO vengono arrestati a Milano, Matteo |
| | |gli dice che lui era scampato all'arresto per miracolo,|
| | |in quanto era stato invitato con la sua ragazza a |
| | |Milano ma non era andato; |
| | |GRIGOLI non ha saputo di vacanze trascorse di Matteo |
| | |insieme ai GRAVIANO; (125) |
| |RIZZUTO Damiano |persona uccisa da Pietro ROMEO, anni addietro |
| | |(tre-quattro) p. 134 |
| |DI FILIPPO Emanuele |lo conosce all'epoca della vicenda SUCATO p.135 |
| |CALVARUSO Tony |lo conosce: era il "contatto" di BAGARELLA e doveva |
| | |partecipare all'omicidio dei fratelli D'AMBROGIO (uno |
| | |ucciso in piazza SCAFFA, l'altro "scomparso") (p. 135) |
| |SPATARO Salvatore |lo conosce: era persona che "girava" intorno a |
| | |CANNELLA; (p.136) |
| |D'AGOSTINO Giuseppe |aveva avuto una questione di soldi e non gli aveva |
| | |pagato un assegno di 10 milioni; |
| | |D'AGOSTINO conosceva CANNELLA e c'era stata una |
| | |riunione alla quale aveva partecipato anche MANGANO; |
| | |GRIGOLI comunque non aveva dato i soldi a D'AGOSTINO e|
| | |si era meravigliato poi dell'arresto insieme ai |
| | |GRAVIANO, tanto che aveva pensato che i soldi glieli |
| | |avessero dati loro per "agganciarlo" (pag. 137-140) |


PM PALERMO |omicidi confessati, tra gli altri: |AMBROGIO Giovanni
AMBROGIO Giuseppe
CASELLA Stefano
BRONTE Francesco
CARUSO Salvatore
CASTIGLIONE Antonino
OUESLATI Ridha
JELASSI Mehrez e AZZAOUI Kamel
SAVOCA Francesco
SPATARO Giovanni e BUSCEMI Gaetano
| |
|PM PALERMO |sequestro di Giuseppe DI MATTEO |l'ordine era stato dato da Giuseppe GRAVIANO; |
| | |il commando era costituito da SPATUZZA, CANNELLA, |
| | |GIACALONE, LO NIGRO e GIULIANO, fingendo di essere |
| | |della DIA; il bambino viene prelvato nel maneggio di DI|
| | |VITALE Salvatore; |
| | |il bambino viene poi consegnato a delle persone che non|
| | |sa indicare; nulla sa delle successive vicende; |
| |omicidio di padre PUGLISI |deliberato da Giuseppe GRAVIANO, eseguito insieme a |
| | |GIACALONE, LO NIGRO e SPATUZZA; materialmente spara |
| | |GRIGOLI; |
| |Francesco TAGLIAVIA |conosce tali persone: TAGLIAVIA u.o., GAROFALO |
| |Sebastiano LOMBARDO |trafficanti di hashish; |
| |i fratelli GAROFALO |LOMDARDO Salvatore, fratello di Sebastiano, contatto di|
| |Renzino TINNIRELLO |SPATUZZA |
| |LUPO Cesare |conosce Renzino TINNIRELLO |
| | |ha sentito parlare di LUPO Cesare da MANGANO e SPATUZZA|
| | |come persona vicina ai GRAVIANO e loro socio nel campo |
| | |dell'edilizia; |
| |Filippo e Giuseppe GRAVIANO |la famiglia di Brancaccio era retta da Giuseppe |
| |SPATUZZA reggente |GRAVIANO; questi si occupava del gruppo di fuoco, |
| | |Filippo curava le estorsioni e i rapporti con i |
| | |costruttori; ritiene che le decisioni più importanti |
| | |venissero prese di comune accordo; |
| | |GRIGOLI aveva ricevuto dal carcere degli incarichi da |
| | |GRAVIANO attraverso Nino MANGANO ed era stato sempre |
| | |GRAVIANO a volere SPATUZZA reggente del mandamento; |
| | |aveva appreso ciò nel corso di una riunione alla quale |
| | |avevano partecipato MESSINA DENARO, SINACORI, DI |
| | |TRAPANI, GUASTELLA, Vito MAZZARA e Nino MELODIA: questi|
| | |gli dice di rivolersi a SPATUZZA; |
| |Matteo MESSINA DENARO |era stato Nino MANGANO a mettere GRIGOLI a disposizione|
| | |di MESSINA DENARO; |
| |BRUSCA Giovanni |riferisce di un appuntamento, presente GRIGOLI, presso |
| | |l'hotel Agip tra BAGARELLA, BRUSCA, MESSINA DENARO |
| | |Matteo e MANGANO Antonino |
| |TRAFFICI DI STUPEFACENTI E ARMI |LO NIGRO aveva organizzato tre importazioni di hashish |
| | |dal Marocco per circa tremila chili; aveva anche armi e|
| | |un lanciamissile trasportati da CARRA e consegnati |
| | |nella camera della morte; erano state quindi nascoste |
| | |in un magazzino di Nino MANGANO; |
| | |le armi poi erano state spostate da SPATUZZA GIULIANO e|
| | |ROMEO; |
|Pasquale DI FILIPPO in dibattim. |gruppo ristretto |GRIGOLI faceva parte di un gruppo ristretto insieme a |
| | |MANGANO, PIZZO, DI FILIPPO |
| |omicidio CASTIGLIONE |GRIGOLI partecipe insieme a MANGANO e PIZZO |
| |"la dama" |GRIGOLI aveva dato questo soprannome a P. DI FILIPPO |
| |appartamento di via Ingegneros; |GRIGOLI andava in questo appartamento con DI FILIPPO; |
| |i documenti |vi si incontravano MANGANO e MESSINA DENARO per fare i |
| | |conteggi; |
| | |una volta era rimasta la porta aperta e prendono i |
| | |documenti per consegnarli a MANGANO in via Scaglione; |
| |BENIGNO |GRIGOLI e MANGANO commentano l'uccisione di un omonimo |
| | |di Salvatore BENIGNO; |
| |SCARANO nel negozio |GRIGOLI si lamenta del fatto che SPATUZZA aveva portato|
| | |SCARANO nel suo negozio; |
| |ferimento al piede |GRIGOLI viene assistito da DI FILIPPO; |
| |omicidio di padre PUGLISI |GRIGOLI dice a DI FILIPPO di essere stato l'autore |
| | |dell'omicidio; |
| |omicidio di S. CASELLA |GRIGOLI dice a DI FILIPPO di essere stato l'autore |
| | |dell'omicidio insieme a GIACALONE; |
| |sequestro DI MATTEO |GRIGOLI dice a DI FILIPPO di essere stato l'autore; |
| |LE RADIO |GRIGOLI disponeva di radio per sintonizzarsi sulle |
| | |frequenze della Polizia, (nell'appartamento dove stava |
| | |con DI FILIPPO) |
| |hashish: "società Vaticano" |acquisto fatto insieme a DI FILIPPO: "società vaticano"|
| |acquisto di profumi: omicidio SAVOCA |GRIGOLI acquista insieme a DI FILIPPO profumi in |
| | |occasione omicidio SAVOCA; partecipi anche CANNELLA, |
| | |GIULIANO, ROMEO, FAIA, BATTAGLIA |
| |omicidio BRONTE |GRIGOLI è l'autore ma erano state arrestate due persone|
| | |estranee; |
| |omicidio dei due extracomunitari |GRIGOLI partecipe insieme a DI FILIPPO, BARRANCA, |
| | |CANNELLA, MANGANO, SPATUZZA, GIULIANO, LO NIGRO, PIZZO |


ROMEO Pietro in dibattimento
| |esplosivo fatto ritrovare a Palermo |GRIGOLI e LO NIGRO avevano nascosto in un giardino di |
| | |Corso dei Mille l'esplosivo che ROMEO aveva fatto |
| | |ritrovare; |
| |omicidio del tunisino che lavorava |GRIGOLI partecipe insieme a ROMEO, GIULIANO, LO NIGRO; |
| |con LO NIGRO | |
| |omicidio CARUSO |GRIGOLI partecipe insieme a CIARAMITARO, SPATUZZA, LO |
| | |NIGRO, TUTINO e GIULIANO |
| |omicidio BUSCEMI - SPATARO |GRIGOLI partecipe insieme a ROMEO, SPATUZZA, BARRANCA, |
| | |MANGANO, DI FILIPPO, GIULIANO |
| |omicidio dei due tunisini |GRIGOLI partecipe insieme a ROMEO, LO NIGRO, MANGANO, |
| | |SPATUZZA, DI FILIPPO, BARRANCA; |
| |omicidio SAVOCA |GRIGOLI partecipe insieme a ROMEO, FAIA, GIULIANO, |
| | |BARRANCA, DI FILIPPO, MANGANO; |
| |omicidio padre PUGLISI |GRIGOLI e SPATUZZA autori, secondo le confidenze a |
| | |ROMEO di GIULIANO; |


|sequestro DI MATTEO |su ordine di Giuseppe GRAVIANO eseguito da GRIGOLI, GIULIANO, GIACALONE, SPATUZZA (secondo le confidenze di GIULIANO) | | |omicidio CASELLA |GRIGOLI partecipe insieme a ROMEO, GIACALONE, TUTINO, MANGANO, SPATUZZA, GIULIANO, LO NIGRO; | |
| |ferimento GRIGOLI: omicidio PIRRONE |ROMEO apprende notizie dallo stesso GRIGOLI |


CIARAMITARO Giovanni in dibattimento
| |omicidio padre PUGLISI |GRIGOLI nel magazzino si vantava ...impugnando una 7,65|
| | |diceva .." chi vuole essere benedetto come padre |
| | |PUGLISI...." |
| |progetto di eliminare Tommaso GARGANO|GRIGOLI aveva incaricato CIARAMITARO di "portargli" |
| | |GARGANO perchè voleva uccidero; |
furto di targhe "Roma"GRIGOLI gli aveva dato incarico di compiere tali furti