Home page Indietro Contatti Cerca nel sito RSS
Sempre in primo piano
Ultimi 3 comunicati ↑
Ultimi 10 comunicati ↑
Il libro "Ore 1,04, la strage"
Il libro "Peggio di una guerra [..]"
Incontro con il Presidente del Senato R.Schifani
il 27 maggio 2008
   Le ultime 3 notizie   3 notizie nel periodo ''

   Le ultime 3 notizie
ARTICOLO
2772  del 
21/08/2019
http://www.firenzetoday.it/cronaca/morta-giovanna-maggiani-chelli-georgofili.htmlStrage dei Georgofili: morta Giovanna Maggiani Chelli
Apri
http://www.firenzetoday.it/cronaca/morta-giovanna-maggiani-chelli-georgofili.htmlStrage dei Georgofili: morta Giovanna Maggiani Chelli



Addio a Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell'Associazione tra i familiari delle vittime della Strage di via de' Georgofili. Attentato mafioso che coinvolse la figlia della signora Chelli. Quest'ultima si è spenta nella sua casa di La Spezia dopo una lunga malattia. Il sindaco Nardella ha ricordato il suo impegno: "Si è battuta senza sosta per 26 anni convivendo con il dolore perché giustizia fosse fatta fino in fondo". "Giovanna - ha aggiunto il sindaco - era la voce delle vittime dell'attentato del 27 maggio 1993. Una donna coraggiosa e tenace che contagiava nella sua passione civile per la ricerca della verità". "E a tutti noi ha affidato un compito da portare avanti - ha concluso il sindaco Nardella - continuare nella battaglia perché sia fatta luce completa su quella tremenda pagina della storia della nostra Repubblica".

Cordoglio anche in Consiglio comunale. "Una donna straordinaria per l'energia e la costanza con cui ha combattuto per la verità e la giustizia e contro la mafia" ha detto il presidente Luca Milani esprimendo il cordoglio dell'assemblea cittadina. "Nominata Cavaliere della Repubblica per il suo comprovato impegno, non ha mai arretrato di un passo ed ha lottato fino all'ultimo perché le vittime di quella odiosa strage avessero giustizia. Firenze certo non la dimenticherà. Ai familiari giunga l'abbraccio e l'affetto di tutto il Consiglio comunale". I funerali si svolgeranno domani a La Spezia in forma privata.

Il presidente della Regione Enrico Rossi ha inviato un telegramma alla famiglia che si apre così: "Ho appreso con dolore della morte di Giovanna Maggiani Chelli e rivolgo alla famiglia e a tutte le persone che con lei hanno condiviso il lavoro dell'Associazione, le mie profonde e sincere condoglianze".

Si unisce al cordoglio anche l'assessore regionale alla legalità Vittorio Bugli. "Giovanna Maggiani Chelli ha dedicato 26 anni della sua vita a tenere viva la memoria delle vittime della strage di via dei Georgofili. Si è battuta con tenacia per chiedere verità e giustizia e lo ha fatto con umanità e grande passione civile. E' stata un punto di riferimento e uno sprone instancabile per l'azione delle Istituzioni e della Regione. Nel nostro Centro di documentazione Cultura della Legalità Democratica, nato proprio in seguito alla stagione delle stragi mafiose del '93, oggi è conservata parte della documentazione processuale sull'attentato di Firenze oltre agli atti delle inchieste parlamentari, con lo scopo di testimoniare quella triste pagina della storia del nostro Paese". "Solo alcuni mesi fa - ha aggiunto Bugli - Giovanna ha voluto donare al Centro la documentazione raccolta dall'Associazione nel corso dei processi sulla strage. Un gesto per noi molto importante ma che, a maggior ragione visto oggi, ha forse voluto fare per dirci di andare avanti nella ricerca della verità completa su quanto avvenne in quegli anni e che colpì tremendamente le vittime, le loro famiglie e tutta Firenze con la strage di Via dei Georgofili. Anche per questo la Regione ha sempre sostenuto la giornata commemorativa della strage e delle sue vittime, combattendo a fianco di questa donna coraggiosa. E così continueremo a fare come continueremo a portare avanti le iniziative per la legalità con ancora maggiore determinazione".

Georgofili: 26 anni dopo - ŠAlessandro Busi
Chiudi
ARTICOLO
2771  del 
21/08/2019
http://met.provincia.fi.it/news.aspx?n=295986

Morte Giovanna Maggiani Chelli, il cordoglio del sindaco Nardella
Presidente dell�.....
Apri
http://met.provincia.fi.it/news.aspx?n=295986

Morte Giovanna Maggiani Chelli, il cordoglio del sindaco Nardella
Presidente dell''Associazione tra i familiari delle vittime della Strage di via de' Georgofili"Si è battuta senza sosta per 26 anni convivendo con il dolore perchè giustizia fosse fatta fino in fondo". Così il sindaco Dario Nardella ricorda Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell''Associazione tra i familiari delle vittime della Strage di via de' Georgofili'.
"Giovanna - ha aggiunto il sindaco - era la "voce" delle vittime dell'attentato del 27 maggio 1993. Una donna coraggiosa e tenace che contagiava nella sua passione civile per la ricerca della verità". "E a tutti noi ha affidato un compito da portare avanti - ha concluso il sindaco Nardella - continuare nella battaglia perchè sia fatta luce completa su quella tremenda pagina della storia della nostra Repubblica". (fp)

21/08/2019 13.10
Comune di Firenze
Chiudi
NOTIZIA ANSA
2770  del 
21/8/2019
FIRENZE, 21 AGO - E' morta la notte scorsa, dopo una lunga malattia, nella sua casa di La Spezia, Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell'..... Apri
FIRENZE, 21 AGO - E' morta la notte scorsa, dopo una lunga malattia, nella sua casa di La Spezia, Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell''Associazione tra i familiari delle vittime della Strage di via de' Georgofili'. Aveva 75 anni. Fu 'spina nel fianco' di inquirenti e opinione pubblica affinché si facesse piena luce sull'attentato mafioso del 27 maggio 1993 a Firenze che causò cinque vittime, decine di feriti e ingenti danni. Morirono Fabrizio Nencioni e Angela Fiume con le figlie Nadia, 9 anni, Caterina, 50 giorni di vita, e lo studente Dario Capolicchio, 22. Giovanna Maggiani Chelli, che era madre di una ragazza coinvolta nell'attentato, che fece parte della strategia stragista di Cosa Nostra nel 1992-1993, non perse mai un'udienza dei processi contro Riina e gli altri mafiosi. Fu tra i fondatori dell'associazione dei familiari, venne nominata cavaliere della Repubblica per il suo impegno. (ANSA)
Chiudi