Home page Indietro Contatti Cerca nel sito RSS
Comunicati
Tutti i nostri comunicati e le notizie di agenzia che ci riguardano
Ultimi 3 ↑
Ultimi 10 ↑
anno 2017
anno 2016
anno 2015
anno 2014
anno 2013
anno 2012
anno 2011
anno 2010
anno 2009
anno 2008
anno 2007
anno 2006
anno 2005
anno 2004
anno 2003
anno 2002
   Le ultime 10 notizie   10 notizie nel periodo ''

   Le ultime 10 notizie
NOTIZIA ANSA
2715  del 
19/11/2017
Maggiani Chelli, 'Mafia sceglie nuovo capo anche da carceri'

Firenze. "Mentre la Chiesa di Papa Bergoglio ha avuto la forza e i.....
Apri
Maggiani Chelli, 'Mafia sceglie nuovo capo anche da carceri'

Firenze. "Mentre la Chiesa di Papa Bergoglio ha avuto la forza e il coraggio di dire no a qualsiasi riconoscimento per la mafia stragista, rifiutando i funerali a 'Toto u curto', lo Stato non ha saputo resistere e ha firmato un 'lascia passare' oltre il 41 bis, affinch&eacuto; i familiari di Riina potessero essere con lui mentre moriva".
Lo fa osservare Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell'Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili, in un comunicato stampa.
"E così - aggiunge - come era da aspettarsi, i media che aderiscono a fare da becchini al 41 bis, stanno in queste ore perorando la causa della mafia al grido di 'Provenzano e Riina sono morti aboliamo il 41 bis!'", ma "il nostro contro grido è 'Si inasprisca il 41 bis visto che Provenzano e Riina sono morti e ora dal carcere 'si voterà' a mezzo di 'pizzini' nascosti anche nelle 'merendine' pur di partecipare alle elezioni di un nuovo capo di Cosa Nostra. Un nuovo capo di Cosa Nostra pronto per la prossima strage terroristica eversiva". (ANSA)
Chiudi
NOTIZIA ANSA
2714  del 
17/11/2017
Riina: Rossi, muore da perdente boia responsabile delitti

FIRENZE, 17 NOV - " Muore Salvatore Riina, capo di Cosa Nostra. Un boia respo.....
Apri
Riina: Rossi, muore da perdente boia responsabile delitti

FIRENZE, 17 NOV - " Muore Salvatore Riina, capo di Cosa Nostra. Un boia responsabile di enormi delitti. Muore da perdente. Tra i suoi crimini anche l' attentato di via dei Georgofili a Firenze, il 27 Maggio 1993 (5 morti e 48 feriti). Lo stragismo mafioso fu concepito allora anche per ricattare lo Stato in cambio dell' abolizione del carcere duro e del 41 bis, che avrebbe consentito alla mafia di ricostruire la sua trama" .
È quanto scrive sul proprio profilo facebook, Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana e fondatore di Articolo Uno - Mdp.
" Giovanna Maggiani Chelli, portavoce dell' associazione dei familiari delle vittime di via dei Georgofili, ha commentato la morte di Riina con parole lapidarie, che condivido e riporto qui: ' Abbiamo speso 25 anni della nostra vita e non ce l' ha fatta, Salvatore Riina, a fare abolire sulla carta bollata il carcere duro. è morto in regime di detenzione 41 bis, questo è quanto dovevamo ai nostri morti' " ha concluso Rossi.(ANSA)
Chiudi
NOTIZIA ANSA
2713  del 
17/11/2017
PALERMO, 17 NOV - " E' morto Salvatore Riina il boia di via dei Georgofili del 27 Maggio 1993. In via dei Georgofili ha messo in atto '..... Apri
PALERMO, 17 NOV - " E' morto Salvatore Riina il boia di via dei Georgofili del 27 Maggio 1993. In via dei Georgofili ha messo in atto ' La strage del 41 bis' come la definė il Procuratore Gabriele Chelazzi: 5 morti, 48 feriti sono stati il tentativo di Salvatore Riina di far abolire il 41 bis. Abbiamo speso 25 anni della nostra vita e non ce l' ha fatta Salvatore Riina a fare abolire sulla carta bollata il carcere duro ed è morto a 41 bis, questo è quanto dovevamo ai nostri morti" .
Cosė Giovanna Maggiani Chelli, dell' Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili, commenta la notizia della morte del capo di Cosa Nostra.
" Tuttavia fin da quel 1993 e fino ad oggi - aggiunge - i passaggi da 41 bis a carcere normale, hanno denotato quanta forza nell' ambito dello Stato sia stata spesa per assecondare i desiderata della mafia, ma questo è un capitolo ancora tutto aperto. Stiamo aspettando un processo per capire chi aveva in quel 1993 promesso a Riina ,in cambio di morti, l' abolizione del 41 bis" . (ANSA)
Chiudi
COMUNICATO
2712  del 
17/11/2017
Fino a poche ore ci eravamo illusi che il Riina Salvatore fosse morto a 41 bis, non è così, la deroga al 41 bis dell’ultimo momento firm..... Apri
Fino a poche ore ci eravamo illusi che il Riina Salvatore fosse morto a 41 bis, non è così, la deroga al 41 bis dell’ultimo momento firmata Ministro Orlando, affinchè i familiari potessero andare ad assistere alla sua morte, cosa peraltro pare non avvenuta , è stato " l'onore delle armi" al macellaio di via dei Georgofili che potrebbe avere ripercussioni gravissime sul 41 bis stesso.
Siamo costernati, e possiamo dirlo infuriati, auspichiamo che il Ministro Orlando non abbia legato il suo nome a al colpo di grazia per l'abolizione del 41 bis

Giovanna Maggiani Chelli
Presidente Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili
Chiudi
COMUNICATO
2711  del 
17/11/2017
Rispondendo al Ministro della Giustizia circa il fatto che bisogna "marcare la differenza dalla mafia", spiegando così il gesto di &#..... Apri
Rispondendo al Ministro della Giustizia circa il fatto che bisogna "marcare la differenza dalla mafia", spiegando così il gesto di "pietà" verso Riina quando ha firmato la deroga al 41bis, affinchè i familiari del boss potessero essere presenti alla sua morte, ribadiamo che la differenza dalla mafia sarebbe arrestare Matteo Messina Denaro.
Fare deroghe al 41 bis quando Riina era in punto di morte è stato gravissimo e sicuramente la mafia lo ha accolto come un segnale.
I figli Riina li ha uccisi a noi e un Ministro della Repubblica dovrebbe avere più rispetto per le vittime piuttosto che pietà per i mafiosi e non creare un precedente gravissimo. Se poi ci sono vittime così sensibili che sentono un sentimento di pietà verso Riina, pur avendogli uccisi i parenti, è una cosa intima loro e a noi non appartiene.

Giovanna Maggiani Chelli
Presidente Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili
Chiudi
NOTIZIA Adnkronos
2710  del 
17/11/2017
" Lo stragismo mafioso fu concepito allora anche per ricattare lo Stato sul 41 bis"

Firenze, 17 nov. - (AdnKronos) - " Muore .....
Apri
" Lo stragismo mafioso fu concepito allora anche per ricattare lo Stato sul 41 bis"

Firenze, 17 nov. - (AdnKronos) - " Muore Salvatore Riina, capo di Cosa Nostra. Un boia responsabile di enormi delitti. Muore da perdente. Tra i suoi crimini anche l' attentato di via dei Georgofili a Firenze, il 27 Maggio 1993 (5 morti e 48 feriti). Lo stragismo mafioso fu concepito allora anche per ricattare lo Stato in cambio dell' abolizione del carcere duro e del 41 bis, che avrebbe consentito alla mafia di ricostruire la sua trama".
Lo afferma il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, fondatore di Articolo Uno - Mdp.

In un post su Facebook, Rossi riporta anche le parole di Giovanna Maggiani Chelli, portavoce dell' Associazione dei familiari delle vittime di via dei Georgofili, che ha commentato la morte di Riina " con parole lapidarie", che condivide e riporta: " Abbiamo speso 25 anni della nostra vita e non ce l' ha fatta, Salvatore Riina, a fare abolire sulla carta bollata il carcere duro. è morto in regime di detenzione 41 bis, questo è quanto dovevamo ai nostri morti".
Chiudi
NOTIZIA ANSA
2709  del 
16/11/2017
Riina: Orlando firma permesso, figli vicino al padre

ROMA, 16 NOV - Con il parere positivo della Procura nazionale antimafia e dell'Amm.....
Apri
Riina: Orlando firma permesso, figli vicino al padre

ROMA, 16 NOV - Con il parere positivo della Procura nazionale antimafia e dell'Amministrazione penitenziaria, il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha firmato il permesso per i figli di Totò Riina che potranno stargli vicino, nella struttura sanitaria a Parma in cui si trova da tempo e le cui condizioni sono precipitate. (ANSA)
Chiudi
COMUNICATO
2708  del 
17/11/2017
È morto Salvatore Riina il boia di via dei Georgofili del 27 Maggio 1993 .
Salvatore Riina in via dei Georgofili ha messo in atto "LA.....
Apri
È morto Salvatore Riina il boia di via dei Georgofili del 27 Maggio 1993 .
Salvatore Riina in via dei Georgofili ha messo in atto "LA STRAGE DEL 41 BIS" come la definė il Procuratore Gabriele CHELAZZI.
5 morti, 48 feriti sono stati il tentativo di Salvatore Riina di far abolire il 41 bis.
Abbiamo speso 25 anni della nostra vita e non ce l'ha fatta Salvatore Riina a fare abolire sulla carta bollata il carcere duro ed è morto a 41 bis, questo è quanto dovevamo ai nostri morti.
Tuttavia fin da quel 1993 e fino ad oggi, i passaggi da 41 bis a carcere normale, hanno denotato quanta forza nell'ambito dello Stato sia stata spesa per assecondare i desiderata della mafia "cosa nostra", ma questo è un capitolo ancora tutto aperto.
Stiamo aspettando un processo per capire chi aveva in quel 1993 promesso a Riina, in cambio di morti, l'abolizione del 41 bis.

Giovanna Maggiani Chelli
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili
Chiudi
COMUNICATO
2707  del 
16/11/2017
Sig. Ministro della Giustizia, Sig. PNA, Sig. Direttore del DAP.

Dove sta la logica secondo cui avete dovuto firmare della carta di Stato pe.....
Apri
Sig. Ministro della Giustizia, Sig. PNA, Sig. Direttore del DAP.

Dove sta la logica secondo cui avete dovuto firmare della carta di Stato per autorizzare i familiari di Riina ad assistere alla morte del loro congiunto il capo di Cosa Nostra,una organizzazione criminale a struttura piramidale, che in Italia ha provocato lutti, miseria e disperazione quanta ne hanno prodotta i nazisti nei campi di concentramento?
Perch&eacuto; avete messo noi le vittime di Riina a dover affrontare il torto della Vostra umana pietà intrisa di ipocrisia e vigliaccheria?
Cosa farete il 27 Maggio prossimo, verrete a Firenze in via dei Georgofili a mettere in fila un per una le cattiverie, le scelleratezze di "cosa nostra" organizzazione criminale a cui appartiene Salvatore Riina e fare finta di indignarvi?
Riina poteva morire come tutti, e lui in vita è trattato sicuramente meglio di tutti noi, senza che ci fosse alcun bisogno della pietà istituzionale.
Perch&eacuto; Riina deve morire con la Sua famiglia, i nostri figli sono morti soli come cani abbandonati dallo Stato nelle mani di Riina, è per questo che vi attanaglia il senso di pietà verso la mafia?
Lo Stato deve garantire giustizia alle vittime in base al crimine che il reo ha commesso e Riina ha passato ogni limite nella scala criminale.
L'Abbiamo detto nel nostro comunicato, Dio abbia pietà di Riina non gli uomini istituzionali di questa Italia.
Non vi capiremo mai
Eravamo soli quando Riina ci ha massacrato in via dei Georgofili, siamo soli oggi davanti ad uno Stato pietoso verso il CAPO DI COSA NOSTRA.
Concludo, Signor Ministro, Lei che è spezzino, è informato di come muoiono in questi giorni i vecchi nell’ospedale della Spezia e Sarzana abbandonati senza familiari?

Giovanna Maggiani Chelli
Presidente Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofli
Chiudi
COMUNICATO
2706  del 
16/11/2017
SIGNOR MINISTRO DELLA GIUSTIZA,
UNO STATO CHE NON HA IL CORAGGIO DI AFFRONTARE LA MORTE DI UNO STRAGISTA DELLA PORTATA DI SALVATORE RIINA, SENZA I.....
Apri
SIGNOR MINISTRO DELLA GIUSTIZA,
UNO STATO CHE NON HA IL CORAGGIO DI AFFRONTARE LA MORTE DI UNO STRAGISTA DELLA PORTATA DI SALVATORE RIINA, SENZA IMPIETOSIRSI, E'UNO STATO CHE HA DELLE COLPE VERSO LE VITTIME DI RIINA.

GIOVANNA MAGGIANI CHELLI
PRESIDENTE ASSOCIAZIONE TRA I FAMILIARI DELLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIA DEI GEORGOFILI
Chiudi